Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Sab 22 - 23:02
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione

toblòg

toblòg <<>> fotoblòg

Blog sospeso!
Il mio blog attuale:
Near a tree

Su di me
Chi è vb?
Cos'è toblòg?
Cos'è fotoblòg?
La mia home page

toblòg per e-mail
Lascia la tua e-mail per essere avvisato in automatico dei nuovi post di toblòg.

Cerca in toblòg

Gravitazioni
Elena
Simone, Rutto, Gaglia,
Dumbo, Lobo, Sciasbat,
Fabbrone, Susan, Bruno
.mau.
Dariofox, Matteo
Lenders
Fraser, Mugly, Laurence
Thomas, Bret, Esther, Wendy, Karl A., Ross

Aggregami! RSS 0.92 RSS 2 RDF

[powered by b2 + molte modifiche - login]

In galera!
Numero 108 - 23 Novembre 2005 (Mercoledì), 15:42

Vecchio Commonwealth Oggi su fotoblòg

Vecchio Commonwealth

Molto inglese.

La notizia di questa mattina – otto tifosi del Toro arrestati per la folle giornata del 25 agosto, di cui tre spediti dritti alle Vallette – non giunge certamente inattesa. Da settimane, sul forum di Toronews, si trovava in bella evidenza fra gli “importanti” un thread relativo alle paventate conseguenze legali per le manifestazioni di quest'estate; e la preoccupazione che serpeggiava nell'ambiente era pari solo alla solidarietà preventiva già manifestata da moltissimi tifosi.

Io sono, e sono sempre stato, un tifoso caldo dentro ma freddo fuori; un tifoso da curva Primavera. Vado allo stadio, con più o meno assiduità a seconda degli anni, dalla metà degli anni Ottanta; ma non ho mai frequentato il tifo organizzato. Quando quest'estate ho cominciato a scendere in piazza per il Toro, spinto dall'esasperazione e dall'indignazione, ho cominciato anche a conoscere, per la prima volta, alcuni degli appartenenti a questi gruppi, e, per una settimana, a passare le serate e le giornate insieme a loro; e poi, nei mesi successivi, a scoprire sempre di più questo mondo tramite il riverbero (peraltro piuttosto indiretto, e spesso fatto più di incomprensioni che di simpatia reciproca) che se ne ha su Toronews.

I più per bene dei miei amici per bene hanno cominciato a chiedermi: ma come, frequenti quella gente? Oppure a prendermi scherzosamente in giro: attento, ti vedremo prima o poi in galera, o con una spranga in mano! Eppure, sentendo i racconti buffi o drammatici di cinquant'anni di tifo granata, ho cominciato a capire un po' meglio il mondo dei tifosi della curva, scoprendo che tutto è, meno che quello che vogliono farci credere Pisanu e i telegiornali: non è, in particolare, un covo di disadattati, violenti, ignoranti, bestie.

Al contrario, il mondo degli Ultras ha la sua legge, ha le sue regole, ha i suoi leader, ha i suoi valori, molto più di quanto non li abbia la società italiana media, persa dietro allo sgomitare, alla carriera, al consumo e al successo. Prevede una dedizione totale alla causa, al punto da farsi riempire di botte solo per difendere una bandiera; prevede l'onore cavalleresco per cui un ultras, uno vero, può picchiare a sangue senza pietà un avversario, ma non colpirebbe mai una donna o un ragazzino, o un gruppo di tifosi “normali”; prevede una solidarietà totale per cui i problemi di uno sono di tutti, per cui chi non ha una famiglia la trova nel gruppo.

Io non sono e non diventerò mai un Ultras. Non approvo comunque la violenza, nemmeno quando è regolata ed accettata da entrambe le parti; né penso che una squadra di calcio sia un valore sufficiente per metterla in atto. Non approvo nemmeno la mancanza di pietà e la violenza verbale, almeno quando trascende; non mi son fatto problemi a dire chiaramente che, ad esempio, i cori di scherno sui morti dell'Heysel sono disgustosi e vergognosi. E però, stavolta, mi sento dalla loro parte.

Perchè gli Ultras, come i giovani dei centri sociali, come i manifestanti contro il TAV, sono per il sistema una minoranza pericolosa; organizzata, visibile, e poco disponibile a piegarsi in silenzio alle logiche di sfruttamento, di consumismo, di stratificazione sociale che caratterizzano sempre più la nostra società. E quindi anche per loro, come per i disoccupati senza speranza delle periferie francesi, è pronta la qualifica di racaille: di feccia della società, letteralmente di sporcizia in eccesso da buttar via appena possibile. Una qualifica da attribuire con facilità, da sostenere nei salotti televisivi, da gonfiare tramite il disprezzo che deriva dal medio moralismo con di ognuno di noi, dovendosi sentire migliore e dovendo annegare le proprie frustrazioni, gratifica chiunque possa essere identificato come diverso.

Lo dicevo pochi giorni fa a proposito delle manifestazioni contro il TAV: la violenza o la prevaricazione al di fuori della legge non va né giustificata né tollerata, se necessario anche con l'uso della forza pubblica; e se vale per il TAV, vale anche per l'incolumità personale del signor Giovannone. Questo però non toglie nulla al fatto che lo stesso uso della forza pubblica e della legge deve essere giusto, adeguato, e commisurato ai fatti.

E allora, bisogna far notare i fatti, e poi porsi delle domande.

I fatti sono che le "gravi manifestazioni" del 25 agosto sono consistite nell'occupazione di un incrocio stradale, nel presidio di un albergo a Moncalieri, nella successiva invasione e danneggiamento dell'albergo stesso, in un altro raduno davanti al Comune, e nella successiva devastazione degli arredi delle vie circostanti. Sono sicuramente fatti gravi, e vi sono in mezzo certamente dei reati, i cui autori vanno identificati e perseguiti.

Eppure, fino a prova contraria, nessuno si è fatto male (ricordo, al massimo, un poliziotto contuso); vi sono stati danni alle cose, consistenti in una automobile distrutta, arredi spaccati dentro l'albergo, un paio di tendoni del bar distrutti davanti al Comune, qualche vetrina spaccata, un paio di magliette bianconere rubate e bruciate, delle fioriere rovesciate. Nessuno ha rischiato seriamente di farsi male, nessuno ha coinvolto terze persone; a differenza per esempio di Messina, dove sono state bloccate per giorni le comunicazioni tra la Sicilia e il continente, o di Genova, dove i tifosi hanno addirittura sparato pallottole vere contro la Pretura; e non mi risulta che in alcuno di questi casi ci siano stati provvedimenti.

E tutto questo senza menzionare un altro aspetto della situazione, ossia che se può essere vero che l'invasione dell'albergo e i danneggiamenti in centro sono ascrivibili a una minoranza legata al tifo organizzato, in piazza comunque c'erano centinaia di persone, di cui la maggior parte padri di famiglia, donne e bambini, tifosi normalissimi che chiedevano delle risposte che nessuno si è preoccupato di dare; e che l'esasperazione è esplosa solo dopo giorni in cui le istituzioni di ogni genere e tipo hanno raccontato alla gente tutto e il contrario di tutto, incluso, in certi casi, alcune evidenti e palesi bugie. E se questo non giustifica l'uso della violenza né può portare all'impunità, perlomeno va considerato per rimettere le cose nella giusta prospettiva: non dieci violenti in un assalto gratuito, ma centinaia di persone normali abbandonate a difendere un pezzo di storia cittadina dagli squali, nel mezzo di una caotica storia all'italiana.

A questo punto, arrivano le domande.

Innanzi tutto, perchè attendere tre mesi per intervenire? E come sono state riconosciute con certezza le persone? Perchè in piazza c'erano centinaia di persone, e nell'albergo ce n'erano decine: e non sarei nemmeno certo che quelle otto che sono state scelte come capro espiatorio siano state davvero responsabili di qualche atto illegale, vista l'abitudine a colpire nel mucchio. Oppure non è che, trascorsi tre mesi senza cavare un ragno dal buco, sono andati a prendere i primi che hanno trovato, in modo da “colpirne uno per educarne cento” come in Cina? O, semplicemente, perchè a Torino, a differenza di Genova o Messina, c'è qualche magistrato che deve farsi vedere?

Ma poi – senza stare a scomodare fulgidi esempi della giustizia italiana, dall'onorevole Previti in giù, o in su se preferite – come mai una signora che ammazza il figlio diventa una star televisiva, e nel frattempo, pur condannata a trent'anni in primo grado, continua a girare a piede libero; come mai uno che stupra una quattordicenne dopo tre anni esce, per i successivi sette la riempie di minacce senza che la polizia intervenga, e alla fine la accoltella nell'indifferenza generale; e invece, persone che hanno spaccato quattro fioriere vengono prese e sbattute dritte in galera, dopo tre mesi e senza processo, nel biasimo generale di tutti i mezzi di comunicazione, con le foto a tutto schermo al TG5?

E infine, quali sono i reati contestati? Furto di magliette? Spaccamento di parabrezza? Accensione non autorizzata di fumogeni? Sono legati ad azioni specifiche, o, come temo, sono di quei reati d'opinione, come l'adunata sediziosa o la manifestazione non autorizzata, che abbiamo ereditato dal codice Rocco – quello approvato dal fascismo nel 1930 – e che esistono solo per reprimere il dissenso politico e sociale? E in quel caso, perchè incriminare solo otto ultras e non tutte le centinaia e centinaia di persone che erano in piazza a manifestare, donne bambini e vecchi compresi?

Io non dubito che ci sarà un regolare processo, in cui tutto sarà chiarito. Dal canto mio, mi sono già reso disponibile a testimoniare, e anche a partecipare alla colletta per pagare le spese legali della difesa. Perchè, ripeto, nessuno contesta il fatto che chi commette atti di violenza illegali debba essere adeguatamente perseguito e punito; ma non mi va nemmeno che poche persone paghino per una protesta collettiva che ha coinvolto mezza città, e che paghino in modo smisurato, vittime del pregiudizio che colpisce chiunque non si adegui passivamente ai modelli di comportamento passivo della nostra società; per cui ammazzare qualcuno a casa propria va bene, in modo che i giornali ci facciano su un bel servizio e i poliziotti ci facciano una bella figura; ma contestare in piazza, mai.


--vb.

<< Un sogno d'oltremareImpersonalia >>

<Commenti>

Attenzione: quanto segue potrebbe non essere vero.
marco
23 Novembre
16:24
grande vb. ciao.
 
fmf
23 Novembre
16:49
Occapito, vubbi', pero' superficialmente, mi sembra che condannare "minoranza legata al tifo organizzato" serva anche e soprattutto a salvaguardare le "centinaia di persone, di cui la maggior parte padri di famiglia, donne e bambini, tifosi normalissimi" da strumentalizzazioni.

E in piu', quando sento fare (o mi viene da fare, capita speeso anche a me) paragoni tipo quelli che hai fatto tra la franzoni e gli ultra' del Toro penso sempre a cosa mi disse una volta un agente dopo avermi fermato per eccesso di velocita' in risposta alle mie rimostranze per tutte le macchine che stavano sfrecciando: life sucks.
 
fmf
23 Novembre
16:50
E poi cambia i numeri di conferma commenti: i sette sembrano uni...
 
vb
23 Novembre
16:57
ebb├Ę, se fossero facili da indovinare li potrebbe capire anche un computer :)

comunque io non contesto il fatto che uno venga punito per un reato che ha commesso, mi fa specie per├▓ notare come con certi "tipi sociali" (ultras) ci sia un accanimento severissimo che non c'├Ę con altri (tizia bene in tailleur): nel tuo caso poteva essere questione di casualit├á, ma in questo caso mi sembra premeditazione.
 
jest
23 Novembre
17:05
al campanile non c'ero, ma abitando a torino ci sarei andato. Non penso avrei spaccato qualcosa, forse nemmeno la macchina di padovano. Detto ci├▓ sono d'accordo con quanot hai scritto e sono solidale con gli 8 arrestati
 
fmf
28 Novembre
10:02
M'anfatti i miei li capiscono anche i computer, mannaggia mannaggia...

Non ho capito se la tua lamentela e' nei confronti della farsa franzoni o contro chi se la prende con i tuoi amichetti ultra'.
Perche' nel primo caso, sfondi una porta aperta, nel secondo mi fai solo ridere: non fossero del Toro, saresti il primo a dar loro contro.
Ma non per questo sei da biasimare: e' tipico del tifoso non avere la visione chiara...
 
cicciu
4 Marzo
10:07
molto spesso gli ultras vengono provocati dalle forze dell'ordine che avendo una pistola, un manganello un distintivo si sentono dei leoni. LIBERTA' X GLI ULTRA'
 


<Lascia un commento>
Nome E-mail
Url
Testo
Auto-BR (vai a capo a fine riga)

Oggi
Cambio di blog

Nel passato recente
14/4Lo schermo
13/4Fine (I feel)
27/3Rottami
25/3Perso e tradotto
6/3Una salita a Superga
15/2Miracolo a Torino
31/1L'Italia che filtra gli IP

Recenti su fotoblòg

Molto inglese.Attacco degli UFO?Anche qui!
La città vista dall'alto.Scappando dai cavi.La baia di Wellington.
Sull'Oceano al tramonto.Un albero sul cielo in fiamme.Un foro di luce sulla città.

Archivi
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Dicembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
Novembre 2003
Ottobre 2003
Settembre 2003
Agosto 2003
Luglio 2003
Giugno 2003
Maggio 2003

Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2018 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike