Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Sab 6 - 11:42
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione

toblòg

toblòg <<>> fotoblòg

Blog sospeso!
Il mio blog attuale:
Near a tree

Su di me
Chi è vb?
Cos'è toblòg?
Cos'è fotoblòg?
La mia home page

toblòg per e-mail
Lascia la tua e-mail per essere avvisato in automatico dei nuovi post di toblòg.

Cerca in toblòg

Gravitazioni
Elena
Simone, Rutto, Gaglia,
Dumbo, Lobo, Sciasbat,
Fabbrone, Susan, Bruno
.mau.
Dariofox, Matteo
Lenders
Fraser, Mugly, Laurence
Thomas, Bret, Esther, Wendy, Karl A., Ross

Aggregami! RSS 0.92 RSS 2 RDF

[powered by b2 + molte modifiche - login]

La NA è morta, viva la NA
Numero 53 - 11 Dicembre 2003 (Giovedì), 10:24

Vecchio Commonwealth Oggi su fotoblòg

Vecchio Commonwealth

Molto inglese.

Martedì si è svolta a Pisa l'assemblea annuale della Naming Authority, il gruppo che, da metà degli anni '90, si occupa mediante il proprio Comitato Esecutivo (CE) di scrivere le regole di registrazione dei domini .it, che vengono poi applicate dalla Registration Authority (RA) gestita dallo IIT-CNR.

Come sa chi ha seguito le vicende della nostra Internet governance nazionale, si veniva da tre anni piuttosto tormentati, pieni di fallimenti, di spaccature, di manovre pubbliche e private e soprattutto di totale inattività sul piano pratico, tale da lasciare in sospeso questioni annose e norme obsolete, come il limite di un dominio .it a testa per le persone fisiche.

Giusto per ricapitolare, nell'autunno 2000 era stato avviato un processo di riforma interna che non aveva concluso nulla, portando a una assemblea anticipata nella primavera 2001, dove a sorpresa le associazioni dei provider avevano cercato di "annettersi" un pezzo del CE, provocando la reazione inferocita dell'assemblea.

Il successivo CE era entrato in crisi dopo sei mesi, quando buona parte dei membri si era dimessa per protesta; nel frattempo, era partito un misterioso e segretissimo "tavolo dei domini" presso il Ministero delle Comunicazioni, per discutere in privato di come riformare il sistema. La successiva assemblea del maggio 2002 aveva visto la spaccatura a metà tra i difensori del "tavolo dei domini" e quelli che chiedevano maggiore trasparenza; poi, a fine anno, saltarono fuori le prime bozze di statuto della nuova Fondazione Meucci, che avrebbe sostituito NA e RA, e che sarebbe stata sotto il diretto controllo del governo; e nel frattempo, lo IIT comunicò che, più o meno, avrebbe gradito disconoscere la NA e farsi le regole da solo.

Questo suscitò reazioni allarmate in tutta la comunità Internet, con tanto di petizione online. Alla fine, la RA accettò la NA ancora per un anno; nonostante gli annunci trionfali di Gasparri, la Fondazione non partì mai; e cominciammo tutti ad attendere la nuova assemblea della NA, prima prevista per maggio, poi per luglio, poi per settembre... e finalmente convocata per il 9 dicembre.

Date le premesse, ci si potevano aspettare uova e pomodori. Invece, è stata una delle assemblee più brevi e tranquille della storia, e nonostante questo forse la più importante, perchè ha segnato un cambiamento storico. L'assemblea ha riconosciuto in modo praticamente unanime la crisi del modello tradizionale, e la necessità di evolvere in qualcosa di diverso.

In pratica, la NA non ha rieletto il proprio CE, e ha accettato di lasciare la funzione di fare le regole a un consiglio interno allo IIT; in cambio, però, ha ottenuto di essere lei, e non lo IIT, a scegliere i rappresentanti della comunità Internet nazionale in questo consiglio. Questi rappresentanti, tuttavia, non sono stati scelti in modo indistinto, ma piuttosto seguendo i suggerimenti ricevuti da vari gruppi (o constituency) che rappresentano le diverse anime della comunità: dalla associazione di grandi provider a Società Internet (ISOC) per gli utenti, fino a gruppi autoorganizzatisi all'interno della NA, e alla NA stessa, che muore come ente normativo, ma rinasce come gruppo di esperti con un bagaglio di esperienza e competenza ineguagliato in Italia.

Quello delle constituency è stato il cambiamento culturale più significativo. Come già avvenuto in ICANN e in molte nazioni estere, si è preso atto che il modello tradizionale di Internet, basato sulle liste aperte e sul "rough consensus", funziona all'interno di una comunità omogenea per cultura e per interessi e formata solo da tecnici, come era quella di Internet nel secolo scorso.

Questo modello, invece, non può funzionare in un sistema di telecomunicazioni di massa, dove vi sono forti interessi politici ed economici, dove non esistono obiettivi e culture comuni, e dove è normale che ognuno persegua i propri interessi a danno di quelli degli altri.

Il modello a constituency, in cui ogni gruppo sociale si auto-organizza ed esprime propri rappresentanti all'interno degli organi decisionali, diventa quindi un elemento di chiarezza: in questo modo si rende chiaro quali interessi e quali obiettivi stanno dietro alle proposte in campo e alle decisioni che vengono prese, e si può garantire un certo equilibrio tra i diversi gruppi indipendentemente dalle loro capacità organizzative ed economiche.

La lista delle constituency utilizzata martedì dalla NA è tutt'altro che perfetta; in particolare, vi sono solo due rappresentanti degli utenti, contro quattro dei provider, due del registro e probabilmente quattro o cinque dei ministeri interessati. In quasi tutti gli altri sistemi basati su constituency si ha un equilibrio nel numero dei rappresentanti tra utenti e aziende, per evitare che le regole vengano fatte a danno degli utenti stessi; e nei prossimi mesi è importante che gli utenti pretendano un riequilibrio.

Ma, almeno, la situazione si è sbloccata; e, come effetto pratico, si prevede che entro pochi mesi le regole di registrazione dei domini .it verranno significativamente rinnovate. Sperabilmente, entro breve si potrà registrare un .it senza dover mandare fax e senza dover pubblicare al mondo, in barba alla legge sulla privacy, tutti i propri dati personali tramite il Whois. Il che, alla fin fine, è l'obiettivo ultimo per il navigatore medio.


--vb.

<< Non nel mio cortileDa Ginevra a Roma >>

<Commenti>

Attenzione: quanto segue potrebbe non essere vero.
enrico
11 Dicembre
13:55
Io rimango dell'idea che la NA sia entrata in crisi nel momento stesso in cui sono entrati gli "avvocati"; che questo ingresso fosse necessario o meno può essere elemento d discussione ovviamente ma credo che quel momento abbia caratterizzato la svolta negativa di tutta l'"associazione"
 
luca
13 Dicembre
16:54
Quando leggo «è normale che ognuno persegua i propri interessi a danno di quelli degli altri» capisco qual'è la radice dei nostri guai. Consideriamolo reale, non normale, perché è invece patologico.
 
paolo
18 Dicembre
18:57
Io sinceramente credo che uno dei problemi sia proprio l'imbarazzante anarchismo di certi membri NA. Sarebbe ora di capire che è finito il periodo dei principianti e lasciare il campo a gente che si occupa di queste cose di mestiere, magari pure eletti democraticamente. Tutti sanno che le regole di naming sono un mostro giuridico, che la NA dice di rappresentare la community in realtà rappresentando solo se stessa e la paura di sparire (auspicabile). Ci hanno divertito per un po', ma adesso basta e spazio ad un po' di serietà, altro che NA e RA. La NA, manco dovrebbe esistere
 
mario
19 Dicembre
11:11
Vittorio,

scrivi:
"In pratica, la NA [...] ha ottenuto di essere lei, e non lo
IIT, a scegliere i rappresentanti della comunitĂ  Internet
nazionale in questo consiglio.[...]
[la] NA stessa, che muore come ente normativo,
[...] rinasce come gruppo di esperti con un bagaglio
di esperienza e competenza ineguagliato. in Italia."

Ovviamente non è chiaro perchè un gruppo di esperti
debba avere il ruolo di decidere quali siano
i rappresentanti della comunitĂ  Internet in un consiglio
(scientifico? di rappresentanza di interessi?)
di un Istituto del CNR.

Insomma un pasticcio che ci mette in grande difficoltĂ 
a contrastare inizitive come quella di ambito
Min. delle attivitĂ  produttive.

ciao
alla prossima
mario
 


<Lascia un commento>
Nome E-mail
Url
Testo
Auto-BR (vai a capo a fine riga)

Oggi
Cambio di blog

Nel passato recente
14/4Lo schermo
13/4Fine (I feel)
27/3Rottami
25/3Perso e tradotto
6/3Una salita a Superga
15/2Miracolo a Torino
31/1L'Italia che filtra gli IP

Recenti su fotoblòg

Molto inglese.Attacco degli UFO?Anche qui!
La città vista dall'alto.Scappando dai cavi.La baia di Wellington.
Sull'Oceano al tramonto.Un albero sul cielo in fiamme.Un foro di luce sulla città.

Archivi
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Dicembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
Novembre 2003
Ottobre 2003
Settembre 2003
Agosto 2003
Luglio 2003
Giugno 2003
Maggio 2003

Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2021 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike