Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Dom 20 - 19:49
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione

toblòg

toblòg <<>> fotoblòg

Blog sospeso!
Il mio blog attuale:
Near a tree

Su di me
Chi è vb?
Cos'è toblòg?
Cos'è fotoblòg?
La mia home page

toblòg per e-mail
Lascia la tua e-mail per essere avvisato in automatico dei nuovi post di toblòg.

Cerca in toblòg

Gravitazioni
Elena
Simone, Rutto, Gaglia,
Dumbo, Lobo, Sciasbat,
Fabbrone, Susan, Bruno
.mau.
Dariofox, Matteo
Lenders
Fraser, Mugly, Laurence
Thomas, Bret, Esther, Wendy, Karl A., Ross

Aggregami! RSS 0.92 RSS 2 RDF

[powered by b2 + molte modifiche - login]

Sglobalizzando la rete (part I)
Numero 36 - 21 Settembre 2003 (Domenica), 13:23

Vecchio Commonwealth Oggi su fotoblòg

Vecchio Commonwealth

Molto inglese.

Gli ultimi giorni per me sono stati piuttosto densi, essendo pieno di cose da fare al lavoro e dovendo nel contempo tenere dietro alle continue evoluzioni dell'affare Verisign.

Eppure, sono stati giorni piuttosto interessanti, perchè la mossa di Verisign ha scatenato un lungo dibattito in tanti luoghi virtuali e tra persone molto diverse: partendo dai guru internazionali dello IAB e della lista di discussione generale dell'IETF per arrivare ai commenti dell'utente italiano medio al repost del mio precedente articolo su Punto Informatico, tutti hanno cercato di capire, di discutere, di farsi un'opinione e di esporla liberamente, e di reagire ognuno a proprio modo e nel proprio campo.

E' proprio osservando queste reazioni che credo di aver capito quella che, per me, è la conseguenza peggiore di tutto questo affare, e che però è anche il simbolo di un cambiamento già in atto da molto tempo, e di cui l'idea di Verisign è un sintomo e non certo la causa: il passaggio dall'era della globalizzazione a quella della sglobalizzazione.

Per anni abbiamo sentito parlare di globalizzazione della società e dell'economia; di circolazione senza barriere di capitali, idee e merci per tutti gli angoli del mondo. Di tutto questo, Internet è il simbolo; è lo strumento che ha reso possibile questo processo ad una velocità prima imprevedibile. Ma come tutti i processi veloci, i cambiamenti rischiano di essere superficiali e di subire stop imprevisti.

Gli standard della rete sono aperti, globali e collaborativi sin dal principio; si basano sull'ipotesi che tutti gli operatori di rete che gestiscono i vari pezzi di Internet siano interessati a collaborare positivamente per rispettarli e per poter comunicare reciprocamente senza problemi.

I meccanismi di protezione e di autenticazione sono disegnati principalmente per evitare che bug, cattive implementazioni o malfunzionamenti portino danno alla rete, oppure per prevenire azioni illegittime o "furbate" a livello utente. Nessuno però ha mai pensato che potessero essere le stesse entità che gestiscono frazioni significative di Internet o suoi servizi centrali e cruciali a voler agire di proposito in modo tale da spezzare questa interoperabilità per perseguire propri obiettivi personali.

Come risultato, la rete è assolutamente indifesa nei confronti di azioni come quella di Verisign, tanto è vero che essa può tranquillamente appellarsi alle fessure degli standard per sostenere di non aver fatto nulla di male: perchè se è scritto che la risposta "NXDOMAIN" vuol dire "dominio inesistente", non è scritto esplicitamente che quando un dominio non esiste bisogna obbligatoriamente dire che non esiste, anche se è sempre stato dato per scontato.

Di fronte a questa carenza, però, qual è stata la reazione della rete? Siccome gli standard globali non sono riusciti a fermare Verisign, ognuno ha reagito come poteva: c'è chi ha rilasciato patch specifiche per annullare il nuovo comportamento del DNS, chi ha chiuso il routing rendendo irraggiungibile il sito jolly di Verisign, persino chi ha organizzato attacchi distribuiti contro la loro rete.

Tutte queste reazioni hanno un punto fondamentale in comune: spezzano il principio di uniformità della rete. Riguardano specifici nomi e specifici indirizzi IP; sono mirate ad un ben determinato pezzo di rete; sono l'equivalente internautico di dogane, fili spinati e posti di blocco interposti tra noi e una nazione ostile.

Questa è una cosa che si era forse vista in passato a livello di utenti o piccoli operatori (si pensi ad esempio alle blacklist anti-spam), ma mai a livelli di rete così vasti e importanti.

In altre parole, mentre la speranza di molti padri fondatori della rete era che Internet provocasse l'abolizione dei confini e dei nazionalismi anche nel mondo reale, sta succedendo esattamente il contrario: le storiche miserie umane e gli storici egoismi del mondo reale stanno spezzando la globalità della rete.

Ma per dimostrare che si tratta di un processo non basta un solo evento; e allora domani vi racconterò cosa succede in questo settore ai massimi livelli diplomatici.


--vb.

<< L'errore mortaleSglobalizzando la rete (part II) >>

<Commenti>

Attenzione: quanto segue potrebbe non essere vero.
Simone Caldana
22 Settembre
10:37
Il matrimonio non lo costruisce il prete.
 
Fabrizio
22 Settembre
16:40
Nollo' capita
 


<Lascia un commento>
Nome E-mail
Url
Testo
Auto-BR (vai a capo a fine riga)

Oggi
Cambio di blog

Nel passato recente
14/4Lo schermo
13/4Fine (I feel)
27/3Rottami
25/3Perso e tradotto
6/3Una salita a Superga
15/2Miracolo a Torino
31/1L'Italia che filtra gli IP

Recenti su fotoblòg

Molto inglese.Attacco degli UFO?Anche qui!
La città vista dall'alto.Scappando dai cavi.La baia di Wellington.
Sull'Oceano al tramonto.Un albero sul cielo in fiamme.Un foro di luce sulla città.

Archivi
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Dicembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
Novembre 2003
Ottobre 2003
Settembre 2003
Agosto 2003
Luglio 2003
Giugno 2003
Maggio 2003

Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2020 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike