Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Lun 23 - 9:28
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione

toblòg

toblòg <<>> fotoblòg

Blog sospeso!
Il mio blog attuale:
Near a tree

Su di me
Chi è vb?
Cos'è toblòg?
Cos'è fotoblòg?
La mia home page

toblòg per e-mail
Lascia la tua e-mail per essere avvisato in automatico dei nuovi post di toblòg.

Cerca in toblòg

Gravitazioni
Elena
Simone, Rutto, Gaglia,
Dumbo, Lobo, Sciasbat,
Fabbrone, Susan, Bruno
.mau.
Dariofox, Matteo
Lenders
Fraser, Mugly, Laurence
Thomas, Bret, Esther, Wendy, Karl A., Ross

Aggregami! RSS 0.92 RSS 2 RDF

[powered by b2 + molte modifiche - login]

L'accordo spiegato
Numero 105 - 16 Novembre 2005 (Mercoledì), 19:08

Vecchio Commonwealth Oggi su fotoblòg

Vecchio Commonwealth

Molto inglese.

Questa mattina, a Tunisi, il Summit è iniziato e finito allo stesso tempo.

E' iniziato, perchè si è svolta la formale cerimonia di apertura, con i discorsi del Presidente tunisino Ben Ali, del Segretario Generale dell'ONU Kofi Annan, e di altri distinti delegati, tra cui il Preisdente della Svizzera (in quanto organizzatore della prima fase del Summit), che ha strappato applausi a scena aperta ricordando in modo sorprendentemente duro a Ben Ali che la libertà dei media e i diritti umani devono essere garantiti, fuori e dentro il Summit, perchè il Summit possa essere un successo; e il premio Nobel per la Pace, l'iraniana Shirin Ebadi, che abbiamo scelto noi della società civile.

Naturalmente, non appena il Presidente svizzero ha cominciato a parlare di queste cose, la televisione tunisina ha sfumato la diretta e mandato l'intervallo; la Ebadi non è stata mai inquadrata, in pratica non è mai esistita. Durante la conferenza stampa, il Presidente svizzero ha pesantemente criticato il fatto, e ripetuto le proprie posizioni (non si sa ancora se siano supportate dagli altri paesi occidentali o meno); la conferenza stampa della Ebadi è stata annullata. Il Summit è ormai pieno di poliziotti in borghese, e dovunque si formi un capannello di più di quattro persone della società civile, arrivano due poliziotti in borghese ad ascoltare con aria distratta; pare anche che la connettività degli uffici della società civile sia improvvisamente e misteriosamente divenuta malfunzionante. Oggi pomeriggio, poi, si doveva svolgere la cerimonia d'apertura del famoso Citizens' Summit, quello del blocco di lunedì mattina; per la delegazione italiana, a fare da testa di ponte, è andato Fiorello Cortiana. Non abbiamo ancora notizie di cosa sia successo.

E così, mettendo da parte i cattivi pensieri, ora è possibile girare per una sequenza infinita di stand, affollarsi nella lunga lista di eventi e presentazioni, infilarsi nella sala plenaria per ascoltare i vari capi di Stato (stasera alle 19, in diretta, parla Lucio Stanca), o chiacchierare nei corridoi; almeno in teoria, visto che in pratica l'organizzazione tunisina è collassata definitivamente, e ci vanno due ore di pullman per arrivare al Summit, quaranta minuti per la navetta che percorre i cinquecento metri militarizzati dal parcheggio auto e taxi all'ingresso, tre quarti d'ora di coda per il controllo sicurezza (sei ingressi per 22'000 persone), mezz'ora di coda per mangiare cibo preconfezionato (molti rinunciano), venti minuti di coda per la toilette delle signore. Più che il Summit alla velocità della rete, è quello della lentezza delle file.

Allo stesso tempo, il Summit si è chiuso ieri sera dopo le 22, con un accordo che ha del miracoloso (talmente miracoloso che stamattina hanno pubblicato la versione sbagliata del documento finale, provocando le ire dell'Unione Europea e una prontissima correzione volante). Pertanto, qui trovate il Tunis Commitment, ossia la dichiarazione di principio; e qui la Tunis Agenda, ossia gli impegni presi.

Le conclusioni sulla Internet Governance sono contenute nell'Agenda, nei paragrafi dal 29 all'82. Vi consiglio di leggerli tutti, anche se sono in maggior parte il riconoscimento di questioni specifiche che dovranno essere affrontate, e che erano già state concordate a fine settembre a Ginevra. Invece, mentre sono qui tranquillo nel plenario (sta ora parlando il Presidente palestinese Abbas, che sarà seguito dal Ministro degli Esteri israeliano Shalom), vorrei spiegare meglio i risultati sulle due grandi questioni che erano rimaste aperte: la creazione del Forum e il controllo governativo della rete.

Del Forum – ormai ufficialmente denominato “Internet Governance Forum” o IGF – si parla nei paragrafi dal 72 al 78. Ne ho già parlato diffusamente nei giorni scorsi, qui per esempio; confermo quindi che si tratterà di un organismo estremamente innovativo, che potrà occuparsi ad ampio raggio di tutte le questioni collegate a Internet, comprese alcune, come i diritti dei consumatori e la privacy, che sono di grande importanza per gli utenti finali, e che finora sono state lasciate a un Far West selvaggio. Inoltre, sarà aperto a tutti gli interessati (anche se va capito come).

Le sole novità dell'ultim'ora sono che il famoso delegato russo l'ha avuta vinta, ottenendo la menzione dell'ITU; ma anche che la Grecia si è offerta di ospitare la prima riunione del Forum, in una modernissima sala ereditata dalle Olimpiadi, e che quindi ci prepariamo tutti ad un viaggetto ad Atene.

Alla fine, siamo tutti molto contenti del risultato; di fatto, questa è una proposta che è nata originariamente dalla società civile, e alla fine, come compromesso, hanno riciclato intere frasi del Rapporto Finale del WGIG, alcune quali erano state vergate di mio pugno sul mio vecchio portatile; e non è roba da tutti i giorni ritrovare la propria prosa nella dichiarazione ufficiale di un Summit delle Nazioni Unite...

Qualche spiegazione in più per i non addetti ai lavori, invece, è necessaria per i paragrafi dal 68 al 71, più il 61, che parlano del controllo governativo della rete. Forse avrete visto qualche commento trionfale, sulla stampa americana, che dice che “gli americani hanno conservato il controllo della rete”. Questo è vero, ma fino a un certo punto.

In sostanza, capito che un accordo su cosa fare esattamente, sia in generale che sulla specifica questione della internazionalizzazione di ICANN, era impossibile, ci si è accordati soltanto su come proseguire la discussione.

Il paragrafo 61 è chiaro: si dice che bisognerà “iniziare o rinforzare” (non essendoci accordo sul fatto che cambiamenti soddisfacenti siano già in corso) un processo che “potrebbe prevedere la creazione di nuovi meccanismi” ma in modo da “dare impulso all'attuale evoluzione” (però “attiva”, mi raccomando) degli accordi esistenti. Chiaro, no? Praticamente, con una frase si è detto tutto e il contrario di tutto.

Il paragrafo 68 è una dichiarazione di principio, che riconosce che tutti i governi “dovrebbero” avere lo stesso ruolo, anche per assicurare la stabilità della rete (e quindi, nel controllo della root zone del DNS, che è un elemento fondamentale per tale stabilità). Si riconosce inoltre che i governi devono occuparsi delle questioni di interesse pubblico. Si tratta però di principi, senza una applicazione diretta e immediata.

Il paragrafo 69 riconosce la necessità di una “cooperazione incrementata”. Ebbene, questo è stato il pallino dell'Unione Europea: esagerando un po', si può dire che la posizione europea fosse: dite quel che volete, basta che menzioniate la necessità di una “cooperazione incrementata”. E' che quella frase era stata lungamente negoziata tra i Paesi sostenitori dell'autogoverno completo della rete e quelli sostenitori di un nuovo organismo governativo internazionale per Internet, e quindi noi europei ci siamo aggrappati ad essa come alla fune che poteva tenerci uniti. Questo detto, il resto del paragrafo è una serie di bilanciamenti, in cui si dice che i governi devono essere abilitati a svolgere il proprio ruolo sulle questioni internazionali di Internet, però non su quelle relative alla gestione quotidiana e operativa della rete, a meno che esse non siano di interesse pubblico.

Il paragrafo 70 specifica che questa “cooperazione incrementata” dovrebbe applicarsi al livello di principio anche sul DNS e sulle altre “risorse critiche di Internet”. E poi, la prima proposta pratica: si chiede alle organizzazioni che se ne occupano (in primis, ICANN) di collaborare per creare tale cooperazione.

Il paragrafo 71, infine, è l'unico pratico: si chiede a Kofi Annan di iniziare il processo che porterà alla “cooperazione incrementata”, coinvolgendo però, si capisce, le organizzazioni cooperande, e anche tutti i gruppi interessati. Allo stesso tempo, si dice che le stesse organizzazioni (in primis, ICANN) dovrebbero iniziare da sole un processo verso la “cooperazione incrementata”, e fornire un rapporto annuale su tale processo.

Già, ma che cos'è la “cooperazione incrementata”? Beh, su questo nessuno è d'accordo, quindi chiaramente non lo si dice: chi vivrà, vedrà.

Allora, vediamo di ricapitolare: le azioni pratiche che questo Summit ha deciso, per quanto riguarda la governance di Internet, sono tre:

1) invitare Kofi Annan a convocare la prima riunione di un nuovo Internet Governance Forum, secondo le forme e il mandato specificati, in Grecia, entro giugno 2006;

2) invitare Kofi Annan ad avviare un processo per definire e realizzare la “cooperazione incrementata” che dovrebbe permettere ai governi di svolgere il proprio ruolo (qualunque esso sarà), entro marzo 2006;

3) invitare le organizzazioni responsabili della governance di Internet (a partire da ICANN) ad avviare appena possibile un processo di riforma interna, per implementare la propria parte della “cooperazione incrementata”.

Come vedete, se è vero che gli Stati Uniti per il momento conservano invariato il proprio ruolo – ma nessuno realisticamente pensava che questo Summit potesse chiudere ICANN o smuovere gli americani di punto in bianco! –, è anche vero che la bottiglia è stata rotta contro la chiglia: per quanto nessuno sappia di quanto ci si muoverà e dove si andrà a finire, la nave che dovrà traghettare la governance della rete verso un futuro assetto tutto da discutere è stata varata. Alla fine, si trattava dell'unico esito possibile.

Allo stesso tempo, non dimentichiamo che due anni fa, prima che si desse il via ai lavori del WGIG, non si era d'accordo nemmeno su cosa esattamente fosse la governance di Internet, e quali questioni riguardasse. Da allora, pur senza alcun cambiamento evidente, le cose si sono già molto evolute. Nulla impedisce che possano evolversi ancora di molto, nel giro di pochi anni. Del resto, le prossime elezioni presidenziali americane sono già nel 2008...


--vb.

<< Robe da TunisiAppunti di viaggio >>

<Commenti>

Attenzione: quanto segue potrebbe non essere vero.
paolo zocchi
18 Novembre
18:44
Ciao Vittorio, posso pubblicare questo post sul sito dell'Osservatorio nazionale ICT della Margherita?
 


<Lascia un commento>
Nome E-mail
Url
Testo
Auto-BR (vai a capo a fine riga)

Oggi
Cambio di blog

Nel passato recente
14/4Lo schermo
13/4Fine (I feel)
27/3Rottami
25/3Perso e tradotto
6/3Una salita a Superga
15/2Miracolo a Torino
31/1L'Italia che filtra gli IP

Recenti su fotoblòg

Molto inglese.Attacco degli UFO?Anche qui!
La città vista dall'alto.Scappando dai cavi.La baia di Wellington.
Sull'Oceano al tramonto.Un albero sul cielo in fiamme.Un foro di luce sulla città.

Archivi
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Dicembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
Novembre 2003
Ottobre 2003
Settembre 2003
Agosto 2003
Luglio 2003
Giugno 2003
Maggio 2003

Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2018 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike