Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Sab 24 - 19:29
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione

Archivio per il mese di dicembre 2010


martedì 28 dicembre 2010, 17:44

Sì, viaggiare

Questo è quasi certamente l’ultimo post dell’anno: sto infatti per staccare qualche giorno in montagna, e (grazie a Vodafone, di cui a tempo debito scriverò per bene peste e corna) non avrò la connessione a Internet. Certo, c’è sempre la biblioteca di Brusson, ma vedrò di non andarci se non in caso di necessità…

Oggi era una bella giornata e fuori dalla mia finestra si vedeva tutto l’imbocco della Valsusa, col Musiné da un lato e la Sacra dall’altro. Era una di quelle giornate dal panorama magnifico e infinito che ti invogliano proprio ad andare, e dunque me lo sono chiesto: ma perché, oggi, sono a Torino e non in uno dei tanti altri posti che ho visitato? In questi ultimi anni ho un po’ ridotto il ritmo dei miei giri per il mondo; comunque nel 2010 sono stato due volte a Londra, ho fatto un giro tra Belgio e Germania, sono stato una settimana a Vilnius e un mese in Cina (sempre con qualche forma di sovvenzione da organizzazioni varie).

Negli ultimi dieci anni ho avuto la fortuna di venire spedito o invitato in mezzo mondo. Viaggiare spesso, specialmente quando non lo si fa per turismo, cambia la forma mentis; ti abitua a modi di vivere diversi dal tuo, ti fa scoprire il meglio e il peggio degli altri, ti dà idee e progetti. Ti spinge, anche, a ritrovare la tua cultura: non mi sarei mai interessato davvero al piemontese se non mi fossi trovato qua e là per mezzo mondo, perché è proprio quando ti trovi a confronto con l’altro che impari quanto sia importante essere se stessi.

Allo stesso tempo, impari che a Londra o a Shanghai (o in un villaggio della campagna lituana) si può vivere altrettanto bene che a Torino, con dei pro e dei contro diversi, e dunque che non c’è alcun vero motivo per stare in un posto preciso. Capisci, insomma, la bellezza del nomadismo; il sogno di viaggiare senza fermarsi mai, di scoprire sempre un posto nuovo, o di ritrovare, uguale e diverso, un posto dove sei già stato tanto tempo fa.

Capisci, anche, che la nostra società non incoraggia il viaggiare che non sia fuggevole consumo; che, specialmente in Italia (ma non solo), siamo ancora un branco di animali dove il fatto di essere fisso lì da tanto tempo è premiante, perché in una società piramidale il ruolo sociale è importante, e si acquista solo con una lunga interazione con gli abitanti del posto. Il nomade, dunque, ha il privilegio di saperne di più; e la condanna di essere sempre marginale ovunque si fermi.

Accanto al nomadismo tradizionale ed evidente, quello degli zingari, c’è ormai in gran misura un nomadismo sottile e poco notato, quello di chi gira il mondo da un lavoro all’altro, da una università all’altra, da una multinazionale all’altra. E’ questa, se c’è, la base di una possibile nazione mondiale, una classe di persone che non rinnegano le proprie origini, ma per cui il passaporto è essenzialmente una fidelity card e i confini degli Stati sono soltanto una coda in più all’aeroporto. Sono persone spesso viste con sospetto, anche perché sono in parte l’ossatura del potere globalizzato; eppure, sono di solito quelle che immaginano meglio il futuro.

divider
lunedì 27 dicembre 2010, 11:26

Il lavoro del futuro

Nik il Nero è un ragazzo bolognese (ha 41 anni dunque in Italia lo si definisce “ragazzo”). E’ diventato piuttosto noto in questi anni: è l’autore di molti dei video del Movimento 5 Stelle emiliano, spesso ripresi anche sul blog di Grillo. I suoi video sono intelligenti, divertenti, ben girati, passano di bacheca in bacheca; Nik non è un regista famoso, ma è comunque conosciuto da Aosta a Palermo.

Eppure, con l’attività di videomaker, Nik non riesce a campare. Tra qualche giorno, avrà un nuovo lavoro: farà il camionista. E’ un lavoro che gli piace, che ha già fatto in passato; come scrive lui stesso su Facebook, avrei fatto volentieri video per vivere, ma non ce la facevo, non guadagnavo abbastanza per mantenere la mia famiglia in modo dignitoso, quindi sono tornato alla mia vecchia passione, i camion e la strada, da piccolo sognavo di guidare i bisonti della strada, quel lavoro l’ho fatto per anni con piacere e dedizione, adesso visto che il mio sogno di videomaker non è decollato a dovere torno a farlo con piacere”.

So che i più cinici diranno che è giusto; c’è chi dice che girare video, scrivere, suonare, fare l’attore non sono veri lavori, a differenza che guidare camion. Eppure c’è qualcosa che non quadra; eppure è lustri che ci dicono che siamo un paese sviluppato e dunque che i lavori poco qualificati, come il camionista o il muratore, non hanno futuro, e che il futuro sta invece nei lavori qualificati, creativi e intellettuali, tra cui appunto quelli nello spettacolo e nella comunicazione.

La prova dei fatti, purtroppo, è diversa. Magari lo è non tanto perché quei lavori non ci siano, ma perché finiscono a chi non è qualificato, a chi non ha talento ma ha un contatto che conta. Io, per esempio, ho visto le ultime campagne di comunicazione della Presidenza del Consiglio e mi sono chiesto chi le abbia pensate. Quella contro l’omofobia, oltre ad essere moscia e inefficace, paragona tranquillamente una materia sensibile e personale come l’orientamento sessuale alla scelta del numero di scarpe; quella contro gli incidenti sul lavoro dice che se muori in un cantiere la colpa non è del tuo datore di lavoro che risparmia sulla sicurezza, dei controlli inesistenti e ammorbiditi o delle leggi lasche e incomprensibili, ma è tua, perché non hai “preteso” la sicurezza dal padrone.

Sono convinto che se avessero fatto fare questi spot a Nik sarebbero venuti fuori dei piccoli capolavori. Alla nostra economia, però, servono camionisti; e sarebbe ora di chiedersi il perché.

divider
sabato 25 dicembre 2010, 10:08

Il senso del Natale (2)

Ho scoperto ieri che in questi giorni il mio blog è raggiunto da molte persone che cercano “il senso del Natale” – e trovano appunto il mio post natalizio di quattro anni fa.

Molta acqua è passata sotto i ponti da allora, e vorrei aggiungere solo un paio di riflessioni, partendo dal post natalizio di Beppe Grillo che condivido appieno. Io quest’anno non ho fatto regali, se non qualcosa di valore minimo. Non l’ho fatto per cattiveria o disinteresse, ma perché non reggo più l’orgia consumistica del nostro Natale, non accetto più l’idea di dover testimoniare affetto o rispetto mediante un oggetto materiale, magari da giudicare per il suo valore venale o per il suo allineamento alla moda del momento (l’affetto e il rispetto si dimostrano tutti i giorni e in particolare nei momenti di necessità, non nelle feste comandate). Non l’accetto, a maggior ragione, nel momento in cui basta guardarsi attorno per trovare persone a cui manca anche il minimo per sopravvivere, e non nella lontana e dimenticabile Africa, ma nelle vie sotto casa.

Non lo accetto anche perché tutto questo è una via sicura per l’infelicità. La nostra società è progettata per renderci infelici, creando continuamente bisogni artificiali che non possiamo soddisfare, per alimentare l’economia consumista. Questa infelicità ci rende aggressivi e incapaci di apprezzare quanto di bello e di appagante c’è attorno a noi, a partire dalla bellezza del creato.

La felicità non deriva dal benessere che già abbiamo, ma (al massimo) dalla speranza di migliorarci in futuro. Superata la soglia di possesso materiale che permette di vivere in tranquillità e sicurezza, il resto è solo fumo negli occhi; non dico che sia sbagliato o dannoso, ma non è ciò che fa la differenza. La felicità è legata all’accettare se stessi e gli altri, all’amare se stessi e gli altri, due necessità inscindibili visto che non è possibile accettare gli altri senza accettare se stessi. E’ la nostra frustrazione da avidità materiale indotta che ci rende anche intolleranti, competitivi, incapaci di aiutarci e dunque definitivamente soli.

Il regalo migliore per un buon Natale, forse, è rendersi conto che del Natale moderno non abbiamo alcun bisogno.

Tag Technorati:
divider
venerdì 24 dicembre 2010, 17:08

Il museo del Novecento

Ieri mattina ero a Milano e ne ho approfittato per visitare l’appena inaugurato Museo del Novecento, gratuito fino a fine febbraio.

Bene, per prima cosa occorre specificare che al nome del museo mancano almeno un paio di parole. Io ero stato tratto in inganno dagli aerei in esposizione nel tendone all’ingresso (che peraltro devono essere un riciclo di una vecchia mostra torinese, dato che le didascalie ricordano come uno di essi sia stato costruito “negli stabilimenti Alenia Aeronautica in corso Francia”), pensando che il museo riguardasse tutto il secolo scorso nei suoi vari aspetti. In realtà, è il museo della pittura del novecento milanese.

Da questa piccola precisazione si può capire il succo della visita: il primo piano con le opere di Boccioni (assolutamente belle), un po’ di altro futurismo e una stanzetta con un paio di Picasso minori può meritare, ma il resto del museo è insignificante in maniera imbarazzante: se questa roba meritasse tutto lo strombazzamento mediatico che ha avuto, la GAM torinese sarebbe il Louvre. Si salva un po’ la sezione dentro Palazzo Reale, raggiungibile peraltro da una passerella nascosta al livello 2 di cui tre quarti dei visitatori non si accorgono nemmeno; è la sezione dell’arte contemporanea e dunque perlomeno ci parla con linguaggio moderno (non perdete la stanza piena di luci stroboscopiche per entrare nella quale vi fanno firmare una liberatoria scritta in burocratese e disponibile solo in italiano: mi son chiesto se facesse parte dell’opera d’arte). Ah, e c’è una scatoletta di merda d’artista, nel caso non ne abbiate mai vista una; e all’ingresso espongono Il Quarto Stato premettendo che non c’entra niente con tutto il resto, ma ce l’avevano in cantina e da qualche parte dovevano metterlo.

Una nota a riguardo dell’accoglienza: era un giorno piovoso e tutti avevano un ombrello, ma le signorine all’ingresso imponevano di lasciarlo lì per non sgocciolare nelle sale. Ma non di consegnarlo al guardaroba: proprio di buttarlo lì in un mucchio confuso di ombrelli su un lato dell’atrio. Una roba così l’ho vista solo allo stadio…

Anche la ristrutturazione dell’edificio non mi è molto piaciuta: della passerella già ho detto, e poi sappiate che l’unico bagno di tutto il museo (a parte un bagnetto preso d’assalto nell’ala di Palazzo Reale) sta alla fine di una lunga serie di corridoi labirintici nel sotterraneo. Funzionalità scarsa, ma architettonicamente molto elegante: alla fine più delle collezioni è interessante la vista dall’alto su piazza Duomo. Ma, si pagasse, non so se sarebbe valsa la pena.

divider
mercoledì 22 dicembre 2010, 11:58

I conti che non tornano

Oggi il Comune di Torino ha annunciato sui giornali un nuovo provvedimento: le bollette del gas di tutti i torinesi saranno aumentate di circa 7 euro l’anno per costituire un fondo di 200.000 euro da dedicare all’assistenza sociale. I soldi saranno incassati dal proprio gestore del servizio del gas, che se diverso li girerà ad AES (che gestisce la rete dei tubi del gas cittadina), che a sua volta li girerà al Comune, sotto forma di aumento del canone che AES paga ogni anno al Comune per l’uso del suolo pubblico.

Peccato che a Torino ci sia un numero di appartamenti che non conosco, ma che certamente sta nell’ordine dei quattrocentomila: secondo il rapporto “Immobili in Italia 2010” dell’Agenzia del Territorio, pagina 20, in Italia ci sono 32 milioni di appartamenti residenziali per 60 milioni di persone, uno ogni 1,88 abitanti; con la stessa proporzione, a Torino ci sono almeno 450.000 alloggi. Dato che praticamente tutti hanno il gas, una banale moltiplicazione rivela che l’incasso aggiuntivo di AES sarà di oltre tre milioni di euro l’anno.

Allora, delle due l’una: o l’articolo di giornale è impreciso e la cosa non è stata spiegata bene, o viene il dubbio che in realtà la storia funzioni al contrario; AES – società privata di proprietà al 51% della famigerata Iren e al 49% dell’Eni tramite Italgas – aumenta le bollette ai torinesi di tre milioni di euro, e per “vendere” la cosa ai cittadini ci fa (con i nostri soldi) una elemosina di duecentomila euro, che il Comune provvede prontamente a magnificare a mezzo stampa, per nascondere il fatto di aver come al solito calato le brache di fronte ai grandi interessi economici e magari a una fetta della torta sotto forma di tasse aggiuntive. Chissà, secondo voi come stanno le cose?

divider
martedì 21 dicembre 2010, 15:46

L’economia possibile

Gli amici del Movimento 5 Stelle Campania hanno montato questo piccolo video con spezzoni di Report, per mostrare come un’altra economia sia possibile, qui e adesso; una economia non monetaria, non basata sul PIL, non devastante per l’ambiente, non schiava delle banche e delle multinazionali. Forse non potrà essere subito tutto così, ma non c’è dubbio che questa sia la strada giusta da percorrere.

divider
lunedì 20 dicembre 2010, 18:19

Un centro per le persone

Stamattina ero in giro in bici per il centro e ho fatto più fatica del solito a districarmi nel traffico. Le piste ciclabili erano continuamente interrotte da furgoni in sosta “solo un attimino”; soprattutto, ho trovato un vero delirio di automobili ferme in coda in ogni strada, persino in ore non particolarmente di punta (tra le 10 e le 12).

Il che suggerisce varie cose; per esempio, non è vero (a parte la situazione poco sensata di soffocamento del traffico in attraversamento attorno a piazza Vittorio) che gli ingorghi sono creati dalla ZTL, visto che è stata sospesa da due settimane per volere dei commercianti. E non è nemmeno vero che l’accessibilità del centro alle auto renda il centro un luogo piacevole dove andare: io volevo scappare dopo cinque minuti.

Al contrario, più si illudono le persone che si possa andare in centro città con l’auto e peggio la situazione diventa, perché il centro non è fisicamente in grado di contenere il numero di auto derivante da mezza città che vi si dirige con un veicolo a testa, né potrà mai esserlo.

La politica viabile del centro è, da sempre, figlia dell’assessorato al Commercio; allo stato attuale, retto da quello stesso Altamura che qualche giorno fa ha dichiarato che bisogna essere comprensivi con gli ambulanti che per vent’anni hanno evaso tasse e contributi (poverini, mica vorremo farglieli pagare adesso con tanto di more, no? in fondo a tutti succede di avere un momento di difficoltà e dunque di non poter pagare le tasse per una ventina d’anni, o in alternativa di dimenticarsene, che distratti!). Questo vi fa capire l’approccio del Comune di Torino con i commercianti: a novanta gradi.

Il problema è che le associazioni di categoria dei commercianti torinesi non sono nemmeno troppo sveglie, se è vero che si opposero all’epoca alla pedonalizzazione di via Garibaldi e si sono opposte per decenni a quella di via Lagrange, salvo poi scoprire che, caso strano, dopo averle pedonalizzate queste vie sono rifiorite.

A me piacerebbe allora sperimentare una soluzione di questo genere: intanto, pedonalizzare definitivamente via Roma, e poi chiudere decisamente il centro al traffico nei fine settimana prenatalizi, per trasformarlo in un centro commerciale naturale a dimensione umana, a cui accedere con i mezzi pubblici o al massimo lasciando l’auto nei parcheggi sotterranei. Tra Porta Palazzo, Porta Nuova, piazza Carlina e piazza Solferino tutti a piedi, magari aiutati da qualche navetta elettrica allestita per l’occasione. Una soluzione simile sarebbe sperimentabile anche per alcune vie di periferia a forte vocazione commerciale.

Che ne dite? Capisco lo shock iniziale, ma credo che sarebbe comunque meglio dell’ingorgo perenne che attornia il centro in questi giorni, e che alla fine anche gli incassi del commercio avrebbero delle liete sorprese…

divider
sabato 18 dicembre 2010, 14:13

La rete che disturba

Che la rete non piaccia ai potenti perché combina casino è evidente: basta leggere la storia dei venti utenti querelati per diffamazione per aver criticato i vigili di Rivoli nei commenti al nostro video di due anni fa su Youtube, o la vicenda dei maxischermi di Bruxelles su cui qualsiasi utente poteva twittare un commento ai lavori del Consiglio Europeo, salvo sbaraccare tutto in tutta fretta quando hanno cominciato a comparire delle semplici citazioni dal repertorio di gaffe del nostro Presidente del Consiglio (epic fail).

E allora oggi vi lascio con una petizione da firmare: perché qualche giorno fa, in una riunione alle Nazioni Unite, un certo numero di governi con un colpo di mano hanno istituito un gruppo di lavoro per ridiscutere l’IGF e la governance di Internet e lo hanno ristretto ai governi stessi, escludendo tutti gli altri – utenti, società civile, aziende, tecnici e così via. E’ la prima volta da otto anni che succede una cosa del genere; è successa per l’assenza dall’aula dei governi occidentali, e anche qui ci sarebbe da capire se è stata solo una svista o se è stata una assenza tipo quella del PD quando si è approvato lo scudo fiscale – un modo per far passare, sotto sotto, una posizione che piace ma che non si può sostenere in pubblico senza perdere la faccia.

Comunque, la petizione è organizzata dalla Internet Society ed è qui: se volete, basta un clic.

divider
venerdì 17 dicembre 2010, 13:12

Santorizzati

Stamattina, tra le altre cose, sono andato all’ufficio postale di via Marsigli a pagare i miei 216 euro di TARSU (tre mesi in ritardo sulla prima rata e tutti insieme per via di un lungo incontro con la burocrazia comunale di cui vi racconterò un’altra volta). L’ufficio postale ha un parcheggio che è sempre piuttosto pieno, e soprattutto che pare progettato da Escher: ha una forma piena di curve e slarghi vari.

Mentre uscivo e riprendevo la macchina, due persone nel parcheggio hanno cominciato a urlarsi contro: erano un tamarro con un’Audi nera e un nerd con una Bravo. Discutevano appunto per questioni di parcheggio, non perché mancasse il posto ma perchè uno aveva insistito a fare subito manovra senza far passare l’altro che doveva uscire, o qualcosa del genere.

La rivalità tra nerd e tamarri è storica, e di scazzi per strada ormai ce ne sono tanti, in una società sempre più frustrata; ma c’era qualcosa di questo scazzo che mi colpiva. I due non stavano venendo alle mani, e non si stavano nemmeno parlando direttamente: urlavano insulti rivolti all’altro, ma con una voce innaturalmente alta, e senza guardarsi. All’inizio esponevano ragioni, ma subito dopo passavano all’ingiuria; un po’ argomentavano, e un po’ cercavano di parlarsi sopra l’uno con l’altro. La scena mi sembrava familiare, ma perché?

Alla fine ci sono arrivato: era sostanzialmente la stessa scena che ho visto a forza ieri sera perché mezzo mondo la linkava su Facebook, quella di La Russa che da Santoro interrompe lo studente che parla; così come, praticamente, qualsiasi altra “discussione” politica che Santoro o i suoi simili abbiano mandato in onda negli ultimi dieci anni.

Le due persone in mezzo alla strada, insomma, non stavano discutendo per chiarire la situazione e nemmeno per sfogare la rabbia verso l’altro; si stavano semplicemente esibendo davanti al pubblico che popolava il parcheggio, con lo scopo di “vincere” il confronto e risultare più simpatici all’audience del momento, riducendo l’altro allo status di perdente.

Temo che questo modo di “discutere”, ripetuto all’infinito dalla televisione, sia penetrato in profondità; e che siano molto poche le persone che ormai affrontano un dibattito con lo scopo di comprendere le ragioni dell’altro e se possibile trovare una mediazione, avendo allo stesso tempo la sicurezza di credere nelle proprie idee anche quando il pubblico non le applaude. E in una situazione dove i conflitti sono destinati ad aumentare e dove sarà necessario far digerire varie verità impopolari, questo sarà un grosso problema.

divider
mercoledì 15 dicembre 2010, 16:25

Che cosa facciamo stasera

Dopo l’abbuffata politicamente deludente di ieri, che cosa facciamo stasera? Quello che facciamo tutte le sere: non tentare di conquistare il mondo ma, più modestamente, tentare di migliorarlo un po’.

E’ con piacere dunque che posso annunciare la nascita del sito di In Movimento per Torino a Cinque Stelle, che poi è il nome che abbiamo dovuto dare al gruppo movimentista torinese in attesa che si concluda il periodo di certificazione delle liste. La situazione torinese, infatti, si è evoluta così: Beppe Grillo è venuto in città e ha parlato un po’ con tutti. Mentre ce lo scarrozzavamo alla manifestazione per l’acqua pubblica e a far legna a Chiomonte, abbiamo deciso insieme che il modo migliore di gestire la situazione era quello di seguire le normali regole del Movimento 5 Stelle per la certificazione delle liste.

In altre parole, noi – oltre a portare avanti tutte le attività in questione – abbiamo messo su il sito, definito i trenta candidati necessari, e cominciato a lavorare al programma: il sito infatti contiene un blog nel quale pubblicheremo un po’ di spunti di riflessione sui quali ascolteremo i vostri commenti. Se qualcun altro vuol fare lo stesso, ha tempo fino al 31 dicembre; dopodiché si valuterà ed eventualmente si chiameranno ad esprimersi gli iscritti torinesi alla piattaforma nazionale del Movimento.

(Se ancora non l’avete fatto vi consiglio di iscrivervi, non soltanto per votare ma perché da lì si ottiene la possibilità di discutere le proposte a livello nazionale e di rimanere informati su tutto quello che fa il Movimento; abbiamo anche preparato una bella pagina di istruzioni dettagliate.)

Nel frattempo, nessuno è autorizzato a presentarsi come “Movimento 5 Stelle Torino” o a usare il simbolo del movimento in congiunzione con la preparazione delle elezioni comunali; da qui il fatto di cambiare il nome fino a fine anno. Ci aspettiamo dunque che provvedano a farlo anche gli altri, se non sono troppo impegnati a mettere annunci sui siti di offerte di lavoro proponendo un posto di lavoro in politica pur di trovare qualcuno per raffazzonare una lista (sì, lo stanno facendo veramente…).

A me, personalmente, girano un po’ le scatole per una sola cosa: per via di poche persone stiamo sprecando un sacco di tempo e di energie. Il mio avversario non è il mio vicino di riunione, ma è chi gestisce questo Paese, che è anche troppo contento di vedere piccole invidie e ripicche infantili ostacolare il lavoro di tutti. Dopodiché, è naturale che in un gruppo ci sia anche qualcuno scontento; l’importante è che non si fermi tutto all’infinito. E infatti, noi nelle ultime settimane abbiamo potuto ricominciare a lavorare alacremente.

E se poi pensate che sono un cretino, mi manderete a stendere e finito lì…

divider
 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2017 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike