Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Gio 9 - 15:23
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione

toblòg

toblòg <<>> fotoblòg

Blog sospeso!
Il mio blog attuale:
Near a tree

Su di me
Chi è vb?
Cos'è toblòg?
Cos'è fotoblòg?
La mia home page

toblòg per e-mail
Lascia la tua e-mail per essere avvisato in automatico dei nuovi post di toblòg.

Cerca in toblòg

Gravitazioni
Elena
Simone, Rutto, Gaglia,
Dumbo, Lobo, Sciasbat,
Fabbrone, Susan, Bruno
.mau.
Dariofox, Matteo
Lenders
Fraser, Mugly, Laurence
Thomas, Bret, Esther, Wendy, Karl A., Ross

Aggregami! RSS 0.92 RSS 2 RDF

[powered by b2 + molte modifiche - login]

Capoeira
Numero 78 - 20 Aprile 2004 (Martedì), 10:17

Vecchio Commonwealth Oggi su fotoblòg

Vecchio Commonwealth

Molto inglese.

La serata di ieri non era un normale lunedì sera, per tanti motivi. Eppure, per me è stata soprattutto la serata della mia seconda lezione di capoeira, e quella in cui ho cominciato a capirne meglio il significato. (Spero di non scrivere troppe stupidaggini, che se no i miei compagni più esperti mi correggeranno.)

Per chi non la conoscesse, la capoeira è un'arte marziale brasiliana, inventata originariamente dagli schiavi africani deportati per lavorare nel Nuovo Mondo. Il termine "arte marziale" è però estremamente riduttivo, innanzi tutto perchè nella capoeira normalmente non ci si colpisce, se non per errore. Di fatto, la capoeira non è una forma di combattimento, ma di gioco.

Il gruppo di giocatori si dispone in una roda, ossia un cerchio, coronato dal maestro e da altri che imbracciano tipici strumenti musicali come il berimbau o l'atabaque, con i quali creano un ritmo continuo e ossessivo, cantando canzoni tradizionali (il portoghese è d'obbligo). Due alla volta, i giocatori entrano in mezzo alla ruota e giocano insieme, con una varietà di comportamenti sorprendente, influenzata dal ritmo della musica; si può andare da una vera e propria danza, in cui i due giocatori si tengono per mano, a una lenta sequenza di movimenti incrociati, fino alla sfida a chi compie l'acrobazia più ardita e, se il ritmo del tamburo aumenta e il livello dei giocatori è adeguato, a un vero e proprio scambio di calci e parate e di colpi che mancano l'avversario per millimetri.

Per me è stato molto difficile capire il senso di tutto questo. Ho cominciato ad assistere ad esibizioni di amici capoeiristi quasi un paio di anni fa, e continuavo a chiedermi come fosse possibile imparare una sequenza di mosse incredibili per poi non colpirsi mai; e come fosse possibile, in assenza di contatto fisico o di giuria, individuare un vincitore. Questo perchè nella nostra mentalità occidentale non esiste il concetto di sport non competitivo - men che meno se lo sport è un'arte marziale. Sebbene sia possibile praticare gli sport solo per divertimento, in tutti i nostri sport, inclusi quelli individuali, esiste sempre e comunque un sistema di punteggio o di misurazione delle prestazioni che permette, volendo, di creare una competizione.

Il punto è che la capoeira è veramente un gioco, in cui l'importante non è distruggere l'avversario fisicamente, ma sfidarlo e mostrarsi migliori di lui, e nel frattempo giocare e divertirsi insieme. (Questo non è sempre e totalmente vero; ad infilarsi nelle ruote di strada in Brasile si può finire molto male, e del resto le radici di questa pratica stanno comunque nella necessità di autodifesa degli schiavi, magari mascherata da innocua danza per sfuggire ai divieti e alle repressioni dei padroni bianchi.)

La mia prima roda (passiva, perchè non sono ancora entrato una volta, e non entrerò ancora per molto...) è stata dieci giorni fa, quando ho assistito per caso alla mia prima lezione. Dovevo avere un aspetto veramente orribile, e forse anche per questo mi hanno invitato ad inserirmi nel cerchio.

Bene, la sensazione di energia data da questo insieme di persone che giocano e cantano e suonano insieme è veramente impressionante. Il cerchio diventa astratto e autoconclusivo, e il resto del mondo ne resta fuori; e il risultato è un rito magico, con tutte le formalità e i dogmi di un rito (ma perchè bisogna entrare nel cerchio sempre in senso antiorario?), ma allo stesso tempo dotato di una creatività e una imprevedibilità che lo rendono sempre nuovo.

E' certamente una forma di arte, come si vede osservando i movimenti rotondi e sinuosi dei giocatori, che descrivono linee improbabili con i piedi e le mani; ogni persona può esprimersi liberamente e scegliere il proprio stile. I più bravi restano in aria sfidando la gravità, scattano come molle, ruotano e compiono mosse che sembrano facili e naturali, ma che non consiglierei di provare a nessuno; e allo stesso tempo mantengono una eleganza coordinata e controllata che è un piacere per gli occhi.

Ma, in fondo, la capoeira è anche una filosofia, in cui l'abilità e la resistenza fisica e mentale dei giocatori è spinta all'estremo come sfida innanzi tutto a se stessi, e non come dimostrazione di forza o imposizione di potere.

A me, la capoeira sta facendo bene, non solo sul piano fisico - dove ne ho bisogno, e dove mi permette comunque di scaricare le mie tensioni - ma soprattutto sul piano mentale. In solo tre serate, mi ha permesso di trovare un po' di stabilità e di tranquillità, grazie alla sensazione di partecipare a uno scambio di energie allegro e gioioso, ma non per questo meno denso e trascendente.

Trattandosi di una attività fisica basata essenzialmente sui riflessi e sulla coordinazione, oltre che sull'atleticità, so di essere completamente negato, e di non avere grandi possibilità di arrivare anche solo a un livello medio, tanto più cominciando a trent'anni; e non so nemmeno per quanto tempo avrò veramente voglia e tempo di continuare.

L'essere alle prime armi non è un problema: in un ambiente così poco competitivo, non ci si sente assolutamente in difetto, e anzi i compagni cercano sempre di incoraggiarti. Ma, tutto sommato, credo di aver scelto la capoeira anche per questo, perchè essere per un po' l'ultimo della classe farà bene alla mia umiltà, e magari mi permetterà di riscoprire il valore della fatica e dell'apprendimento, e di quanto un piccolo risultato su un terreno difficile e inesplorato, ottenuto solo grazie all'insistenza e alla forza di volontà, possa valere moltissimo.


--vb.

<< La colpa e il perdonoLa guerra nel cuore >>

<Commenti>

Attenzione: quanto segue potrebbe non essere vero.
.mau.
20 Aprile
12:31
mah.
 
redapple
20 Aprile
16:11
ciao, volevo chiederti se potevo metterti nella mia list. so che trattaimo cose diverse, ma sul tuo blog ci sono capitata spesso. Ti ringrazio comunque e complimenti.
.
 
Fabrizio
20 Aprile
17:38
Ok, ora sei pronto per it-alt.sport.capoeira :-)
 
Lobo
21 Aprile
9:18
Ci sara' il Peres su it-alt.sport.capoeira? E poi contesto, il nome piu' adatto e' it-alt.ballo.capoeira.

Firmato
Il consulente internet
 
vb
22 Aprile
0:17
Mi precisano dalla regia che il non colpirsi non è per volontà di chi colpisce, ma di chi riceve - ossia si cerca di colpire, e ci si aspetta che l'altro sia capace di schivare i colpi. Quel che però resta particolare è il fatto che lo scontro è considerato ben riuscito se tutti sono bravi e non ci si colpisce, invece che quando uno riesce a darle all'altro di santa ragione, come accade nelle altre arti marziali.
 
fagoffi
22 Aprile
0:22
Thai boxe forever!
 
sciasbat
22 Aprile
22:05
Certe cose fanno male lo so, ma reagire così...
 
O VELHA
31 Maggio
8:53
All'inizio è sempre difficile ma poi col tempo e la costanza ci prenderai gusto... Axè capoeirista!
 
curioso
11 Ottobre
19:13
esiste una associazione ufficiale
 
curioso
11 Ottobre
19:14
ho dimenticato il ? cmq mi riferisco sempre alla capoeira
 
Daniele
1 Dicembre
23:50
Forza, la capoeira è una passione, una filosofia di vita non bisogna saper volare per essere un uccello... mettici tutta la volonta e sarà la capoeira a trovare te!!! ;)
 
Dacchan80
4 Gennaio
13:44
Non √® vero che non ci si colpisce mai e quando capita √® casuale: dipende dal tipo di gioco, che pu√≤ essere aperto, che di solito poi risulta essere il pi√Ļ spettacolare, dove i calci di solito invitano l'altro a compierne un'altro in sintonia (armada, meia lua, compasso ecc) o chiuso, dove l'obbiettivo √® passare le difese dell'avversario con martelli, spazzate, cesore e via dicendo. Comunque, te lo consiglio, vai avanti perch√® la capoeira regala veramente moltissimo!!! PS - Esiste un federazione Italiana e anche una mondiale, ma non √® riconosciuta dalla maggior parte dei gruppi. La capoeira √® libert√†, meglio non vincolarla con regole e federazioni!!!
Axè pra voçé
Dacchan "Soluna"
 
dani
8 Febbraio
10:39
con che gruppo hai cominciato a fare capoeira? cosi', giusto per curiosita' :)
pero' benvenuto tra coloro che sono innamorati della capoeira :))
 
Emma
27 Agosto
13:59
Viva o Brasil com todas as suas tradiçoes
 
Davide
17 Novembre
20:12
Per me la capoeira è un sinonimo di libertà, e le maggior parte delle cose dette da vb, si renderà lui stesso conto tra qualche tempo,riguardano appunto il suo occhio inesperto e cambieranno nel tempo! L' essenza della capoeira secondo me è la strategia che nel gioco uno adotta nel controllare l'altro è la scaltrezza è divertimento.....'nsacco de cose na cifra toghe!!! (ah ah)
Comunque secondo me neanche i pi√Ļ grandi capoeristi conoscono e possono dire la capoeira √® questo o √® quello...infatti Pastinha diceva che il suo inizio ( della capoeira ) non ha metodo e la sua fine e incomprensibile anche per il mestre + saggio!
La mia cmq nn era una critica ma un tentativo di istaurare un dialogo costruttivo!!!
 
Simon
18 Novembre
0:12
Da ottobre ho iniziato a giocare capoeira e non vedo l'ora che arrivi il batizado. Ogni volta è un'emozione sempre nuova e la mia prima roda è stata un tripudio di senzazioni dove ho provato l'essenza della capoeira
 
cientista
3 Gennaio
13:51
Cari Capoeristi,

Vi invitiamo a creare un link col nostro sito "capoeira science"

http://www.capoeirascience.com/capoeira%20ita liano.html

- il primo sito italiano dedicato a videos di Capoeira. Fateci sapere se eseguirete l'operazione, così che anche noi creeremo un link dal nostro sito al vostro

Axe!
Cientitsa
 


<Lascia un commento>
Nome E-mail
Url
Testo
Auto-BR (vai a capo a fine riga)

Oggi
Cambio di blog

Nel passato recente
14/4Lo schermo
13/4Fine (I feel)
27/3Rottami
25/3Perso e tradotto
6/3Una salita a Superga
15/2Miracolo a Torino
31/1L'Italia che filtra gli IP

Recenti su fotoblòg

Molto inglese.Attacco degli UFO?Anche qui!
La città vista dall'alto.Scappando dai cavi.La baia di Wellington.
Sull'Oceano al tramonto.Un albero sul cielo in fiamme.Un foro di luce sulla città.

Archivi
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Dicembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
Novembre 2003
Ottobre 2003
Settembre 2003
Agosto 2003
Luglio 2003
Giugno 2003
Maggio 2003

Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2021 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike