Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Gio 6 - 18:55
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione

Il piemontese: Il pronome verbale

Il pronome verbale una particella grammaticale che non esiste n in italiano n in francese: tutta made in Piemont. In pratica, si tratta di una esplicitazione del soggetto del verbo, che va obbligatoriamente fatta quando il verbo ha un soggetto (non n all'infinito, n all'imperativo, n in una forma impersonale), persino quando il soggetto espresso esplicitamente.

In poche parole, potete pensare il pronome verbale come il soggetto della classica tabella della coniugazione di un verbo ("io parlo, tu parli..."), con la differenza che esso diventa parte del verbo vero e proprio: pertanto, per dire "io parlo" dico in realt "io io parlo", dove il primo "io" il pronome personale che fa da soggetto, e il secondo il pronome verbale agganciato al verbo. Per dire invece "Giovanni legge", dir "Giovanni egli legge", e cos via!

I pronomi verbali sono i ("io", "noi", "voi"), it ("tu"), a ("egli", "ella", "esso", "essi"). Si noti che essi sono diversi dai pronomi personali ("io"-pronome personale ad esempio mi)! Pertanto, "io parlo" si traduce mi i parlo, e "Giovanni legge" Gioan a lese.

Quando il verbo regge anche un pronome che fa da complemento e che andrebbe prima dello stesso, come ad esempio in "mi piace", tale pronome va inserito tra quello verbale e il verbo vero e proprio. Questo d origine per motivi eufonici a particelle specializzate: ad esempio a (pronome verbale della terza persona, concordante col verbo) pi ëm ("mi" - che di suo diventerebbe 'm, come gi visto per gli articoli, dopo una parola che finisce per vocale) danno origine a am. Pertanto, "mi piace", "ti piace", "gli piace" diventano am piase, at piase, a-j piase...

Sempre per il made in Piemont, esiste anche una serie di pronomi utilizzati nelle frasi interrogative ed appesi dopo il verbo, ovviamente preceduto dal suo pronome verbale, per cui ad esempio "va bene?" si traduce con "esso va-esso bene?", ossia a valo bin?, dove il pronome interrogativo lo. Gli altri pronomi personali interrogativi sono ne ("io", "noi", "loro"), to ("tu"), la ("ella") e vo ("voi").

Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2020 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike