Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Mer 20 - 19:03
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione

Archivio per il mese di Ottobre 2021


martedì 12 Ottobre 2021, 14:02

ITA, a sprezzo del pericolo

Oggi ho deciso di fare qualcosa di pericoloso. Pi√Ļ pericoloso che andare con le sciarpe del Toro fuori dalla curva dei gobbi in un derby (fatto, da ragazzo). Pi√Ļ pericoloso che volare per mezz’ora su un aereo quattro posti delle dimensioni di una vasca da bagno e atterrare su un prato (fatto, in Nuova Zelanda). Pi√Ļ pericoloso che sfidare un lancio di centinaia di lacrimogeni in un bosco (fatto, in Valsusa). Oggi voglio comprare un biglietto per un volo ITA, la nuova Alitalia.

Ma è quasi impossibile.

Cioè, trovare il sito Alitalia è facile, ma io non comprerei un biglietto aereo sul sito di una compagnia in liquidazione che tra tre giorni chiude, o da un intermediario che ha ancora i vecchi orari nel database: per evitare qualsiasi rischio che poi mi scrivano che ho contribuito a finanziare il dissesto della vecchia compagnia e forse tra un anno mi daranno un voucher, voglio comprarlo direttamente dalla nuova società sul suo sito.

Ma il sito ITA √® introvabile. Provateci: se scrivete “ita”, “ita compagnia aerea”, “ita sito” su Google, non trovate niente. Trovate il sito di Alitalia, il sito di un¬†ITA Group che non c’entra niente, il sito di Italiavola (rivista di settore), milioni di articoli che parlano di ITA, insistendo vengono fuori pure Vueling e Air France, ma ITA no.

Del resto, se sei una nuova compagnia aerea che tra tre giorni deve già far volare aerei possibilmente pieni in un mercato competitivo, perché preoccuparsi di avere un nome che faciliti le ricerche, un dominio sensato, un sito funzionante e immediatamente raggiungibile e tutta la SEO al suo posto?

Quindi ve lo linko io per piet√†: il sito di ITA sta sul dominio itaspa.com. Gi√† me li vedo gli americani a capire cosa c’entrino gli aerei di linea con i centri benessere… Che poi, di fatto √® il sito Alitalia col logo cambiato. Non c’√® che dire, sar√† un successo.

divider
domenica 10 Ottobre 2021, 10:02

I no vax non esistono

Ieri, 9 ottobre 2021, ci sono stati 2748 nuovi casi di coronavirus. Un anno fa, 9 ottobre 2020, i casi furono 5372, praticamente il doppio. E’ un confronto che non ha alcun senso, ma dato che per tutta l’estate i no vax ce l’hanno menata che “l’anno scorso senza i vaccini c’erano molti meno casi”, sarebbe interessante sapere cosa direbbero oggi.

Sarebbe, perch√© di no vax, alla fine, non ce ne sono quasi pi√Ļ. Fanno molto rumore, vanno dietro ai fascisti e spaccano tutto, vogliono occupare il Parlamento come i seguaci di Trump, anche se poi non saprebbero cosa farsene; ma sono pochi. L’80% degli italiani sopra i 12 anni √® vaccinato, e molti di quelli che mancano sono persone che non hanno voglia, che vivono fuori dal mondo, che non lavorano (o lavorano in nero) n√© vanno al ristorante (quindi il pass non gli serve) o che, furbescamente, preferiscono mandare avanti gli altri a vaccinarsi perch√© non si sa mai.

Invece, quelli che insistono a vaneggiare parlando a sproposito di dittatura sanitaria sono veramente pochi, e sono ogni giorno di meno. Vivono in una realt√† parallela che esiste solo grazie ai social e ai loro cinici modelli di business, una realt√† inesistente in cui ci sono popoli in rivolta contro Draghi e Bill Gates, autostrade bloccate da file di camionisti no vax, polizie assassine al soldo di Big Pharma, costituzioni scritte dal Corrado Guzzanti della “casa delle libert√† di fare un po’ come cazzo ci pare”. E’, essenzialmente, una psicosi collettiva legata al rifiuto di una realt√† frustrante, su cui si scriveranno a lungo nuovi trattati di psichiatria.

Nel frattempo, il resto degli italiani si √® vaccinato mesi fa e ora pensa a ricominciare a vivere, mentre i cinema, gli stadi e le discoteche riaprono e i ristoranti sono sempre pi√Ļ pieni. Tutto questo grazie ai vaccini, che hanno permesso che l’ondata puntualmente ripartita in estate, a differenza dell’anno scorso, si esaurisse in poche settimane; altrimenti, adesso saremmo qui come nel 2020 a parlare di scuole chiuse, regioni rosse e prossimi lockdown.

Non √® comunque ancora tempo di festeggiare e di abbassare la guardia, perch√© nuove ondate sono sempre possibili, man mano che arriva l’inverno e l’efficacia delle vaccinazioni cala. C’√® sempre il rischio di nuove varianti, ci sar√† una terza dose per molti o magari per tutti. Soprattutto, ci sar√† probabilmente una crisi economica, nessuno sa quanto intensa, collegata alla ripresa della domanda e ai problemi del clima. Ci saranno ancora proteste di piazza, anche significative. Non si pu√≤ abbassare la guardia.

Ma essere almeno un po’ contenti e un po’ ottimisti, in una bella domenica d’autunno, mi pare del tutto giustificato.

(P.S. Prima che lo dica qualcuno a sproposito: rispetto a un anno fa abbiamo meno casi, ma abbiamo ancora pi√Ļ morti; √® normale, perch√© i morti seguono l’andamento dei casi con diverse settimane di ritardo, e noi adesso veniamo da una ondata che scende, mentre un anno fa l’ondata era in piena ascesa. Tra poco tempo anche i numeri dei morti del 2020 saranno ben superiori a quelli di quest’anno.)

divider
martedì 5 Ottobre 2021, 08:09

Elezioni Torino 2021: risultati e commenti

Per prima cosa le informazioni utili, cioè la composizione del nuovo consiglio comunale di Torino salvo errori, omissioni e probabili ricorsi.

Se vince Lo Russo: centrosinistra 25 seggi (Lo Russo, PD 17, Lista Lo Russo 2, Sinistra Ecologista 2, Moderati 2, Lista Tresso 1), centrodestra 13 seggi (Damilano, Lista Damilano 4, FdI 3, Lega 3, Forza Italia 2), M5S 3 seggi (Sganga, M5S 2).

Se vince Damilano: centrodestra 25 seggi (Damilano, Lista Damilano 7, FdI 7, Lega 7, Forza Italia 3), centrosinistra 14 seggi (Lo Russo, PD 10, Lista Lo Russo 1, Moderati 1, Sinistra Ecologista 1), M5S 2 seggi (Sganga, M5S 1).

Poi i commenti: a parte i bestemmioni per Viale che resta fuori per un centinaio di voti di lista e per otto preferenze, √® la giornata in cui perdono tutti tranne Lo Russo, anche se c’√® ancora da giocare il secondo tempo e sar√† il ballottaggio a confermare o ribaltare il risultato.

Pessima (mi scusino loro, anche se apprezzo comunque il tentativo e la fiducia in se stessi) la performance della “alternativa interna”: dopo aver strascicato le balle per mesi che Salizzoni, Tresso e persino Topolino avrebbero fatto meglio di Lo Russo come candidato sindaco e che con lui la sconfitta era certa, Lo Russo al primo turno lascia indietro Damilano di quasi cinque punti (e di quindicimila voti) ma loro portano la miseria di ottomila voti scarsi, facendo peggio di qualsiasi altra lista del centrosinistra tranne i superstiti di Articolo Uno; persino i Moderati gli danno la pasta. Lo Russo sarebbe stato primo anche senza di loro, ma siccome √® intelligente, eviter√† di umiliarli perch√© al ballottaggio ogni voto conta e non √® il momento delle ripicche.

Brutta anche la performance della Lega, che arriva addirittura terza nel centrodestra, dove a vincere a sorpresa √® la lista Damilano – un bel segnale per Salvini e Meloni, tipo “meno vi fate vedere a Torino e meglio √®”. Mi spiace per Mecu Beccaria che raccoglie 160 voti in tutto e resta lontanissimo dall’elezione; direi che il popolo granata non se l’√® filato proprio.

Complimenti invece a Enzo Liardo, un democristiano tra gli (ex?) fascisti che fa il record di preferenze del centrodestra, oltre 1700, e sono tutte meritate. Certo immagino le teste di cavallo che gli faranno trovare i suoi nuovi amici.

Un abbraccio di cuore al mio amico Davide Ricca, la cui operazione Progresso Torino è stata un discreto disastro (0,75%), ma non poteva essere altrimenti, e comunque lui non si merita tutto questo. Conta anche il fatto che il peso elettorale delle madamine Sì Tav, come ampiamente prevedibile, richiede un microscopio per essere trovato. Unica consolazione, Giachino ha fatto pure peggio.

Tra i minori, mi spiace per D’Orsi; come al solito, se i comunisti si presentassero uniti invece che divisi in cinquanta liste eleggerebbero almeno un consigliere, e invece cos√¨ tutti fuori. La stessa cosa, ma stavolta per fortuna, si pu√≤ dire dei no vax; ammetto che Mattei non √® andato male, il due per cento non √® pochissimo, ma comunque √® rimasto lontano dalla soglia dell’elezione.

E poi… c’√® il M5S. Voi penserete che io stia aspettando questo momento da cinque anni, e invece no, sono solo senza parole: gi√† il 10% sarebbe stato un disastro, ma Sganga si ferma al 9 pulito e la lista addirittura arriva a stento all’8, rispetto al 30 per cento di cinque anni fa. Non voglio dire, ma se io nel 2011, da sconosciuto con seimila euro di budget, portai a casa 22.500 voti da sindaco e 21.000 voti di lista, e Sganga, da erede della sindaca uscente e primo partito in parlamento con visibilit√† su tutti i media, si ferma a 28.500 e 24.000, forse qualche problemino c’√®.

Alle elezioni si raccoglie ciò che si è seminato e se evidentemente io e Chiara per cinque anni avevamo seminato bene, Chiara e il suo stormo di 24 consiglieri in questi cinque anni hanno solo seminato delusione. Come giudicare gente che per cinque anni è stata presidente di commissione, vicepresidente di consiglio, coinvolta in maggioranza in questa e quella vicenda in cui avrebbe avuto opportunità per servire i cittadini, risolvere problemi e raccogliere poi la gratitudine alle urne, e invece si ripresenta e prende 80, 50, 40 preferenze? Se neanche i tuoi parenti ti hanno rivotato vuol dire che hai fatto davvero disastri.

Complimenti per√≤ a Tea Castiglione, che a sorpresa straccia tutti tranne il capolista e fa vedere agli altri come si fa bene il consigliere, persino in una circoscrizione; se vince Lo Russo entrer√† in consiglio comunale. E complimenti anche a Albano e Iaria che pur non entrando sono gli unici che si salvano un po’. Per il resto, spero di vedere un po’ di autocritica e magari le scuse alla citt√† per una figura di emme epocale, e per una grossa opportunit√† storica gettata alle ortiche.

Per il resto, vedremo: l’unico modo in cui Lo Russo pu√≤ perdere √® che si scateni una ondata popolare di “chiunque ma non il PD” che riporti alle urne chi stavolta √® stato a casa. Per√≤ non √® pi√Ļ il 2016; in politica i pendoli ritornano, e dopo aver provato sulla propria pelle l’alternativa, secondo me a questo giro tanta gente penser√† “alla fin fine a Torino il centrosinistra, turandosi il naso, √® il meno peggio di tutti”, che poi √® quel che penso io da un po’. Lo Russo invece deve addormentare la partita e conservare l’1-0 che ha adesso, e spero che ce la far√†. Ma che non faccia apparentamenti, eh!

divider
 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2021 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike