Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Mer 26 - 22:21
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione

toblòg

toblòg <<>> fotoblòg

Blog sospeso!
Il mio blog attuale:
Near a tree

Su di me
Chi è vb?
Cos'è toblòg?
Cos'è fotoblòg?
La mia home page

toblòg per e-mail
Lascia la tua e-mail per essere avvisato in automatico dei nuovi post di toblòg.

Cerca in toblòg

Gravitazioni
Elena
Simone, Rutto, Gaglia,
Dumbo, Lobo, Sciasbat,
Fabbrone, Susan, Bruno
.mau.
Dariofox, Matteo
Lenders
Fraser, Mugly, Laurence
Thomas, Bret, Esther, Wendy, Karl A., Ross

Aggregami! RSS 0.92 RSS 2 RDF

[powered by b2 + molte modifiche - login]

Urbani loro, fessi noi
Numero 72 - 15 Marzo 2004 (Lunedì), 10:44

Vecchio Commonwealth Oggi su fotoblòg

Vecchio Commonwealth

Molto inglese.

E così, zitto zitto, il ministro Urbani ci è riuscito: incurante della vera e propria sollevazione che la sua proposta ha suscitato in rete, venerdì ha ottenuto dal Consiglio dei Ministri l'approvazione della sua legge.

Di quanto di assurdo sia contenuto in questo decreto hanno già parlato in molti: d'ora in poi, non solo condividere film, ma anche spiegare come funzionano i sistemi peer-to-peer o linkare le aziende che li producono sarà illegale; e i provider saranno obbligati a denunciare alla polizia tutti gli utenti trovati in possesso di materiali "idonei" a costituire reato, senza nemmeno sapere se un reato sia mai stato effettivamente compiuto.

Quello che io invece mi chiedo è: ma come è possibile che un Governo di uno stato democratico decida di fare una legge che va a favore degli interessi di pochi grandi gruppi stranieri, contro gli interessi di tutta l'industria delle telecomunicazioni nazionale, contro lo sviluppo di Internet in Italia, e soprattutto contro le libertà personali e il senso comune di milioni di cittadini?

Dal punto di vista economico, questa legge è un evidente caso di tafazzismo: i contenuti audiovisivi sono praticamente tutti in possesso di aziende straniere, e il loro costo è una delle voci in perdita della nostra bilancia commerciale, ed è reso ancora più elevato dalla situazione di oligopolio che queste leggi cercano di difendere a tutti i costi; mentre i soldi degli abbonamenti ADSL restano in Italia e creano qui posti di lavoro.

Questo, secondo me, evidenzia una carenza culturale in chi ci governa, che ancora vede la rete come un animale oscuro e pericoloso. Del resto, pare che per il nostro governo il futuro delle telecomunicazioni non sta nella rete, ma nel BOX DIGGITALE INTERAATTIIVO, quello che la tivvù sta cercando disperatamente di piazzarci in casa, con 150 euro delle nostre tasse regalate a chi ce lo vende. E non è una differenza da poco: perchè mentre su Internet l'utente fa quel che vuole, nella televisione digitale l'interattività si riduce a scegliere se vogliamo o no una sorpresa nella casa del Grande Fratello - magari pagando pure un euro a botta per dirlo.

Come se l'attività, la voglia di intraprendere, non fossero un requisito vitale per un Paese che cerca di sopravvivere nell'era della competizione globale.

Ma la carenza culturale è ancora più evidente se consideriamo l'atteggiamento in generale che sta dietro all'approccio del governo verso Internet. Negli ultimi mesi si è assistito a una sequenza di leggi tese ad incrementare il controllo sulla rete e a limitare la libertà dei suoi utenti: dalla proposta del ministro Marzano di equiparare i nomi a dominio ai marchi, alla legge Grande Fratello, fino a questa.

Pare che il vero problema dell'Italia siano questi milioni di impuniti che continuamente, pensa un po', aprono siti Web senza chiedere niente a nessuno, si scambiano e-mail senza che nessuno le registri, e - orrore! - sono addirittura interessati a scaricare i film per vederli sul PC invece che sul televisore.

Perchè, perdonatemi, se il problema fosse la giusta remunerazione di chi crea i contenuti, la soluzione sarebbe semplice: basterebbe che l'industria cominciasse a creare sistemi legali di peer to peer resi disponibili a un prezzo equo e determinato dal mercato; e un osservatore terzo come il Governo, se fosse imparziale, dovrebbe appunto spingere per questo.

Ma perlomeno, prima di fare una legge, dovrebbe preoccuparsi di sentire cosa ne pensano tutti gli interessati, compresi gli utenti finali, invece di star dietro solo alla campana e alle tasche dei cinematografari. Invece, nessuno dal Governo si è preoccupato di ascoltare l'opinione della rete, e questo, permettetemi, pare una condanna a priori, come se Internet fosse una associazione a delinquere e quindi non avesse diritto ad altro che alla repressione.

Insomma, mentre in tutto il mondo si ritiene che Internet sia la principale opportunità di crescita culturale ed economica, da noi Internet è vista solo come un pericolo per lo status quo; e quindi, nel dubbio, giù mazzate. Via con un sistema di delazione legalizzato; via con il divieto anche solo di parlare di argomenti così pericolosi per la società come lo scaricamento dell'ultimo capolavoro di Boldi e De Sica. Soprattutto, via con la spudorata prova che una telefonata di un manager discografico vale più di 2500 commenti indignati in un giorno solo su Punto Informatico.

Ecco, forse è questa la cosa che mi dà fastidio: la sensazione che alcuni dei governanti moderni (e lasciamo stare il colore politico) abbiano per principio un disprezzo verso i comportamenti della massa dei cittadini, come se, invece di essere lì per servirli, fossero lì per decidere al posto loro non solo cosa è giusto ma anche cosa è vero. Molto più in piccolo, questo atteggiamento ricorda quei governanti spagnoli che, di fronte a una tragedia epocale, di fronte a milioni di persone affrante e indignate per le strade, non hanno avuto altro pensiero che mettersi subito d'accordo per raccontar balle e salvarsi la poltrona. Contando sul fatto che secondo loro la gente, a forza di box diggitali interaattiivi, abboccherà sempre.

Allora, sarà anche vero che l'italiano medio è quello per cui chi evade le tasse e non si fa beccare non è un criminale ma un furbo da ammirare; ed è vero che sui peer to peer gli italiani sono noti per essere quelli che scaricano i file ma poi li tolgono subito dopo, per evitare che, lasciandoli in condivisione, qualcun altro gli porti via un po' della loro banda.

E però, io non credo che tutti quelli che scaricano film da Internet siano così; ce ne sarebbero tanti che non pagheranno mai venti euro per un CD, ma pagherebbero venti euro al mese per poter scaricare un po' di novità musicali sul PC; e sarebbero venti euro in più per il fatturato dell'industria audiovisiva.

E credo che quando milioni di persone vogliono un servizio, il compito dell'industria e del governo sia di trovare il modo migliore e più equo di darglielo; anzi, in questo momento di crisi tanti altri settori industriali sarebbero ben lieti di avere un mercato potenziale del genere.

Ma credo anche che la nostra colpa, come utenti della rete, sia quella di non farci sentire adeguatamente. Basta cominciare a telefonare o scrivere al Ministro, o ai parlamentari, o al vostro quotidiano preferito. Chi di noi è impegnato in qualche associazione, mandi in giro comunicati stampa e si faccia sentire in giro, come hanno fatto in tanti, come sta per fare anche Società Internet.

Ma è ora di smettere di essere una maggioranza incazzata per un giorno che poi china la testa, e di cominciare a farci sentire sul serio sull'unica cosa che interessa ai nostri politici - i media.


--vb.

<< Treno 800L'Italia del valore >>

<Commenti>

Attenzione: quanto segue potrebbe non essere vero.
Ofelia&Marla
15 Marzo
10:56
Sto al lavoro...non ho molto tempo per leggerti...ti ringrazio cmq per "http://bertola.eu.org/icfaq/tecnici.htm#chi"....MI è SERVITO!!
:-)
 
Simone Caldana
15 Marzo
12:10
Guarda, ieri ho visto Brazil di Terry Gilliam. Si puo' fare un referendum abrogativo di un decreto?
 
max
15 Marzo
12:33
ormai si fanno le cose solo per i propri interessi e non per la collettivita' .....
perche non vara una legge dove dice ho abbassate i prezzi ho smettete di commercializzare ai produttori di contenuti........ :-)
 
name mottavio
16 Marzo
3:54
Ho letto "Urbani loro, fessi noi" e mi sono trovato d'accordo su tutto, salvo che sul fatto che per noi italiani gli evasori fiscali siano mascalzoni da ammirare... Non lo credo. Con Toblòg ho scoperto un altro diamante nella Rete, e ti ringrazio.
 
uno di ifq
16 Marzo
8:23
Subscribe 100%

+ + + +
"Quello che io invece mi chiedo è: ma come è possibile che un Governo di uno stato democratico decida di fare una legge che va a favore degli interessi di pochi grandi gruppi stranieri, contro gli interessi di tutta l'industria delle telecomunicazioni nazionale, contro lo sviluppo di Internet in Italia, e soprattutto contro le libertà personali e il senso comune di milioni di cittadini?"

Non e' una legge anti-pirateria, a parte qualche retata contro gli irriducibili su adunanza - vulcano - ziomickey - free.it.giochi.masterizzati la situazione rimarra' tale e quale quella di prima, con marocchini che smerciano cd in centro proprio nell'angolo fra Maschio, Feltrinelli e il cinema, e bambocci che si scambiano giochi pirata alle elementari / medie / superiori / universita'.

Questa e' una legge "arcipelago gulag", fatta per sbattere in galera chi sta sulle palle al politico cattivo al governo in quel momento.

Questa e' una legge di stampo sovietico per avere qualsiasi possibilita' di entrare in un centro sociale (o sede di Indymedia) e sequestrare il sequestrabile e il normalmente insequestrabile.

Con questa legge non hanno nemmeno bisogno di metterti una dose di cocaina addosso... se hai linux sul pc sicuramente e' perche' in qualche partizione hai degli mp3 nascosti, oppure stai guardando film col DeCSS (illegale in Italia sin dal governo D'Alema).

+ + +
Scusate, ma ultimamente non ho le palle di firmarmi. Bye.
 
Luigi Simoncini
16 Marzo
12:34
Grazie Vittorio!

Analisi lucida e suggerimento utile: ho appena chiamato il ministero e ho parlato con un funzionario molto gentile che ha ben compreso le mie (civili) osservazioni, riempirà la "comunicazione di disservizio" (sic) e comunicherà a chi di dovere...

Grazie ancora.
 
Marco \'Mac\' Cortesi
16 Marzo
13:33
√ą bello sapere che qualcuno si batte e cerca di far combattere anche gli altri per far capire al/ai governo/i come comportarsi.
 
Yari
16 Marzo
22:44
Fondiamo il partito P2P.
 
Dario Centofanti
18 Marzo
15:35
Una volta, diciamo fino al 1999, il Partito Radicale era molto attento a queste problematiche, era il tempo in cui Cicciomessere si occupava di Agorà Telematica e Pannella era ancora un uomo lucido. Oggi purtroppo non esiste una sola forza politica all'interno del parlamento italiano in grado di comprendere quanto questa posizione del legislatore sia dannosa in prospettiva per lo sviluppo sociale ed economico del paese.
Dove sono finiti i radicali di una volta?!
 
Luigi Simoncini
18 Marzo
23:10
Dario:
Marco Cappato si è mosso là dove poteva (all'europarlamento http://www.ipjustice.org/CODE/Cappato_Declara tion.html) scrivigli, io l'ho fatto.
 
odo
20 Marzo
16:36
Vittorio, vorrei spostare la tua attenzione non gia' sul dito quanto sulla luna. Stiamo parlando del decreto salva-cinema, non gia' di una urgente misura contro il p2p atta a distrarre l'attenzione. Stante il fatto che si parla solo dell'articolo 1 ignorando gli altri tre. La fondazione ARCUS SpA va a sostituire la veltroniana (e mai nata) SIBEC, con una quantita' di denaro (per quest'anno spende 100milioni di euro, ed il 3% delle risorse destinate alle infrastrutture fisiche). Chi la controlla? A chi risponde? Come funzionano i finanziamenti al cinema? Che poi risultino strane coincidenze temporali con RossoAlice, il portale Telecomitalia (un'azienda privata) che vendera' contenuti multimediali, anche questo lascia qualche dubbio. odo
 
vb
20 Marzo
19:43
non temere, che ho in testa già una seconda parte a questo post... il problema è se e quando troverò il tempo di scriverla.
 
antonio
23 Marzo
13:31
ho letto il tuo post su P.I.
ti segnalo il mio sito se ti puo' essere d'aiuto, se hai problemi contattami pure
ciao
 


<Lascia un commento>
Nome E-mail
Url
Testo
Auto-BR (vai a capo a fine riga)

Oggi
Cambio di blog

Nel passato recente
14/4Lo schermo
13/4Fine (I feel)
27/3Rottami
25/3Perso e tradotto
6/3Una salita a Superga
15/2Miracolo a Torino
31/1L'Italia che filtra gli IP

Recenti su fotoblòg

Molto inglese.Attacco degli UFO?Anche qui!
La città vista dall'alto.Scappando dai cavi.La baia di Wellington.
Sull'Oceano al tramonto.Un albero sul cielo in fiamme.Un foro di luce sulla città.

Archivi
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Dicembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
Novembre 2003
Ottobre 2003
Settembre 2003
Agosto 2003
Luglio 2003
Giugno 2003
Maggio 2003

Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2019 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike