Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Gio 17 - 10:27
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione

toblòg

toblòg <<>> fotoblòg

Blog sospeso!
Il mio blog attuale:
Near a tree

Su di me
Chi è vb?
Cos'è toblòg?
Cos'è fotoblòg?
La mia home page

toblòg per e-mail
Lascia la tua e-mail per essere avvisato in automatico dei nuovi post di toblòg.

Cerca in toblòg

Gravitazioni
Elena
Simone, Rutto, Gaglia,
Dumbo, Lobo, Sciasbat,
Fabbrone, Susan, Bruno
.mau.
Dariofox, Matteo
Lenders
Fraser, Mugly, Laurence
Thomas, Bret, Esther, Wendy, Karl A., Ross

Aggregami! RSS 0.92 RSS 2 RDF

[powered by b2 + molte modifiche - login]

L'errore mortale
Numero 35 - 16 Settembre 2003 (Martedì), 12:04

Vecchio Commonwealth Oggi su fotoblòg

Vecchio Commonwealth

Molto inglese.

Se ne parlava da mesi, e alla fine è successo: quindi aprite il vostro browser e provate a digitare un indirizzo Web in un dominio inesistente, purchè finisca per .com o .net.

Provate pure con www.asdfghj.com, o con un errore di battitura come www.viirgilio.com.

Vi aspetterete di ricevere il solito messaggio che parla di dominio inesistente o errore di DNS; se usate Internet Explorer, vi aspetterete di vedere la solita pagina di MSN su cui il browser vi redirige da solo in questi casi.

Invece, quello che succederà è che vi salterà fuori un'altra pagina, non troppo diversa da quella di MSN, che vi proporrà dei link o delle scelte alternative per l'URL inesistente.

Ma qual è il problema?

Il problema è il seguente: tecnicamente, a partire da stamattina, Verisign, il registro dei domini .com e .net - ossia l'azienda americana che, tramite i vari rivenditori, vende e gestisce questi domini - non risponde più che i domini inesistenti non esistono. Quando il vostro browser chiede al registro se asdfghj.com esiste, invece di rispondere "no" come previsto da tutti gli standard e protocolli della rete, il registro risponde: "Certo che esiste!" e manda indietro un puntatore ad un proprio server, su cui sta appunto la paginetta.

Insomma, il registro, l'autorità ultima sul fatto che un dato dominio esista o no e su chi ne sia il proprietario, viola gli standard e dichiara spudoratamente il falso pur di mandarvi sul proprio sito; questo per poi vendere pubblicità e far pagare i siti alternativi segnalati su quella pagina.

Ora, questa pratica era già piuttosto spiacevole se fatta dal browser, come appunto in Internet Explorer; ma lì, almeno, si poteva cambiare browser (cosa che consiglio in generale, se volete evitare il rischio che la vostra navigazione possa essere tracciata e rediretta a piacere dal produttore del suddetto browser).

Ma capirete che, fatto in questo modo e applicato all'estensione principe di Internet (esistono oltre 23 milioni di domini .com), vuol dire che Verisign si annette la rete.

Vuol dire che l'IETF, l'organismo che con molta fatica ma anche molta partecipazione scrive gli standard della rete, può andare tranquillamente in pensione, perchè qualsiasi manager può ritenersi autorizzato a piegare gli standard alle proprie esigenze di business.

Vuol dire che di tutti i servizi diversi dal Web, per cui la redirezione di Verisign non funziona e anzi spesso impedisce il funzionamento dei controlli di errore, non importa più niente a nessuno.

Vuol dire che se io apro un motore di ricerca su un dominio .com, basterà che i miei utenti sbaglino a schiacciare un tasto perchè finiscano sul motore di ricerca concorrente di Verisign.

Vuol dire che, se cade il principio che un registro di domini deve dire la verità, in futuro Verisign, o le leggi americane a cui essa è comunque sottoposta, potranno decidere che determinati domini e determinati siti siano oscurati o rediretti a server diversi da quelli originali, senza che l'utente possa nemmeno accorgersene.

Certo, la polemica già infuria, ed è possibile che Verisign sia costretta a fare marcia indietro già nelle prossime ore. Ma nulla più di questo episodio mostra come ormai la presunta globalità e indipendenza della rete lasci il posto a una totale dipendenza dal governo e dalla grande industria americana, nella beata ignoranza non solo della maggior parte degli utenti, ma anche dei politici europei e italiani che dovrebbero difenderne gli interessi.

La maggior parte dei quali, però, non hanno mai mandato una mail in vita loro.


--vb.

<< Isteria mobileSglobalizzando la rete (part I) >>

<Commenti>

Attenzione: quanto segue potrebbe non essere vero.
Simone Caldana
16 Settembre
13:02
Loro no, ma son quasi sicuro che l'Outlook Express della loro segretaria sia farcito di worm.
 
ND
17 Settembre
1:19
Porca Puttana
 
NMF
17 Settembre
7:20
Non riesco a capire se questo sia un deprecabile colpo di coda della niueconomi o sia il primo sstonato vagito della niuniueconomi.
In ogni caso due fallimenti.

PS: Sorridi, sei su PI!
 
Carcarlo
17 Settembre
13:03
Bertola, quello *famoso* del GCN? UAU! :-) poi vedo anche il link a .mau.! Insomma tutti i despoti curatori dell'"orticello del GCN".
Anche le persone famose hanno i blog... ;-)
CTRL+D instantaneo!
 
Veleno
17 Settembre
15:05
Ottimo, cosi' abbiamo la "trinita' malvagia" del progresso: Palladium, Software Patents (brevetti software) e questo "parossismo 404".

Ah, ciao VB :D era da un po' che non ci si leggeva.
 
Fabrizio
17 Settembre
16:00
Carcarlo, vb non e' mai stato nel gcn. Cerca con google la sua celebre firma...
 
akiro
17 Settembre
18:49
in effettti avevo notato il fastidioso redirect... grazie per la segnalazione della petizione!
 
Yari
17 Settembre
23:07
Si tratta dell'ennesimo sopruso che semplicemente verrà fagocitato dalla comunità (come tutti gli altri).

http://marc.theaimsgroup.com/?l=bind9-workers &m=106378710318709&w=2

non ci resta che la resistenza passiva.

y.
 
Fabrizio
20 Settembre
9:15
Yari: chissa' perche' pensavo usassi djdns o come si chiama
 


<Lascia un commento>
Nome E-mail
Url
Testo
Auto-BR (vai a capo a fine riga)

Oggi
Cambio di blog

Nel passato recente
14/4Lo schermo
13/4Fine (I feel)
27/3Rottami
25/3Perso e tradotto
6/3Una salita a Superga
15/2Miracolo a Torino
31/1L'Italia che filtra gli IP

Recenti su fotoblòg

Molto inglese.Attacco degli UFO?Anche qui!
La città vista dall'alto.Scappando dai cavi.La baia di Wellington.
Sull'Oceano al tramonto.Un albero sul cielo in fiamme.Un foro di luce sulla città.

Archivi
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Dicembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
Novembre 2003
Ottobre 2003
Settembre 2003
Agosto 2003
Luglio 2003
Giugno 2003
Maggio 2003

Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2019 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike