Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Gio 9 - 15:20
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione

toblòg

toblòg <<>> fotoblòg

Blog sospeso!
Il mio blog attuale:
Near a tree

Su di me
Chi è vb?
Cos'è toblòg?
Cos'è fotoblòg?
La mia home page

toblòg per e-mail
Lascia la tua e-mail per essere avvisato in automatico dei nuovi post di toblòg.

Cerca in toblòg

Gravitazioni
Elena
Simone, Rutto, Gaglia,
Dumbo, Lobo, Sciasbat,
Fabbrone, Susan, Bruno
.mau.
Dariofox, Matteo
Lenders
Fraser, Mugly, Laurence
Thomas, Bret, Esther, Wendy, Karl A., Ross

Aggregami! RSS 0.92 RSS 2 RDF

[powered by b2 + molte modifiche - login]

Aridatece Silvestro
Numero 38 - 2 Ottobre 2003 (Giovedì), 13:21

Vecchio Commonwealth Oggi su fotoblòg

Vecchio Commonwealth

Molto inglese.

Lunedì sera anch'io, come tutti gli italiani, sono stato preso a tradimento davanti al televisore, mentre cercavo di finire la cena, e posto davanti alle immagini del nostro presidente del Consiglio che, in una imitazione del discorso presidenziale di fine anno, ci spiegava il come e il perchè della sua riforma delle pensioni.

Intendiamoci: questo non è un post sulla riforma delle pensioni; io non sono in grado di capire se sia vero che il sistema attuale è ancora troppo generoso ed economicamente insostenibile a lungo termine, anche se, onestamente, mi sembra probabile; mi sembra anzi che questa riforma possa persino rivelarsi troppo blanda, e a prima vista la reazione scomposta dei sindacati mi pare ingiustificata.

Quello che mi ha colpito invece è il tentativo di Berlusconi di negare qualsiasi tipo di sacrificio o di danno per chicchessia, e insomma di presentare la cosa non tanto come la miglior cosa da fare per la collettività, ma la miglior cosa da fare per ciascun individuo; non una azione di riequilibrio economico tra gli anziani di oggi e quelli di domani, come non può non essere, ma come una azione che migliorerà il tornaconto personale di tutti, inclusi gli anziani di oggi, inclusi quelli dei prossimi cinque o dieci anni che dovranno aspettare di più per andare in pensione.

Insomma, quel che gli premeva non era convincere l'Italia che ciò che stava facendo fosse la cosa migliore, ma convincere l'Italia che non stava facendo nulla che danneggiasse alcuno; il che, per una riforma di questo tipo, è evidentemente, spudoratamente e necessariamente falso.

Ora, se ci fate caso, questo è uno dei cambiamenti culturali più significativi a livello mondiale negli ultimi quindici anni. Certo, è da sempre che i politici mentono, così come le pubblicità e i venditori di auto usate. Ma fino a qualche anno fa, se un politico veniva beccato a mentire su questioni gravi, la sua carriera era finita; fino a qualche anno fa, la menzogna, persino se parziale, suscitava comunque un moto di sdegno, anche nei rapporti interpersonali di tutti i giorni.

Adesso, invece, succede che l'arte di mentire – pardon, di “mantenere le relazioni pubbliche” o “comunicare in modo professionale” - sia diventata una professione apprezzata e riconosciuta, un elemento fondamentale di qualsiasi tipo di comunicazione pubblica, sia essa politica o commerciale; e il miglior mentitore diviene subito un politico di successo o uno strapagato PR o marketing manager di qualche multinazionale.

L'importante quindi non è la verità delle cose, ma la capacità di mentire; se la bugia è detta con fermezza, con sicurezza e con abilità, diventa una verità.

E' per questo che mi sono sentito un po' nostalgico quando nella stessa serata, facendo zapping qua e là, mi sono imbattuto nel glorioso Rambotrè di Sylvester Stallone, e in particolare, in quella sequenza in cui, dopo aver massacrato decine di nemici con un mitragliatore, Silvestro si impadronisce di un carro armato con cui punta dritto contro l'elicottero del cattivissimo (che, inspiegabilmente, vola orizzontalmente rasoterra per almeno tre minuti) e lo distrugge in un frontale che altro che quelli della Torino-Milano.

Se ci fate caso, a partire dagli anni Novanta, non si possono più fare scene così; altro che Rambo o Commando (record mondiale di cadaveri in un film). Non è che la gente nei film non muoia, ma muore in modo circoscritto, senza sangue, o meglio senza che il sangue e la morte si vedano; il conflitto c'è, i nemici se la prendono nel posteriore, ma silenziosamente, negando che un conflitto ci sia mai stato, negando che qualcuno si sia fatto male. Come per la guerra in Iraq.

Ma il dramma è che questo non succede più soltanto per le guerre e le elezioni generali: succede nella vita di tutti i giorni, con i conflitti di tutti i giorni. Succede quando ordino una birra media a cinque euro, che però negli ultimi due anni è aumentata solo del 3% all'anno; succede quando alla TV mi fanno vedere gli spot di un sistema operativo che è notoriamente il più instabile del mondo, scrivendoci sotto senza pudore che è la soluzione migliore per la stabilità dei server (ma, vi assicuro, con le automobili o qualsiasi altro prodotto è uguale).

Tutti sanno che la nostra vita è piena di menzogne.

Ma ormai ci abbiamo fatto l'abitudine.

Sarà forse perchè, se non fossimo noi i primi a volerci ingannare, ci sarebbe difficile accettare la realtà?


--vb.

<< Sglobalizzando la rete (part II)Won't let you bury it >>

<Commenti>

Attenzione: quanto segue potrebbe non essere vero.
FRANK
2 Ottobre
13:43
Il protagonista di "1984" si occupava di questo: rendere le menzogne vere ritoccando i giornali e le pubblicazioni precedenti.
Dopo un po', a forza di rimaneggiamenti, nessuno era piu' in grado di dire quale fosse la verita'.
Ci siamo gia'?
 
Simone Caldana
2 Ottobre
14:07
FRANK: leggi cosa c'e' scritto sopra al box dei commenti.
 
FRANK
2 Ottobre
14:31
Attenzione: quanto segue potrebbe non essere vero.
 
Fabrizio
2 Ottobre
17:06
Leggendo i commenti sono entrato in un loop
 
NMF
3 Ottobre
15:05
Gore Vidal ha scritto da qualche parte che pi├╣ una bugia ├Ę grossa pi├╣ facilmente essa verr├á creduta ... se l'opzione di non crederci ├Ę sufficientemente dolorosa.
 
Piero
5 Ottobre
13:43
Riforma delle pensioni?
S├Č, ma insieme alla riforma degli stipendi e delle pensioni dei nostri parlamentari.
 
Fabrizio
11 Ottobre
20:21
NMF: forse ti riferisci a questa (cit)
"Se dici una menzogna enorme e continui a ripeterla, prima o poi il popolo ci crederà. La menzogna si può mantenere per il tempo in cui lo Stato riesce a schermare la gente dalle conseguenze politiche, economiche e militari della menzogna stessa." (Goebbels)
 


<Lascia un commento>
Nome E-mail
Url
Testo
Auto-BR (vai a capo a fine riga)

Oggi
Cambio di blog

Nel passato recente
14/4Lo schermo
13/4Fine (I feel)
27/3Rottami
25/3Perso e tradotto
6/3Una salita a Superga
15/2Miracolo a Torino
31/1L'Italia che filtra gli IP

Recenti su fotoblòg

Molto inglese.Attacco degli UFO?Anche qui!
La città vista dall'alto.Scappando dai cavi.La baia di Wellington.
Sull'Oceano al tramonto.Un albero sul cielo in fiamme.Un foro di luce sulla città.

Archivi
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Dicembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
Novembre 2003
Ottobre 2003
Settembre 2003
Agosto 2003
Luglio 2003
Giugno 2003
Maggio 2003

Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2021 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike