Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Lun 23 - 9:25
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione

toblòg

toblòg <<>> fotoblòg

Blog sospeso!
Il mio blog attuale:
Near a tree

Su di me
Chi è vb?
Cos'è toblòg?
Cos'è fotoblòg?
La mia home page

toblòg per e-mail
Lascia la tua e-mail per essere avvisato in automatico dei nuovi post di toblòg.

Cerca in toblòg

Gravitazioni
Elena
Simone, Rutto, Gaglia,
Dumbo, Lobo, Sciasbat,
Fabbrone, Susan, Bruno
.mau.
Dariofox, Matteo
Lenders
Fraser, Mugly, Laurence
Thomas, Bret, Esther, Wendy, Karl A., Ross

Aggregami! RSS 0.92 RSS 2 RDF

[powered by b2 + molte modifiche - login]

Robe da Tunisi
Numero 104 - 15 Novembre 2005 (Martedì), 18:22

Vecchio Commonwealth Oggi su fotoblòg

Vecchio Commonwealth

Molto inglese.

Beh, ecco, ieri sera ero stato un po' troppo ottimista: l'accordo sulla governance di Internet più o meno c'è, ma non si è ancora risolto in un accordo vero e proprio e firmato col sangue.

L'intera giornata è stata spesa in indecorose negoziazioni, con gli americani che accetterebbero di eliminare le loro parentesi quadre dal paragrafo 76 (creazione del forum) se gli algerini accettassero di eliminare quelle sul paragrafo 78 (garanzia che il forum non abbia un ruolo di controllo), ma loro non accettano se non vengono eliminate quelle al paragrafo 67, che però sono legate a una lunga discussione sul paragrafo 75, e così via. Piano piano, il testo converge: qui trovate le successive versioni.

L'Unione Europea, comunque, si è svegliata dal letargo e ha tirato fuori una nuova proposta per il paragrafo 75 – quello chiave, che si occupa della riforma di ICANN e del ruolo dei governi – che è stata da tutti applaudita e poi usata come punto di partenza per cercare di reinserire tutti i punti contestati delle versioni precedcnti. E così, si è arrivati alle 17, quando il presidente del PrepCom e mio vicino di aereo da Roma a Tunisi, l'ambasciatore lettone Janis Karklins, ha convocato tutti i capi delegazione per fargli la classica ramanzina: il testo doveva essere finito a mezzogiorno e qui si cincischia! Lo dica al russo, che ancora non ha mollato la propria irritante quanto irragionevole richiesta di menzionare l'ITU (ancora un po' e i distinti delegati gli mettono le mani addosso).

Insomma, l'accordo completo sul testo non c'è ancora, ma siamo fiduciosi; mal che vada, si spera al massimo di prolungare le negoziazioni fino a domani mattina.

Sul piano della libertà di espressione, invece, stamattina per protesta alcune NGO hanno cancellato gli eventi che avevano organizzato all'interno del Summit, per segnalare la propria impossibilità di lavorare in queste condizioni: del resto, i personaggi scomodi della comunità locale, per quanto invitati a parlare, non possono nemmeno entrare al Summit, visto che il governo tunisino ha ottenuto che venisse negato loro l'accredito. E non solo a loro: ad esempio, il governo cinese già mesi fa ha preteso e ottenuto la radiazione dal Summit dell'associazione Human Rights in China.

Il gioco preferito della società civile è individuare quali siti vengono filtrati dal firewall nazionale (dagli alberghi, perchè dentro il Summit la rete è apparentemente non filtrata): se andate su Google e cercate “anonymizer” il risultato è un beffardo “page not found” (pagina non trovata su Google?!?).

E in questo momento vi scrivo dalla riunione plenaria della società civile, che sta cercando di decidere cosa fare, in mezzo agli esponenti delle "GONGO" (Government Non-Governmental Organizations, il nomignolo che gli abbiamo dato) della Tunisia, che prendono la parola per applaudire il loro grande Presidente e accusare gli occidentali di venire qui a fare colonialismo culturale, con tutte le loro vuote parole sulla democrazia e la loro mancanza di rispetto per le usanze locali (repressione compresa).

Detto questo, oggi volevo dedicare un approfondimento alla Tunisia, questo meraviglioso Paese e primaria meta turistica nel Mediterraneo, e alla sue eccezionali capacità organizzative.

Immaginate quindi di essere in albergo, di solito un meraviglioso cinque stelle che tipicamente ha una fantastica piscina al centro, con regolamentari palme, in modo da sembrare eccezionale sulle foto; ma le camere, viste bene, sembrano quelle di una media pensione di Cesenatico.

Per prima cosa, dovete prendere un taxi o una navetta. In teoria, la navetta sarebbe consigliabile, se non che nessuno sa quando passano; e quando passano, non sanno dove devono andare; e se sanno dove devono andare, non sanno come arrivarci. E' diventata leggendaria la storia della signora del governo svedese salita sulla navetta all'aeroporto e portata a spasso per un'ora e mezza, in cerca del suo albergo: almeno ha fatto un giro turistico. Ma capirete che se avete una riunione alle 9, uscire e aspettare una navetta che passa forse ogni quarto d'ora, forse ogni ora, e forse (se l'autista si è svegliato tardi) non passa proprio, non è una grande opzione.

Con i taxi, comunque, non è molto meglio; perchè ammesso di riuscire a farne arrivare uno, e di riuscire a fargli attivare il tassametro, comunque esso non sarà autorizzato ad arrivare fino al Summit: vi dovrà lasciare a un chilometro di distanza, dove, dopo avervi guardato dentro le borse (e detto di andare pure, indipendentemente dal contenuto), vi faranno salire su un'altra mini-navetta che farà l'ultimo miglio. La stessa cosa si applica persino alle auto dell'ambasciata! E il problema è che le navette sono da sei posti l'una, e arrivano anche qui con frequenza e pianificazione random: sul fotoblog trovate la foto di quel che succede quando ne arriva finalmente una che va dove serve a qualcuno (il tizio raffigurato, in mancanza di meglio, stava cercando di salire sul tetto).

Dopodichè, giunti finalmente davanti all'ingresso, dovete entrare: e qui vi trovate di fronte alle procedure di sicurezza, che cominciano con venti minuti di coda, visto che vi sono sei metal detector per 22'000 persone (VIP esclusi – gli ambasciatori no, ma hanno una coda a parte). Dopo aver mostrato un badge dotato di tag RFID, vi dovrete spogliare davanti a un signore tunisino che non sa bene che fare, tanto è vero che potete tranquillamente mollare la borsa, la macchina foto, la giacca dentro l'apparecchio a raggi X, e poi passare dalla porta. La porta suona, ma nessuno ha voglia di vedere perchè, e così potete tranquillamente andare avanti.

In compenso, ai tunisini è sfuggito un piccolo particolare: all'uscita della macchina a raggi X servirebbe un qualcosa perchè le borse potessero attendere il proprio proprietario. Purtroppo non ci hanno pensato: attualmente il nastro scorrevole, uscito dalla macchina, finisce nel vuoto, scaraventando portatili, macchine foto e telecamere direttamente per terra da mezzo metro d'altezza a meno che qualcuno non le prenda al volo. Alcuni inservienti, al terzo americano imbufalito, si sono attrezzati mettendoci davanti una sedia di plastica, che riduca almeno l'altezza della caduta.

Dentro il Summit la situazione non migliora: si tratta di un enorme padiglione fieristico, che è stato praticamente raso al suolo e ricostruito. Tutto, tranne le toilette, che, a giudicare dall'aspetto, sono le stesse in cui il locale Sultano frustava i genovesi sei secoli fa. In più, vi sono ben due toilette con tre pissoir ciascuna... per 22'000 persone. Oggi, giorno a mezzo servizio, la coda era di cinque minuti. Da domani, non osiamo pensare.

Idem per il cibo: ci sono dei ristoranti che, ci hanno detto, dovrebbero aprire domani. Per il momento, le uniche sorgenti di cibo sono tre baretti, che vendono bibite, patatine, snack e panini preconfezionati in tre gusti. Io ho provato il tonno, uovo e harissa, che si è rivelato essere un blocco di pane con un tenue strato di harissa, una fetta di uovo, e, al centro, un qualcosa che avrebbe potuto essere mezzo grammo di tonno. Il tutto per tre euro, che qui sono più o meno il costo di un pranzo in una taverna. Ma nessuno che abbia pensato di attrezzarsi seriamente per le centinaia di delegati che partecipano al PrepCom e alle ultime negoziazioni.

Del resto, anche la logistica delle stanze è complicata: si tratta di spazi angusti e tappati, dove la temperatura arriva immediatamente a livelli sahariani. E poi, per promuovere l'orgoglio nazionale, hanno deciso di chiamarle, anziché con numeri, con i nomi delle città tunisine. Peccato che la stanza “Douga”, visto anche il livello di comfort, sia stata ormai universalmente rinominata “Dogga”; che nessun americano o giapponese riuscirà mai, per comunicare dove si trova il meeting, a pronunciare “Tozeur”; e che nessuno riesca a cogliere la differenza tra la stanza “Sidi Bou Saïd” e la stanza “Sidi Bouzid” (sì, sono due stanze diverse). In questo non siamo aiutati dal fatto che non c'è né una piantina, né una segnalazione di dove siano le varie stanze: bisogna tendenzialmente andare a vedere tutti i nomi sulle porte per trovarne una.

E non pensate di poter comunicare tanto facilmente: la rete wireless viene e va (sfido: la media è di una stanza, un access point, cento portatili; di cui un buon 50%, almeno fra la società civile, sono Mac); i telefoni prendono e non prendono, i messaggi di testo si perdono nel nulla. Ci siamo ridotti, in tempi di instant messaging, a lasciarci dei post-it presso gli uffici della società civile.

Ma la cosa forse più particolare è la quantità incredibile di persone che lavorano a questo Summit. Per chilometri intorno c'è un posto di blocco ogni trecento metri, con quattro poliziotti, filo spinato e manganelli; ci siamo chiesti come facciano ad avere tutti questi poliziotti, evidentemente un tunisino su dieci lavora in polizia. E poi, ovunque, ci sono stuoli di inservienti e attendenti, a branchi di dieci, venti, trenta. Peccato che nessuno di loro sappia esattamente cosa fare o cosa dire.

Di solito, ti dicono “non so” e si rimettono a parlare col vicino. Abbastanza spesso, ti maltrattano in francese, come se fosse colpa tua, in questo delirio, non sapere cosa devi fare. Alle volte ti danno con grande contegno e sicurezza indicazioni che si rivelano del tutto insensate. Più in generale, ti negano l'accesso, non importa da dove e a cosa e perchè tu stia andando là: per principio tu non puoi fare nulla, e il loro compito è di fare un gesto sdegnato e indicarti di tornare indietro (o di passare mezzo metro più in là, perchè a quel punto, anche se vedono, non è più di loro competenza). A un certo punto, tutti i passaggi tra la zona esposizioni e le sale di riunione sono stati chiusi, perchè ciascuno dei vari gruppi di sorveglianti sosteneva che si dovesse passare dall'altra parte; e la cosa non si è risolta finchè non hanno finito di litigare fisicamente tra loro.

Rileggendo tutto, mi accorgo che questo potrebbe sembrare semplicemente una lista di lamentele schizzinose (e non vi ho parlato dell'albergo!). Ma qui ognuno di noi ha in qualsiasi momento due o tre eventi contemporanei a cui dovrebbe partecipare, dalla mattina alla sera, e se si perdono un'ora per arrivare, un'ora per mangiare e un'ora per andare in bagno, è del tutto inutile essere venuti fin qui.

E poi, la cosa che veramente stupisce è come riescano ad essere disorganizzati in qualsiasi cosa, persino le minime: e ne ho omesse tante. L'ultima che vi racconto ancora è quella dell'Ambasciatore Bruni (persona squisita, anche per la cena che ci ha offerto) e del suo seguito che si preparano, si trovano alle 7,30 davanti all'albergo (come concordato la sera prima per poter essere alle 8 a una importante riunione degli Ambasciatori europei), attendono l'auto dell'ambasciata, alle 7,50 non si vede ancora, chiamano e... l'autista tunisino risponde inventandosi una scusa: non c'aveva voglia e, Ambasciatore o no, non era venuto.

Stasera, comunque, è la sera della verità: siccome la nostra ambasciata non ha più trovato posto a Tunisi, ci mandano a dormire ad Hammamet. A 80 chilometri da qui. Con le navette del Summit. Stavolta sì che ho bisogno di fortuna.


--vb.

<< Riforme in vistaL'accordo spiegato >>

<Commenti>

Attenzione: quanto segue potrebbe non essere vero.
bernardo parrella
15 Novembre
20:47
molto interessante, davvero, e assai utile questa panoramica in diretta, non solo sulle bollenti discussioni in atto, ma, anche e soprattutto, sul contorno di costume e organizzativo -- grazie mille! vittorio

e tieni duro, anzi, facci sapere com'e andata la navetta-trasferta ad hammamet!
 
Luca
16 Novembre
2:25
Scusa ma essendomi girato quest'estate tutta la tunisia mi viene da sorridere leggendo che la tua terribile camera d'albergo è comparabile ad una di cesenatico e che dormi ad HAMMAMET, la realtà tunisina è messa un tantino peggio e dormendo in alberghi non esclusivamente per turisti opulenti ci si abitua presto a dar la buona notte agli scarafaggi (educatissimi, quando accendi la luce entrano tutti nelle fessure per non disturbarti!!) e a considerare i bagni una versione poco pulita delle malebolgie...
bella poi l'immagine dei rappresentantidellasocietàcivile/fighetticonImac che hanno problemi a connettersi al wifi, fuori da Tunisi e dalle zone turistiche della costa internet è un concetto assai vago e spesso nei centri secondari non c'è proprio possibilità di connettersi.
Con tutto questo voglio solo dire che i problemi della tunisia sono ben altri che quelli che dovrete fronteggiare voi turisti privilegiati (e anche chi come me è meno privilegiato ma sempre turista): la libertà di espressione, come giustamente hai fatto notare, è costantemente negata (per un periodo è stato anche vietato di vedere Rai 1, che si riceve in tutta la zona nord...), l'unica alternativa reale al potere dispotico di Ben Alì sembra essere l'integralismo islamico (presente in percentuali minime, ma in aumento), le condizioni igenico sanitarie sono veramente basse, e il boom economico sta portando ad un aumento incontrollato dell'inquinamento che rischia seriamente di deturpare in pochissimi anni quella terra incredibile che è la tunisia...
Mi permetto di darti anche alcuni consigli: se non li hai portati dall'italia procurati dei farmaci per i problemi intestinali perch√© ho idea che data l'invasione di occidentali presto varranno pi√Ļ dell'oro, e se puoi cerca di farti una girata lontano dalle zone turistiche, dove i tunisini sono ancora delle persone stupende e gentilissime.
Ti auguro un buon lavoro.
 
Alessandro
16 Novembre
6:54
ciao vittorio sono un ragazzo di Modena mi chiamo Alessandro , piacere , vorrei chiederti un'informazione ,non sai percaso se si può vedere il summit di tunisi in qualche web cast o usando CS?
 
Digi
16 Novembre
8:59
Dovrebbe esserci un webcast dal sito dell'ITU
http://www.itu.int/wsis/tunis/webcast/index.a sp
 
vb
16 Novembre
10:21
c'è sicuramente il webcast sul sito dell'ITU, vedi l'url sopra.
in questo momento sono dentro la sala del plenario, dove è appena iniziata la cerimonia di apertura. tutti applaudono kofi annan, molti applaudono anche ben ali.
quasi quasi mando su una foto in quasi-diretta.
 
vb
16 Novembre
10:50
la foto è online. e l'accordo è stato raggiunto: qui e qui trovate i documenti finali del Summit.
 
Digi
16 Novembre
15:26
Qui c'e' anche il webcast degli eventi del padiglione Italia
http://www.italy4all.org/live.php
 
.mau.
16 Novembre
18:35
portatili; di cui un buon 50%, almeno fra la società civile, sono Mac

Capito perché hai comprato un mac!
 
Simone Caldana
17 Novembre
11:34
Capito perché hai comprato un mac!

ma no... e' una questione di maturita' in qualita' di utente di sistemi computerizzati.

Ti aspettiamo!

:-D
 


<Lascia un commento>
Nome E-mail
Url
Testo
Auto-BR (vai a capo a fine riga)

Oggi
Cambio di blog

Nel passato recente
14/4Lo schermo
13/4Fine (I feel)
27/3Rottami
25/3Perso e tradotto
6/3Una salita a Superga
15/2Miracolo a Torino
31/1L'Italia che filtra gli IP

Recenti su fotoblòg

Molto inglese.Attacco degli UFO?Anche qui!
La città vista dall'alto.Scappando dai cavi.La baia di Wellington.
Sull'Oceano al tramonto.Un albero sul cielo in fiamme.Un foro di luce sulla città.

Archivi
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Dicembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
Novembre 2003
Ottobre 2003
Settembre 2003
Agosto 2003
Luglio 2003
Giugno 2003
Maggio 2003

Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2018 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike