Sky
Vittorio vb Bertola
Wandering on the Web since 1995

Thu 30 - 11:32
Hello, unidentified human being!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
about me
about me
site help
site help
site news
site news
license
license
contact me
contact me
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
old blogs
old blogs
personal
documents
documents
photos
photos
videos
videos
music
music
activities
net governance
net governance
town council
town council
software
software
help
howto
howto
internet faq
internet faq
usenet & faqs
usenet & faqs
stuff
piemonteis
piemonteis
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
ancient software
ancient software
biz
consultancy
consultancy
talks
talks
job placement
job placement
business angel
business angel
sites & software
sites & software
admin
login
login
your vb
your vb
register
register
mercoledì 27 Aprile 2016, 22:11

Quel che non si capisce

Come raccontavo su Facebook, oggi pomeriggio in consiglio comunale a un certo punto mi son trovato a fare opposizione da solo, e con la maggioranza al minimo: nonostante l’urgenza e l’importanza delle delibere in discussione, erano ventuno precisi e bastava un errore per fermare il consiglio, come in effetti poi √® stato. Uscito il centrodestra, che fa ostruzionismo perenne senza un vero perch√©, si aspettavano di approvare tutto in un attimo; e invece io sono stato l√¨ a pretendere che tutte le votazioni venissero fatte per bene, a intervenire sulla sostanza degli argomenti in discussione e in breve, semplicemente facendo il mio lavoro di consigliere di opposizione, a costringerli a stare l√¨ a lavorare fin che non si sono incasinati da soli facendo finire la seduta.

Alla fine di tutto questo mi si √® avvicinato un consigliere del PD, uno dei pi√Ļ ragionevoli con cui parlare, e mi fa: “Ma scusa, perch√© hai fatto tutto questo casino? Non vedi che tutti i tuoi colleghi di opposizione se ne sono fregati e ti hanno lasciato l√¨ da solo, sono andati a farsi i cazzi loro in campagna elettorale. Il tuo partito non ti ha nemmeno ricandidato, l’assessorato non te lo danno, ti hanno trattato tutti a pesci in faccia, e tu sei qui lo stesso a rompere le scatole, invece potevi darci una mano o almeno potevi andartene a casa prima anche tu, tanto ormai che te ne frega?”.

Gi√†, in effetti, che me ne frega? A ben vedere nessuno √® in grado di capire una ostinazione pervicace nel rimanere fedeli a se stessi in un mondo come quello della politica italiana, un mondo in cui le persone spesso sono meglio di quel che si crede, ma comunque il cinismo √® d’obbligo per sopravvivere; in cui tutti hanno un motivo ideale a cui si aggrappano, anche solo per potersi guardare ogni mattina allo specchio, ma allo stesso tempo tutti sono coscienti di dover pensare innanzi tutto a sopravvivere, tutti sanno che il loro primo nemico √® il loro compagno di partito (non importa quale, fa lo stesso) che vuol fargli le scarpe per far carriera al posto loro, e che di fronte a questo tutto il resto passa in secondo piano, perch√© da nessuno ci si aspetta che faccia scelte diverse da quelle che gli portano il massimo ritorno personale qui e ora, e se lo fa √® generalmente visto con compassione, come uno un po’ fesso.

Peggio ancora se la fedelt√† √® fedelt√† a un’idea, a un concetto e a un progetto politico che forse non esistono pi√Ļ, o forse non sono proprio mai esistiti sul serio, in questo doppio binario continuo dell’ipocrisia politica in cui una cosa si dice e un’altra si pensa, una ipocrisia pervasiva e generalizzata che dev’essere nella natura degli esseri umani, specie se italiani, e che alla lunga monta come la panna e ti sommerge, e diventa difficile da tollerare, fino a toglierti il respiro e a farti svegliare ancora, ogni mattina in aula, con quel gusto in bocca che spesso sa della banalit√† del male, o perlomeno della futilit√† dell’orchestra che suona su un Titanic dal disastro imminente, in un Paese in cui per dare speranza e crederci davvero ci vuole tanto, troppo coraggio.

Lo ammetto, la domanda è pertinente: perché continuare a suonare per la storia anche quando il destino appare segnato? Forse è senso del dovere, o forse è solo senso, quello che ognuno di noi cerca per missione nella propria vita e, non esistendone uno oggettivo, finisce per darsi da solo. Il mio, credo, è servire le istituzioni (la patria, si sarebbe detto un tempo) fin che ciò mi è concesso, perché, in fondo, così è giusto fare; e se in questo dovessi trovarmi da solo, tra gente che pare non capire, la solitudine non sarebbe meno fredda, ma sarebbe comunque accettata.

divider

3 commenti a “Quel che non si capisce”

  1. dario:

    Bravo Vitto, in fondo l’importante nrlla vita √® guardarsi allo specchio ed andare a dormire sapendo di non aver tradito se stessi: Bennato e Dante ce lo hanno insegnato.

  2. Alessandro Lo Vato:

    Grazie mille di tutto quello che fai, che hai fatto e che continui a fare, pur avendo la possibilit√† di lasciare stare tutto, essendo tu ormai quasi al traguardo… credimi, di cuore, GRAZIE!!!

  3. Consuelo:

    Ciao Vittorio, ti seguo da anni qui e sui social… e credo (spero? mi illudo? ma no, sono certa!) che come me ci siano tanti cittadini torinesi che ti stimano e ti sono riconoscenti per averci raccontato con una chiarezza e una trasparenza rara quello che succedeva nel palazzo e per aver condiviso con noi riflessioni come questa.
    Oggi decido di scriverti, te lo devo caspita.
    In somma, anche se non ho mai avuto la possibilità di stringerti la mano o di scambiare quattro chiacchiere con te, non sei solo.
    E mi raccomando… continua a suonare, perch√© noi ti ascoltiamo.

 
Creative Commons License
This site (C) 1995-2024 by Vittorio Bertola - Privacy and cookies information
Some rights reserved according to the Creative Commons Attribution - Non Commercial - Sharealike license
Attribution Noncommercial Sharealike