Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Lun 20 - 10:17
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione

toblòg

toblòg <<>> fotoblòg

Blog sospeso!
Il mio blog attuale:
Near a tree

Su di me
Chi è vb?
Cos'è toblòg?
Cos'è fotoblòg?
La mia home page

toblòg per e-mail
Lascia la tua e-mail per essere avvisato in automatico dei nuovi post di toblòg.

Cerca in toblòg

Gravitazioni
Elena
Simone, Rutto, Gaglia,
Dumbo, Lobo, Sciasbat,
Fabbrone, Susan, Bruno
.mau.
Dariofox, Matteo
Lenders
Fraser, Mugly, Laurence
Thomas, Bret, Esther, Wendy, Karl A., Ross

Aggregami! RSS 0.92 RSS 2 RDF

[powered by b2 + molte modifiche - login]

Una salita a Superga
Numero 115 - 6 Marzo 2006 (Lunedì), 9:35

Vecchio Commonwealth Oggi su fotoblòg

Vecchio Commonwealth

Molto inglese.

Ieri era una bella giornata, che faceva venire voglia di uscire. Era già da qualche giorno che stavo pensando di fare una passeggiata in salita, per allenarmi in vista del mio prossimo viaggio in giro per il mondo; e visto che la montagna è ancora impraticabile per neve, mi ero orientato verso la collina. Ma poi, dopo una partita come quella di sabato pomeriggio, mi è venuto naturale salire a Superga.

Una salita a Superga può avvenire in tanti modi. Ci si può andare in auto, una sera d'estate, a suonare la chitarra sul piazzale con gli amici; oppure una domenica con la dentiera, per vedere il panorama. Ci si può andare in bici, per un voto fatto; o anche tutti insieme, camminando per la strada, con una fiaccola in mano in una sera di luglio. Io ho scelto la strada più lunga, da solo a piedi per il bosco.

Lasciata la macchina a Sassi, dopo venti minuti di salita ripida sui marciapiedi della strada, incomincia il sentiero vero e proprio (numero 28 della carta dei sentieri della collina torinese). Bisogna superare la sbarra abusiva di una villa, lasciandosi alle spalle, dietro una rete, il solito cane da guardia con la bava alla bocca, gobbo e dopato; e si è subito soli in mezzo alle sterpaglie. Per circa un'ora il percorso si snoda tra larghe carrabili a mezza costa, solo ogni tanto ostruite da qualche albero caduto, e qualche improvviso taglio verticale che mette a dura prova il fiato. Il bosco in questo periodo è affascinante, con il terreno coperto di foglie secche rimaste lì dall'autunno, frollate dalla neve e poi dal suo scioglimento; e con il terreno molle, spesso fangoso, e in certi rari tratti ancora coperto di neve.

Si arriva così a Pian Gambino (il termine “Pian” è decisamente ironico, vista la pendenza), dove un qualche ente pubblico ha appena rasato il bosco, facendolo assomigliare ai giardinetti della Maddalena. Lì si incontra di nuovo la dentiera, facendo ciao ai turisti che ti guardano un po' stupiti dai finestrini; e pare di essere arrivati. In realtà, manca ancora mezz'ora buona di salita dura, fino ai vecchi tornanti, residui d'Ottocento, che portano alla stazione della funicolare e di lì al piazzale della Basilica.

Io ho fatto il percorso pensando ai fatti miei, ma anche al Toro. Nel tratto più solitario ho pensato di sentirmi come devono sentirsi ora Cairo e De Biasi, soli nel silenzio circostante, persi su un lungo sentiero in salita in mezzo ai rovi e alle sterpaglie, in cui è difficile distinguere l'alto dal basso, la sinistra dalla destra, l'avanti dall'indietro; e non si sa bene se alla fine del sentiero si troverà Superga, oppure ci si ritroverà inaspettatamente di nuovo in fondo alla valle.

E così, ogni tanto, fermandomi per riprendere fiato, declinavo una stazione della nostra via crucis, cercando di incitare i vari giocatori: Taibi, impara ad uscire; Orfei, impara a marcare; Stellone, impara a mirare; Fantini, impara a passare la palla (almeno una volta ogni tanto, e dai!). Del resto non si può tifare Toro senza essere un po' masochisti, senza provare il piacere della fatica e l'abitudine a farne il triplo degli altri; e senza infilarsi almeno tre volte, con tutto il cuore e in perfetta buona fede, sul sentiero sbagliato, magari dietro una guida di quelle che perdono il controllo della situazione e poi, a difesa della propria autostima, anche il contatto con la realtà; che continueranno fino all'ultimo a dire “ma no, là in fondo intravvedo un pezzetto di cielo, bisogna solo insistere”, e non ammetteranno mai di essersi perdute.

In cima alla salita – prima di una meravigliosa discesa col sole al tramonto, piena di luci fantastiche che filtravano tra gli alberi – non ho potuto non fermarmi davanti alla lapide, e poi al Museo del Grande Torino (tra l'altro, in tutto il piazzale non vi è una sola indicazione della sua esistenza nè di quella della lapide, bisogna sapere che esistono e un turista qualsiasi potrebbe tranquillamente non scoprirli). L'affluenza al museo, che è aperto solo nel weekend e solo al pomeriggio, era talmente elevata che hanno dovuto dividerci in gruppetti e farci visitare le tre stanzette di corsa. Ugualmente, l'effetto di vedere i grandi del passato che ci aspettano in cima alla salita è stato forte; il contrasto con il calcio di oggi è stridente.

Forse, anche i nostri confusi giocatori troverebbero la strada e la forza di reagire, se provassero per una volta l'esperienza di salire a piedi a Superga.


--vb.

<< Miracolo a TorinoPerso e tradotto >>

<Commenti>

Attenzione: quanto segue potrebbe non essere vero.
.mau.
6 Marzo
14:49
e poi sei sceso con la dentera? :-P
 
vb
6 Marzo
16:29
no, sono sceso a piedi per lo stesso sentiero!
 
Sandro kensan
7 Marzo
20:31
Quindi ha fatto un sacco di strada. Anche a me piace fare strada a piedi e non vedo alternative nel fare le salite che fare il triplo di fatica di quelli che ci vanno in macchina:)

Visto che c'è pure .mau. volevo segnalare/suggerire una impresa politica e precisamente la sponsorizzazione di Fiorello Cortiana dei Verdi:

http://www.kensan.it/articoli/Fiorello_Cortia na.php

Non so se c'è gente interessata, comunque metto qua la proposta.
 
massimo cavazzini
11 Aprile
23:30
Ah Vittò, ma non è che porti un po' sfiga quando vai a vedere il Toro? :-))
 


<Lascia un commento>
Nome E-mail
Url
Testo
Auto-BR (vai a capo a fine riga)

Oggi
Cambio di blog

Nel passato recente
14/4Lo schermo
13/4Fine (I feel)
27/3Rottami
25/3Perso e tradotto
6/3Una salita a Superga
15/2Miracolo a Torino
31/1L'Italia che filtra gli IP

Recenti su fotoblòg

Molto inglese.Attacco degli UFO?Anche qui!
La città vista dall'alto.Scappando dai cavi.La baia di Wellington.
Sull'Oceano al tramonto.Un albero sul cielo in fiamme.Un foro di luce sulla città.

Archivi
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Dicembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
Novembre 2003
Ottobre 2003
Settembre 2003
Agosto 2003
Luglio 2003
Giugno 2003
Maggio 2003

Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2017 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike