Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Gio 9 - 15:09
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione

toblòg

toblòg <<>> fotoblòg

Blog sospeso!
Il mio blog attuale:
Near a tree

Su di me
Chi è vb?
Cos'è toblòg?
Cos'è fotoblòg?
La mia home page

toblòg per e-mail
Lascia la tua e-mail per essere avvisato in automatico dei nuovi post di toblòg.

Cerca in toblòg

Gravitazioni
Elena
Simone, Rutto, Gaglia,
Dumbo, Lobo, Sciasbat,
Fabbrone, Susan, Bruno
.mau.
Dariofox, Matteo
Lenders
Fraser, Mugly, Laurence
Thomas, Bret, Esther, Wendy, Karl A., Ross

Aggregami! RSS 0.92 RSS 2 RDF

[powered by b2 + molte modifiche - login]

La colpa e il perdono
Numero 77 - 17 Aprile 2004 (Sabato), 17:26

Vecchio Commonwealth Oggi su fotoblòg

Vecchio Commonwealth

Molto inglese.

Volare è per quasi tutti gli esseri umani una esperienza spiacevole. Razionalmente, si sa che i rischi sono in realtà molto minori rispetto a una qualsiasi gita in automobile; eppure, quando si è su di un aereo si percepisce molto chiaramente, fin nel profondo delle proprie budella, di essere in un posto dove non si dovrebbe essere, al di fuori dei propri confini naturali, e dove la propria vita potrebbe improvvisamente terminare con una morte orribile, relativamente lenta ed estremamente dolorosa, per eventi ed errori del tutto al di fuori del proprio controllo.

Personalmente, a parte la primissima volta, ho sempre avvertito questa sensazione sgradevole, ma non ho mai veramente avuto paura di volare fino a quando non ho avvertito dentro di me la sensazione di avere veramente qualcosa di importante da perdere, nel caso in cui non fossi mai più tornato a casa.

Negli ultimi anni ho così cominciato a fare viaggi in aereo piuttosto sgradevoli, in cui alla noia di otto o dodici ore chiusi e fermi su una seggiola si sommava per buona parte del tempo una debole ma fastidiosa sensazione di paura; proprio perchè la sensazione sgradevole del rischio evidente si congiungeva irrazionalmente al desiderio profondo di non morire, per non perdere una vita il cui senso era finalmente chiaro ed evidente.

Ora, a parte le mie recenti disillusioni sul (non)senso della vita, tutto questo mi è tornato alla mente oggi mentre apprendevo dai telegiornali i tristi sviluppi del disastro aereo dell'8 ottobre 2001. Dovreste ricordarvelo: all'aeroporto di Linate un aereo di linea e un aereo da turismo si scontrarono, provocando centodiciotto vittime.

Ieri si è concluso il processo contro i responsabili dell'aeroporto e i controllori di volo coinvolti. Le accuse erano ovviamente solo di tipo colposo, visto che nessuno ha volontariamente causato la strage, ma il giudice ha alla fine deciso di comminare le pene più dure che siano mai state date in Italia per reati di questo tipo, fino a otto anni.

Naturalmente, non si può entrare così, senza dati e senza informazioni, nel merito di una sentenza, ma quello che colpisce è la durezza estrema del clima che si è creato contro gli imputati, principalmente a causa dell'attività dei parenti delle vittime.

Il lutto per la perdita improvvisa e inaspettata di una persona fortemente amata, indipendentemente dalle cause, è una delle cose più difficili da affrontare per gli esseri umani; una di quelle prove che, in molti casi, segnano in profondità lo spirito, e cambiano il senso e la direzione di una vita.

L'accettazione del fatto che una persona con cui per anni si è condivisa la vita, a cui per anni ci si è dedicati ricevendone in cambio uguale dedizione, e su cui si pensava di poter contare ancora molto a lungo, da un giorno all'altro non c'è più, richiede una quantità di tempo e una forza enorme. Anche solo la distruzione delle abitudini, la presenza dei ricordi, la quantità di oggetti materiali e immateriali che continuano a saltar fuori per mesi dopo la scomparsa, nonchè l'inevitabile idealizzazione della persona perduta e dei giorni trascorsi con lei, contribuiscono a mantenere la ferita aperta.

E' quindi del tutto normale che, di fronte a un travaglio di questo genere, la prima cosa che venga naturale fare sia cercare delle ragioni, delle responsabilità, e quindi, dei colpevoli: perchè se una tragedia è in sè terribile, una tragedia senza spiegazioni lo è molto di più.

L'atteggiamento più razionale, difatti, sarebbe forse riconoscere che le fatalità esistono, gli eventi accadono, e che non necessariamente c'è una ragione o una responsabilità diretta per quello che accade; e l'unica cosa da fare è guardare avanti, e ricostruire una vita diversa in cui conservare serenamente il bel ricordo dei momenti passati, ma anche cercare di crearsene di nuovi. Ma è anche quello che è più difficile da mettere in pratica e da accettare nel profondo, perchè dimostra appunto l'oggettiva assenza di certezze nella nostra vita.

Alcuni (e mi ci metto anch'io, anche se è una parte di me che sto cercando di eliminare) tendono all'autoaccusa; sono quelli che tendono ad evidenziare i modi in cui hanno contribuito a causare la tragedia, persino quando non ve ne sono di credibili, o sono stati del tutto involontari; sono quelli che non hanno bisogno di perdonare, ma di sentirsi perdonati, persino sapendo che ottenere il perdono di un defunto è oggettivamente impossibile.

Altri, invece, tendono ad accusare gli altri. Sono di solito quelli che tendono a mettere in piedi i comitati, le proteste di piazza, e a sfilare chiedendo giustizia!. Sono quelli che separano il grano dal loglio e conservano solo il loglio, notando istintivamente nel comportamento degli altri soltanto gli errori e le negligenze che abbiano in qualsiasi modo contribuito al verificarsi della tragedia. Sono, di solito, quelli che non sanno perdonare.

Nessuno di questi atteggiamenti è di per sè giusto o sbagliato, nè il famoso "perdono", parola d'ordine di ogni servizio giornalistico su questo tipo di eventi, è qualcosa che sia necessariamente auspicabile o peggio ancora dovuto.

Nel caso di Linate, comunque, mi sembra vi sia una evidente prevalenza del secondo tipo di atteggiamento, con i parenti delle vittime che gridano "Assassini!" e "Inginocchiatevi!" agli imputati appena condannati, e persino che li inseguono e li minacciano di morte [nota].

Eppure, mi dispiace, e so che è duro da accettare; ma se in praticamente tutte le tragedie grandi e piccole delle nostre vite ci sono delle colpe, solo in pochissime ci sono veramente dei colpevoli.

E quindi, più ci penso, e più credo che l'unica cosa da fare sia cercare di capire che la vita continua, e che, proprio perchè certe ferite bruciano così tanto, è inutile crearne di nuove.


Nota: a scanso di equivoci legali... il minacciato e/o il suo avvocato hanno dichiarato oggi in varie interviste di ritenere che l'autore sia uno dei parenti delle vittime, già individuato. Io non ho elementi in merito.


--vb.

<< Buona PasquaCapoeira >>

<Commenti>

Attenzione: quanto segue potrebbe non essere vero.
Simone Caldana
17 Aprile
18:16
sposiamoci
 
vb
18 Aprile
9:39
ci potrei pensare...
 
Kaise Sose
19 Aprile
14:08
Il fatto e' che non si e' trattato proprio di una tragica fatalita'. Report ha realizzato una intera puntata sui pericoli di quell'aeroporto.
 
Fabrizio
20 Aprile
17:34
Io dico da anni che voi 2 prima o poi farete coppia fissa
 
Osso di Seppia
5 Ottobre
0:04
Perche' tu non abbia di che intimorirti quando sali su di un aereo e' necessario che chi svolge il proprio lavoro a terra (il controllore) lo faccia con passione ma soprattutto con Buon Senso. Nello specifico, per comprendere bisognerebbe leggere le trascrizioni dei dialoghi torre/aeromobile e ascoltare le conversazioni telefoniche degli addetti.
Ci sono mestieri dove non si puo' abbassare la guardia, costa troppo.
 
hghgfg
27 Novembre
23:43
prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr
 


<Lascia un commento>
Nome E-mail
Url
Testo
Auto-BR (vai a capo a fine riga)

Oggi
Cambio di blog

Nel passato recente
14/4Lo schermo
13/4Fine (I feel)
27/3Rottami
25/3Perso e tradotto
6/3Una salita a Superga
15/2Miracolo a Torino
31/1L'Italia che filtra gli IP

Recenti su fotoblòg

Molto inglese.Attacco degli UFO?Anche qui!
La città vista dall'alto.Scappando dai cavi.La baia di Wellington.
Sull'Oceano al tramonto.Un albero sul cielo in fiamme.Un foro di luce sulla città.

Archivi
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005
Dicembre 2004
Ottobre 2004
Settembre 2004
Aprile 2004
Marzo 2004
Febbraio 2004
Gennaio 2004
Dicembre 2003
Novembre 2003
Ottobre 2003
Settembre 2003
Agosto 2003
Luglio 2003
Giugno 2003
Maggio 2003

Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2021 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike