Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Sab 23 - 14:49
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione

Il piemontese: Altre grafie

La grafia presentata nelle sezioni precedenti è quella cosiddetta dei Brandé, dal nome del gruppo - comprendente anche i poeti piemontofoni Nino Costa e Pinin Pacòt - che pubblicò una grammatica moderna e un'ortografia normalizzata agli inizi del ventesimo secolo; essa è quella più utilizzata nella produzione letteraria e anche in rete. Ne esistono però altre, che differiscono essenzialmente per come vengono rappresentati i suoni delle vocali o, ò e u.

Nel ventesimo secolo si è talvolta utilizzata una ortografia alternativa, quella che utilizzava il simbolo ô per rappresentare la o (u italiana), e di conseguenza la o per rappresentare la o italiana. Ancora oggi si vede spesso scritto Piemônt, anche se la grafia corretta nell'ortografia classica è Piemont.

Infine, è stata recentemente proposta una grafia che sarebbe più facile da imparare per gli italofoni, utilizzando la o e la u per gli stessi suoni dell'italiano, e la ü per il suono della u chiusa alla francese; questa grafia è stata autodenominata mincadì ("quotidiana"). Personalmente però credo che lo sforzo di cambiare la grafia tradizionalmente adottata, aggiungendo la confusione di avere contemporaneamente testi in due diversi standard, non valga il presunto vantaggio della semplificazione (presunto perchè la pronuncia delle vocali italiane è diversa sia da quella del francese che da quella dell'inglese: insomma è scontato che cambiando lingua qualcosa s'abbia da imparare, basta un po' di pratica per trovarsi bene con qualsiasi grafia).

Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2017 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike