Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Gio 6 - 17:23
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione

Il piemontese: L'alfabeto

L'alfabeto piemontese, così come scritto nella sua grafia classica, è composto da venticinque lettere:

  • le ventuno lettere dell'alfabeto italiano tradizionale;
  • la semivocale j;
  • le due vocali aggiuntive ë e ò;
  • la consonante aggiuntiva n- (che è una lettera vera e propria, anche se sul computer è scritta con due segni).

Il segno - è poi utilizzato a sè stante in vari costrutti, come s-c e s-g (quest'ultimo spesso scritto semplicemente sg); in generale, modifica la pronuncia della lettera precedente o seguente, anche se talvolta è solo un separatore grafico per parole composte.

L'ordine alfabetico è quello dell'italiano, mettendo ë subito dopo e, n- subito dopo n e ò subito dopo o.

Le altre vocali accentate dell'italiano non sono lettere piemontesi, ma si utilizzano, esattamente come in italiano, per indicare l'accento tonico della parola: si possono quindi scrivere senza accento (salvo gusti, usanze e precisioni) a meno che non si sia in fine di parola, oppure che si vogliano evitare confusioni. Si usano quindi à, è, ì e ù (ò è una lettera a parte, anche se è quasi sempre tonica, tanto che quando perde l'accento normalmente cambia pronuncia); si usano anche gli accenti acuti é e ó (che, foneticamente, è una o e non una ò... questa distinzione vi sarà più chiara dopo aver imparato la pronuncia).

Come vedremo più avanti, esistono grafie alternative che utilizzano caratteri diversi, come ô e ü, e non usano la ò come lettera a parte. Quella che utilizzo io, comunque, è la più ampiamente diffusa ed è anche quella che troverete, di norma, nei testi scritti.

Naturalmente, ora dovete ancora capire come si pronunciano tutte queste lettere! (In realtà, se vivete in Piemonte, le sapete già pronunciare tutte: dovete solo capire le corrispondenze tra segni e suoni.)

Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2020 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike