Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Mer 26 - 22:17
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione

toblòg

toblòg <<>> fotoblòg

Blog sospeso!
Il mio blog attuale:
Near a tree

Su di me
Chi è vb?
Cos'è toblòg?
Cos'è fotoblòg?
La mia home page

toblòg per e-mail
Lascia la tua e-mail per essere avvisato in automatico dei nuovi post di toblòg.

Cerca in toblòg

Gravitazioni
Elena
Simone, Rutto, Gaglia,
Dumbo, Lobo, Sciasbat,
Fabbrone, Susan, Bruno
.mau.
Dariofox, Matteo
Lenders
Fraser, Mugly, Laurence
Thomas, Bret, Esther, Wendy, Karl A., Ross

Aggregami! RSS 0.92 RSS 2 RDF

[powered by b2 + molte modifiche - login]

La domenica delle salme
Numero 92 - 11 Settembre 2005 (Domenica), 17:01

Vecchio Commonwealth Oggi su fotoblòg

Vecchio Commonwealth

Molto inglese.

Non è altro che un gentile, arrotondato sentore di pianoforte, ad accompagnare l'ingresso nella normalità di una domenica di minor tenore.

Quando abbiamo perso le ideologie, sembrava forse alle regine del tua culpa che fosse finita la storia. Non era così, perchè la storia è la somma di macrocosmo e microcosmo; e in assenza del primo, il nostro cannone nel cortile ha da sparare comunque, prendendo a teatro il nostro mondo interiore. E così, il sipario si apre su un rito che predata la storia, l'annuale visita al Festival delle Sagre, ad Asti; stavolta comprendente un rito iniziatico, con amici che per la prima volta aderiscono alla festa.

L'andata è un treno di chiacchiere che ferma a tutte le stazioni, sotto un cielo grigio e dubbioso; e c'è appena tempo per ricevere l'usuale consiglio, ormai sentito fino alla nausea, di un poco sentito, ma più che dovuto vaffanculo. All'ennesima fermata il treno muore, e scendiamo lieti verso l'ingresso della fiera.

Abbiamo appena esaurito il secondo primo che la pioggia si fa sentire; la ignoriamo, e lei si incazza. Nel momento in cui otteniamo gli agnolotti d'asino, comincia a piovere sul serio; mangiamo agnolotti annacquati e cerchiamo riparo sotto un tendone, aspettando che spiova. Non spiove; aumenta. Ci consoliamo pescando dritti dal sifone della damigiana, mentre il tendone si rivela insufficiente a reggere l'acqua ed il vento. La pioggia aumenta ancora, e l'acqua sale, sale, arrivandoci alle caviglie. Sono ubriaco e fradicio, ubriaco e fradicio, e la pioggia che mi bagna può soltanto rinverdire il marciume preesistente, di fuori e di dentro.

Ci rifugiamo sotto una tettoia, guadando venti centimetri d'acqua in cui galleggia minacciosa una presa elettrica abbandonata. Belli al davanzale, lanciando fiori al nulla, osserviamo il pane che galleggia triste sulla corrente sopra l'asfalto, piatti e sacchetti di un nuovo Polesine fritto, polente congelate dall'alluvione in fondo ai piatti di carta. La pioggia arriva a secchiate, e non possiamo che riderne, cercando di farlo più intensamente, di ridere più forte di quanto lei faccia di noi. Automobili sollevano onde di motoscafo, mentre Federico danza nella pioggia per ottenere i fondenti di nocciola, in venti metri da Calliano a Castellero.

Passa quasi un'ora prima che la pioggia si annulli, dopo aver annullato la festa. E' una domenica incastonata nella mia vita come una gemma, già prima che il vino sciolga la vernice della mia faccia e sveli il cadavere di utopia, incarognito e puzzolente, col suo sorriso sdentato dai tempi che furono. E' allora che il potere animale si fa largo, e mentre sbrindello coi denti cervella e fegati fritti alla maniera del vecchio Piemonte, emettendo fluidi e vino e pioggia e lacrime invisibili, realizzo che stordirsi col cibo non è oggi più azione di moda. Ma nonostante questa epifania, è in tale squalificante, provinciale, cheappissimo luogo comune alla McDonald's, che addentata una torta dell'abbondanza (di cosa?) abbraccio la via del ritorno.

Ma prima di tornare, altre anime salve cadono nell'agguato delle mie fedeli brigate rosse interpersonali; alcuni con immateriale regolarità, altri, teleoperati, con cortese imbarazzo, e sensazione di nonsenso. Il treno del ritorno è più veloce, e per me, sommerso dall'acqua montante, non sono rimaste che le faccende comuni di un ultimo atto qualsiasi.

L'automobile scivola per via Guido Reni come un balletto russo, leggera sull'acqua, girando attorno ai lenti guidatori di Cuneo. La manovra per entrare in garage è confusa, ostica come una fatica di Sisifo. L'arrivo in casa è l'occhiata ai miei piedi viola, fradici di pioggia e di vita, straniti. Anche qui, nella mia casa dalle pareti grigie, non si odono fucilate, e regna una pace terrificante. Sospeso tra presente e presente, senza passato e senza futuro, codesto giorno meno uno è solo vomito; vomito vero e intellettuale, e vibrante protesta.


--vb.

<< Una vacanza fuori dal ComuneTanti auguri >>

<Commenti>

Attenzione: quanto segue potrebbe non essere vero.
vb
11 Settembre
23:43
Posso soltanto aggiungere che ├Ę strano svegliarsi la sera dopo aver dormito per smaltire una piomba colossale, collegarsi, guardare la posta e scoprire l'autoavviso di una bloggata di cui onestamente non ci si ricordava nemmeno l'esistenza :-)

Per├▓ rileggendola ha senso dall'inizio alla fine, solo che forse dovrei spiegarvela punto per punto...
 
.mau.
12 Settembre
10:18
Io ho preferito fermarmi a Monza e saltare la parte "assaggi". ├ł andata bene, ce ne siamo andati subito prima del diluvio...
 
/alb
12 Settembre
11:39
intenso.
io mi sono bruciato la faccia con una crema sbagliata e ,per fare lo scemo, sono
volato dall MTB...senza nemmeno essere ubriaco.
solo fradicio, ero.
 


<Lascia un commento>
Nome E-mail
Url
Testo
Auto-BR (vai a capo a fine riga)

Oggi
Cambio di blog

Nel passato recente
14/4Lo schermo
13/4Fine (I feel)
27/3Rottami
25/3Perso e tradotto
6/3Una salita a Superga
15/2Miracolo a Torino
31/1L'Italia che filtra gli IP

Recenti su fotoblòg

Molto inglese.Attacco degli UFO?Anche qui!
La città vista dall'alto.Scappando dai cavi.La baia di Wellington.
Sull'Oceano al tramonto.Un albero sul cielo in fiamme.Un foro di luce sulla città.

Archivi
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Dicembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
Novembre 2003
Ottobre 2003
Settembre 2003
Agosto 2003
Luglio 2003
Giugno 2003
Maggio 2003

Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2019 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike