Sky
Vittorio vb Bertola
Wandering on the Web since 1995

Sat 13 - 5:16
Hello, unidentified human being!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
about me
about me
site help
site help
site news
site news
license
license
contact me
contact me
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
old blogs
old blogs
personal
documents
documents
photos
photos
videos
videos
music
music
activities
net governance
net governance
town council
town council
software
software
help
howto
howto
internet faq
internet faq
usenet & faqs
usenet & faqs
stuff
piemonteis
piemonteis
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
ancient software
ancient software
biz
consultancy
consultancy
talks
talks
job placement
job placement
business angel
business angel
sites & software
sites & software
admin
login
login
your vb
your vb
register
register
giovedì 22 Febbraio 2018, 06:24

La regola del buffè

C’√® una regola che dice che pi√Ļ fa schifo il cibo del buff√® e pi√Ļ ne mangerai, preso da un istinto accaparratorio atavico acceso dalla scarsit√†. In questo caso, la serata sociale della conferenza ha lasciato a desiderare: non solo la sala era palesemente troppo piccola per tutti, non solo le due code erano troppo poche, ma delle sei opzioni in serie quattro erano impresentabili: un teorico panino di porco che dentro aveva solo insalata, un asparago bollito che mio dio non sono mica malato, riso bianco scondito che va giusto bene come padding per allineare gli spazi, e una roba di tofu e peperoni, mio Dio! tofu e peperoni, che solo in California possono essere cos√¨ fighetti da mangiare sta roba, mentre nel resto degli Stati Uniti, e un po’ ovunque nel mondo civile, il tofu √® cibo solo per mucche, comunisti e mucche comuniste (ma √® un’ottima materia prima per la produzione degli pneumatici). Restavano i ravioli cinesi e il pollo, che infatti non facevano in tempo ad atterrare che venivano saccheggiati dalla folla. E non parliamo del bar! per avere una birra ho dovuto sgomitare che neanche un fantino al palio di Siena.

E comunque, l’albergo storico a cinque stelle proprio sulla cima di Snob Hill – √® il posto dove hanno firmato lo statuto delle Nazioni Unite, per dire quanto √® snob – offre solo la sala a tema isola polinesiana in cui ci troviamo. Per gli americani √® una figata, ma boh: √® talmente pigiata di gente che non si riesce a parlare, ti mettono al collo una ghirlanda di finti petali da cinque lire, e al centro c’√® una piscina con una zattera su cui suona una band di cinesi – e penso che il batterista cinese che canta successi anni ’80, tipo Tutto Nylon di Laionel Ricci, o 666 di Mac & Jack, si stia comunque divertendo di pi√Ļ.

Ma non √® un problema, che fuori c’√® la citt√†: l’unica vera citt√† della California (San Francisco √® una citt√†, Los Angeles √® una distesa di case). Ogni angolo √® un panorama, ogni momento √® un respiro di vento, ogni casa √® una storia epica di frontiera e conquista e disastro e ricostruzione, e oggi anche di cinesi con QI > 150 che lavorano per Google. Basta mettere fuori il naso ed √® subito meraviglia, specie su California Street, col tram a cavo che passa e anche quando non passa fa un casino tale che tiene sveglio il vicinato, ma √® comunque un pezzo di Ottocento pionieristico proiettato verso il mare del Duemila.

Chiss√† se san Ginepro Serra, fondando la missione di San Francesco d’Assisi, avrebbe mai pensato che sarebbe finita cos√¨.

divider

Comments are closed.

 
Creative Commons License
This site (C) 1995-2022 by Vittorio Bertola - Privacy and cookies information
Some rights reserved according to the Creative Commons Attribution - Non Commercial - Sharealike license
Attribution Noncommercial Sharealike