Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Sab 20 - 9:40
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione

Chi è il padrone di casa?

Dunque, vuoi sapere qualcosa di più su di me, vero? Se lo fai per motivi di lavoro, ti consiglio di leggere la sezione apposita o il mio curriculum vitae. Altrimenti, ti beccherai qui di seguito un simpatico sproloquio sulle mie interessantissime esperienze di vita (beh, ci sei venuto tu in questa pagina, io mica ti ho obbligato).

Vittorio Bertola - sulla rete italiana spesso semplicemente noto come vb - nasce a Torino il 12 settembre 1974, e tuttora ci vive, dopo essere cresciuto nel quartiere di Pozzo Strada, avere vissuto a Rivoli (ridente cittadina nella seconda cintura) per una decina d'anni, ed essersi infine trasferito nel quartiere ex Venchi Unica di piazza Massaua, dove occupa una mansarda sotto le stelle.

Dal punto di vista professionale, sono un ingegnere specializzato nelle tecnologie di Internet. Mi sono laureato venerdì 17 luglio 1998 (per chi non crede alla superstizione) in Ingegneria Elettronica al Politecnico di Torino, e al Politecnico ho svolto anche molte altre mansioni: sono stato per quattro anni rappresentante degli studenti, prima nel Comitato Paritetico per la Didattica, poi in Consiglio d'Amministrazione, e per tre anni ho gestito i servizi di accesso Internet da casa per gli studenti dell'Ateneo e il relativo sito Web, ai tempi piuttosto conosciuto per via del Progetto Prometeo, che mi diede i primi "quindici minuti di celebrità" in rete per essere il primo sito Web in Italia ad aver ricevuto una lettera minatoria da una major discografica.

Dopo questa esperienza, e dopo qualche mese di lavoro presso la fu Omnitel (ora Vodafone) di Ivrea, mi sono buttato nell'avventura di Vitaminic, che ai tempi della new economy (1999-2001) fu uno dei più noti casi di successo in Italia. Entrai il primo giorno di vita dell'azienda come direttore tecnico, e mi trovai a gestire la parte tecnica di una espansione che in poco più di un anno portò l'azienda a passare da un PC in un angolo di un ufficio altrui alla quotazione in Borsa come gruppo, con sedi in dieci nazioni. Il mio reparto è conseguentemente cresciuto da 1 (me) a 15 persone, e l'architettura è passata da una piccola Sun in housing fino a un data centre da un milione di euro; e questo mi ha permesso di imparare in fretta come funziona il business su Internet, di conoscere persone e aziende nei posti più impensati, e di partecipare a convegni e organismi interessanti (ad esempio il fu SDMI).

Dopo tre anni in Vitaminic, nell'autunno 2002 ho deciso di mettermi in proprio, e ho così fondato Dynamic Fun, una impresa che si occupa di servizi Internet e wireless a supporto dell'innovazione di processo (logistica, forza vendita...) delle grandi aziende, e in generale di tutto quanto di sorprendentemente utile si può fare con un cellulare oltre a parlare. (Ma non facciamo nè spam nè dialer.) Con il passare del tempo ho poi cominciato a lavorare da consulente su progetti specifici, e come consigliere o co-fondatore in alcuni progetti di nuove start-up Internet, tra cui Glomera.

In parallelo, ho unito due passioni (Internet e la politica) lasciandomi coinvolgere sempre di più negli organismi di gestione di Internet, come membro attivo della Naming Authority Italiana, l'antico gestore dei domini .it, che mi ha anche eletto come membro del Comitato Esecutivo e di altre commissioni, e poi della Commissione Regole che l'ha sostituita; membro e consigliere di Società Internet, il chapter italiano della Internet Society; e attivista di vari gruppi e comitati nell'ambito At Large (utenti Internet) di ICANN, l'organizzazione che amministra i domini e gli indirizzi Internet a livello mondiale, nella quale ho presieduto per tre anni il comitato ALAC - che rappresenta gli interessi del miliardo di utenti globali della rete - e poi sono stato eletto all'interno del Consiglio d'Amministrazione, il suo organismo più importante.

Grazie a queste attività, ho poi avuto modo di partecipare da membro della società civile all'interno di vari processi internazionali, come il World Summit on Information Society delle Nazioni Unite, e il successivo Internet Governance Forum; sono stato uno dei quaranta membri nominati da Kofi Annan all'interno del Working Group on Internet Governance, che si è occupato di analizzare il problema della gestione globale di Internet, su cui troverete una sezione in questo sito. Sono quindi stato anche utilizzato come consigliere da parte del governo italiano, in particolare dal Ministero dell'Innovazione, sia sotto la gestione Stanca che sotto quella Nicolais, il quale mi ha nominato nel suo Comitato Consultivo per la Governance di Internet.

Mi piace scrivere, e sono autore di un blog piuttosto frequentato, nonchè di articoli in italiano e inglese, per riviste sia cartacee che online, e di presentazioni e interventi a convegni di vario genere.

La mia passione per Internet è sbocciata nell'aprile 1995, quando ricevetti il mio primo account in Ateneo e contemporaneamente mi comprai il mio primo modem. La colpa di questo innamoramento va in gran parte attribuita a un articolo che La Stampa fece su Little Italy, l'esperimento di città virtuale dell'Università di Milano - e la cosa più buffa è che, nonostante ci abbia poi provato un po' di volte, e nonostante alcuni dei gestori di Little Italy siano diventati miei ottimi net.amici, non sono mai entrato dentro Little Italy prima che la chiudessero. In compenso, nel 1998, dopo anni spesi a rompere le scatole al GCN, ho anche fondato un newsgroup piuttosto interessante (su Internet, nulla è ciò che sembra), denominato it.fan.culo, anche se l'ho abbandonato da anni.

Comunque, soltanto due mesi dopo il mio noviziato, nel giugno 1995, aprii la prima versione di queste pagine, all'indirizzo http://www.polito.it/~bertola/ (per gli utenti registrati, dovrei avere qualche immagine di quelle vecchie pagine). E solo otto mesi dopo, memore della difficoltà incontrata per capire come usare Internet (e vi assicuro che nel 1995 Internet era tutta un'altra cosa... il parto della tecnologia comunemente usato era l'NCSA Telnet per DOS), debuttai con l'archivio delle FAQ e con la mia guida a Internet, che da allora mi accompagnano fedelmente (pur se non più aggiornati). Nel frattempo, queste pagine hanno subito via via una espansione e un mutamento, fino all'introduzione nell'ottobre 1996 della prima versione dell'ascensore. A parte il blog, il sito è stato poi semiabbandonato dal 2000 al 2006, quando mi sono deciso a rifarlo quasi da zero - mantenendo però l'ascensore in home page!

Naturalmente, la mia passione per i computer è ben precedente... ho cominciato nel 1981 con una splendida console Intellivision, per poi passare poco dopo al mitico Commodore 64 e poi al Commodore Amiga.

Ci sono altre cose che potrebbero interessarti; ad esempio, suono le tastiere, anche se purtroppo ormai molto di rado, e puoi anche scaricare qualche brano suonato da me. Mi piace la fotografia, e cerco di mettere alcuni dei miei scatti qui a disposizione. Se vuoi avere una idea del mio carattere e delle mie idee, forse ti conviene dare un'occhiata al mio archivio di documenti, dove trovi una raccolta in continua espansione di oltre un decennio di attività in rete.

Se vuoi contattarmi, scrivimi pure tramite questo modulo; la mia posta spesso tende a sopraffarmi, ma farò il possibile per rispondere tempestivamente.

Indice della sezione

Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2019 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike