Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Mar 4 - 1:24
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione

Comunicato stampa M5S Torino - 30 Aprile 2012

Bilancio di Torino, situazione drammatica

Il bilancio consuntivo 2011 di Torino, presentato oggi in Consiglio Comunale dall'amministrazione Fassino, è negativo in maniera drammatica: 260 milioni di euro di passivo di gestione, 4.5 miliardi di euro di debiti, il fondo di tesoreria passato da 158 milioni a soli 2.700 euro al 31/12. Nonostante questo, continuano le spese pazze, a partire da alcuni stipendi d'oro che denunciamo da mesi, e dagli sprechi nelle partecipate.

"Soltanto dal rendiconto al bilancio apprendiamo che la Città ha sforato il patto di stabilità non di 320 milioni di euro, come disse Fassino a gennaio, ma di ben 480; un errore di calcolo di 160 milioni di euro che fa venire seri dubbi su quanto la giunta abbia davvero sotto controllo le finanze della Città" dichiarano i consiglieri Appendino e Bertola del Movimento 5 Stelle.

L'assessore Passoni si vanta di aver ridotto il debito di 40 milioni nel 2011 e 120 nel 2012, scelta obbligata per quanto concerne il 2012, data l'impossibilità di contrarre altri debiti a causa dell'uscita dal patto. Ma questa riduzione, ottenuta a prezzo di nuove tasse, aumenti delle tariffe e tagli ai servizi essenziali, rischia di essere spazzata via da altri buchi che sembrano aprirsi, a partire dai 240 milioni di euro di crediti antecedenti al 2006, mai incassati giacenti tra i residui e dalle perdite degli investimenti in derivati, su cui i miglioramenti promessi non arrivano.

Ma la vera questione è: dopo aver ridotto a costo di grandi sacrifici il debito da 4.5 a 4.35 miliardi di euro, di meno del 5%, cambierà qualcosa? Le finanze cittadine sono in un'agonia che a nostro parere è irreversibile se non cambia la politica finanziaria nazionale, mettendo la sopravvivenza dei cittadini e dei servizi essenziali davanti al pagamento del debito.

"Ci vorrebbe una politica finanziaria coraggiosa e innovativa, e invece oggi il sindaco Fassino non si è nemmeno presentato in aula, arrivando all'ultimo secondo solo per schiacciare il bottone; la sua sedia vuota per tutto il dibattito rappresentava bene l'idea di una città alla deriva" concludono Bertola e Appendino.

« Archivio dei comunicati

Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2020 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike