Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Gio 9 - 14:59
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione

toblòg

toblòg <<>> fotoblòg

Blog sospeso!
Il mio blog attuale:
Near a tree

Su di me
Chi è vb?
Cos'è toblòg?
Cos'è fotoblòg?
La mia home page

toblòg per e-mail
Lascia la tua e-mail per essere avvisato in automatico dei nuovi post di toblòg.

Cerca in toblòg

Gravitazioni
Elena
Simone, Rutto, Gaglia,
Dumbo, Lobo, Sciasbat,
Fabbrone, Susan, Bruno
.mau.
Dariofox, Matteo
Lenders
Fraser, Mugly, Laurence
Thomas, Bret, Esther, Wendy, Karl A., Ross

Aggregami! RSS 0.92 RSS 2 RDF

[powered by b2 + molte modifiche - login]

L'e-isola che non c'è
Numero 96 - 4 Ottobre 2005 (Martedì), 10:18

Vecchio Commonwealth Oggi su fotoblòg

Vecchio Commonwealth

Molto inglese.

La scorsa settimana ero a Ginevra, alle Nazioni Unite, dove si è svolta l'ultima riunione preparatoria per il Summit Mondiale sulla Società dell'Informazione, che si terrà a Tunisi a metà novembre. Si trattava della riunione decisiva, quella in cui si doveva trovare un accordo tra gli Stati Uniti e il resto del mondo per internazionalizzare la rete, con il rischio che la rete globale si spacchi in due o tre tronconi se l'accordo non si trova; e in cui si dovevano concordare i principi e i metodi per bilanciare sicurezza e diritti umani, privacy e attività economiche, libertà di espressione e controllo dei governi, nonchè gli strumenti organizzativi ed economici per diffondere le ICT nei paesi del terzo mondo.

E' stata una riunione frenetica e ricca di colpi di scena, in cui sono emersi i problemi della globalizzazione, i conflitti politici latenti tra le varie parti del mondo, le diversità culturali e politiche; in cui l'Europa, a sorpresa, si è avvicinata alla Cina e all'Iran mettendosi contro gli americani, in cui i dissidenti tunisini sono stati minacciati dagli agenti del governo di Ben Ali persino dentro il palazzo, e in cui la difficile convivenza tra un processo diplomatico intergovernativo e la comunità globale di Internet è arrivata quasi al punto di rottura. Un evento ricco di notizie e di ricadute, di cui un buon giornale dovrebbe parlare, insomma.

Difatti, giovedì e venerdì mattina c'erano articoli su questi argomenti sull'International Herald Tribune, sul New York Times, sul Financial Times, oltre che su testate online come The Register e Heise. In Italia, ne ha parlato solo Punto Informatico. Sui nostri giornali, nemmeno un trafiletto: troppo impegnati con i gossip e le scazzottate verbali dei nostri politici.

Il problema è che l'Italia è un paese che, nell'era della società globale, si parla addosso guardandosi allo specchio. Terrorizzato dalla globalizzazione come un alce che fissa i fari del camion che sta per investirlo, eppure del tutto incapace di muoversi, di provare a fare qualcosa.

Bene, direte voi, se i giornali non ne parlano, se la massa degli italiani non ne sa nulla, almeno chi ci governa avrà degli specialisti e dei piani per gestire la situazione.

Allora, se volete la prova, questo è il programma di governo di Romano Prodi. (Quello di Silvio Berlusconi, ammesso che sia davvero lui il candidato dell'altra coalizione, non è ancora pervenuto.) Un programma lungo e dettagliato, che, stampato, prende sedici pagine.

Ebbene, provate a cercare la parola "Internet": non c'è. C'è una sola menzione delle "tecnologie della comunicazione e dell'informazione": nel capitolo introduttivo, dove si dice che le ICT sono una delle quattro cause fondamentali della globalizzazione. Poi però, quando si passa a descrivere il programma, non vengono più menzionate: saranno anche una causa fondamentale, ma, apparentemente, Prodi non ha la minima idea di che farsene o come gestirle, a parte il "completamento della rete telematica a larga banda", in fondo al paragrafo dedicato ai trasporti (!).

Nessuna notizia su grandi temi come la privacy, la proprietà intellettuale, il software libero, l'alfabetizzazione informatica, il digital divide, la libertà di espressione in rete, l'e-commerce, nè sugli eventuali piani per sviluppare il settore industriale dei media e delle ICT, con tutti i suoi problemi di concorrenza mancata, di qualità del lavoro, di competitività internazionale, di ricerca e innovazione continua: non pervenuti. Gli unici due settori menzionati come produttori di tecnologia sono l'energia e, incredibile, la sanità pubblica. Questo programma, insomma, avrebbe potuto essere utilizzato tale e quale per le elezioni del 1980.

So che per fortuna, nello schieramento di Prodi, ci sono politici molto attivi su questi temi; e non dubito che entrambi gli schieramenti avranno tempo per rimediare e farci conoscere i propri programmi a proposito. Ma trovo spaventoso che nel 2005 per la gran parte della nostra classe dirigente, politica o imprenditoriale che sia, ICT voglia dire essenzialmente call center e suonerie dei cellulari; e che invece di porre la società dell'informazione al centro dei nostri piani per il futuro, ci si ostini ad ignorarla per continuare le solite eterne discussioni su settori per definizione in perdita, come la scuola e la sanità, o su settori industriali indifendibili, come la metalmeccanica o il tessile di massa. Senza capire che se non c'è crescita economica nei settori innovativi e ad alto contenuto tecnologico non ci sono nemmeno i soldi per mantenere tutto il resto.

Insomma, è come se chi ci dirige pensasse che l'Italia possa essere un'isola al di fuori dei grandi cambiamenti della società mondiale, e li guardasse con la puzza sotto il naso o con paura, come un problema anzichè come una opportunità, o con il fastidio per doversi confrontare con uno scenario del tutto nuovo. Purtroppo, nella società globalizzata, le isole non esistono più. Speriamo per noi che non lo scoprano troppo tardi.


--vb.

<< Ginevra a cinque stelleLa buona musica è come il buon vino >>

<Commenti>

Attenzione: quanto segue potrebbe non essere vero.
.mau.
4 Ottobre
11:34
lo sappiamo che vuoi trovarti il posto da spin doctor per l'ICT!
 
Frank
7 Ottobre
15:35
I'ICT è stato abbandonato da questo paese anni addietro, quando si è deciso che si poteva chiudere l'unica azienda italiana nota a livello mondiale in questo settore: Olivetti. Ah, sì, il tronchetto ha sbandierato ai 4 venti che la farà rinascere...
La classi politica/dirigente/imprenditoriale italiane sono mediocri, ottuse, clientelari e pensano solamente al proprio tornaconto. I politici, di qualsiasi colore, non hanno nessun contatto con la realtà. La maggior parte degli imprenditori investe i proprio guadagni in beni di lusso invece che nella propria azienda. Valgono solo le conoscenze, non le capacità, sia nel pubblico che nel privato.
Non produciamo niente di ICT, importiamo, integriamo ed installiamo.
Scusa lo sfogo, vb :)
 
rumenta
12 Ottobre
0:43
la verità è che di internet e della banda larga non frega niente a nessuno... tranne quando si tratta di incassare le prebende dell'industria per blindare la rete (urbani) o limitare la libertà di espressione che ne è la caratteristica (legge sull'editoria).
per carità, il tutto ovviamente per la nostra "sicurezza".....
 
Piero
12 Ottobre
1:41
Basta con questi politici attempati. E' ora di mandarli a stendere, tirarci su le maniche e prendere noi in mano il timone della barca.
 
bonni
19 Ottobre
18:20
allora?!? ma parlate per dare aria...?! qs governo ha preso provvedimenti in tutti i campi che menziona vittorio. TUTTI. allora, malafede o ignoranza?
 
Pinco Pallino
6 Novembre
11:34
Il prof. Prodi ovviamente nominerà un ministro per questo settore che a sua volta si affiderà a dei tecnici. Le università italiane abbondano di esperti, ricercatori seri che, sebbene abbiano uno stipendio ignobile, dimostrano la profondità delle loro conoscenze pubblicano ad alto livello, anzichè fare chiacchiere come chi prende 10 volte il loro stipendio per sedersi su una sedia.
 


<Lascia un commento>
Nome E-mail
Url
Testo
Auto-BR (vai a capo a fine riga)

Oggi
Cambio di blog

Nel passato recente
14/4Lo schermo
13/4Fine (I feel)
27/3Rottami
25/3Perso e tradotto
6/3Una salita a Superga
15/2Miracolo a Torino
31/1L'Italia che filtra gli IP

Recenti su fotoblòg

Molto inglese.Attacco degli UFO?Anche qui!
La città vista dall'alto.Scappando dai cavi.La baia di Wellington.
Sull'Oceano al tramonto.Un albero sul cielo in fiamme.Un foro di luce sulla città.

Archivi
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Dicembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
Novembre 2003
Ottobre 2003
Settembre 2003
Agosto 2003
Luglio 2003
Giugno 2003
Maggio 2003

Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2021 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike