Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Dom 18 - 9:02
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione

L'economia dell'innovazione

(Italiano, To-Share Festival 2007, Accademia Albertina, Torino, 24 Gennaio 2007)

Questo è l'abstract dell'intervento tenuto in una sessione di una intera giornata, organizzata da Anna Masera e Fiorello Cortiana, riguardante la nuova società digitale: trattandosi di Torino, ci si è concentrati sul tema della nuova organizzazione del lavoro. La presentazione è stata poi allargata anche ai "normali" temi della Internet governance: la trovate qui.
L'economia dell'innovazione, operando on-line e in un mercato intrinsecamente globale, è significativamente diversa da quella a cui siamo abituati. La tradizionale struttura gerarchica della società, con il governo nazionale da una parte e la grande azienda dall'altra a dirigere e determinare rigidamente la vita professionale degli individui, lascia il posto a una struttura a rete, in cui le persone diventano imprenditrici di se stesse, in costante evoluzione professionale ma anche prive delle tradizionali certezze del passato, all'interno di una galassia di microaziende che usano la rete allo stesso tempo per collaborare e per competere.

La risposta sociale a questo cambiamento passa per tutti i gradi della reazione da shock, comprese la negazione, la rimozione, la protesta rabbiosa e la rassegnazione depressa, quella in cui si trovano attualmente gran parte dei giovani italiani. E' quindi innanzi tutto necessario analizzare e spiegare cosa sta succedendo, evitando la demagogia ma anche di addolcire troppo la pillola; ci si deve poi chiedere come debbano essere ridisegnate le forme di assistenza e di interazione tra la collettività e l'individuo, in termini di garanzie sociali e supporto allo sviluppo, per trasformare un grande problema in una grande opportunità.

Per gli individui, è necessario smettere di centrare il problema del welfare sulla conservazione di diritti e meccanismi pensati per altri tempi ed altri mondi. Bisogna superare il totem del lavoro dipendente e discutere di quali debbano essere i nuovi diritti e i nuovi doveri dell'individuo in un modello di vita professionale così diverso, basato sul cambiamento continuo e sul mercato globale. Non ci sono solo aspetti negativi nella flessibilità; andare all'attacco per conquistarsi più spazio grazie al proprio lavoro e al proprio merito, invece di subire passivamente il cambiamento, è la chiave per la realizzazione professionale dell'individuo e quindi per la crescita della collettività.

Per le aziende, è necessario capire che la microimpresa a rete è un elemento di forte democrazia del sistema economico; nelle ICT, in cui gli investimenti richiesti sono trascurabili e il vero capitale è dato dal know-how e dalla capacità di innovare, un tessuto economico basato sulla microimpresa è vincente. Tuttavia, è necessario che la collettività predisponga strumenti mirati alle microimprese, adeguandosi alla dimensione e alla dinamicità di questi nuovi attori, trovando soluzioni per supportarne la crescita, e garantendo un ambiente legale ed economico a misura di piccola impresa.

La crisi di identità e di prospettive in cui si trova l'Italia può essere superata, ma solo se si vince la paura di lasciarsi alle spalle le vecchie certezze, per costruirne collettivamente di nuove.

Torna alla categoria "Società globale"

Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2019 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike