Sky
Vittorio vb Bertola
Wandering on the Web since 1995

Mon 9 - 13:57
Hello, unidentified human being!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
about me
about me
site help
site help
site news
site news
license
license
contact me
contact me
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
old blogs
old blogs
personal
documents
documents
photos
photos
videos
videos
music
music
activities
net governance
net governance
town council
town council
software
software
help
howto
howto
internet faq
internet faq
usenet & faqs
usenet & faqs
stuff
piemonteis
piemonteis
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
ancient software
ancient software
biz
consultancy
consultancy
talks
talks
job placement
job placement
business angel
business angel
sites & software
sites & software
admin
login
login
your vb
your vb
register
register
venerdì 8 Novembre 2019, 18:37

Rocketman è meglio di Bohemian Rhapsody

Dunque, sul volo del ritorno dal Canada ho finalmente visto Rocketman, e dunque ora posso rispondere anch’io alla domanda cinematografica dell’anno: ma Joaquin Phoenix vincerà l’Oscar? No, scusate, intendevo: ma è meglio Rocketman o Bohemian Rhapsody?

Ecco, è meglio dire da subito (io non lo sapevo) che si tratta di due film completamente diversi: Bohemian Rhapsody è una biografia, Rocketman è un musical. E’ vero, Rocketman racconta la storia e la carriera di Elton John dall’infanzia fino agli anni ’80, ma bastano i primi cinque minuti, in cui penserete di stare vedendo La La Land in London, a farvi capire che qui cantano, ballano e ogni tanto volano pure come in un fottuto film Disney.

Questa, però, è anche la forza del film: perché alla fine, se da Bohemian Rhapsody mettete un attimo da parte la strepitosa performance di Rami Malik e le canzoni dei Queen e vi concentrate sulla sceneggiatura e sui dialoghi, cioé sul cuore di qualsiasi film, ecco, Bohemian Rhapsody si riduce alla triste agiografia dell’avvocato dei Queen, con più scene in cui lui spunta dal nulla e impone le mani per salvare il mondo mentre quei quattro rockettari dalla sessualità comunque dubbia lo guardano adoranti.

Oddio, alla fine anche Rocketman forse si può ridurre all’obiettivo di far cantare di nuovo I’m Still Standing a Taron Egerton, come già aveva fatto in Sing, il secondo film d’animazione più sottovalutato del decennio dopo il meraviglioso quanto mal promosso Kubo-e-non-so-che-cavolo-ci-hanno-messo-in-italiano-per-allungare-il-titolo-che-se-no-si-confondeva-con-un-furgone. Ma tornando a Rocketman, il punto è che se anche gli togli il fanservice (e Bohemian Rhapsody è invece puro fanservice dal primo all’ultimo minuto, senza quello non c’è niente) Rocketman resta un film con ambizioni artistiche più che sostenibili, un musical su un ragazzino di grande talento e grande successo ma a cui manca l’amore. Ok, quindi bastava che rimandassero in sala Tommy e saremmo stati tutti più felici (e non a caso in Rocketman Pinball Wizard c’è), ma anche così, dai, sono passati 45 anni, se anche scopiazzi il soggetto da te stesso e dai tuoi amici non se ne accorgerà nessuno.

Questa scelta è comunque molto coraggiosa, perché togliendo il fanservice Rocketman spiazza proprio il suo pubblico predestinato, quello dei fan di sir Elton (e ai più giovani magari sir Elton dice poco, ma è stato il musicista più venduto al mondo per tutti gli anni ’70 o quasi). Infatti in giro è pieno di recensioni di fan che gli danno quattro, perché è impossibile, è uno scandalo, al famoso concerto del Troubadour che si vede nel film lui non ha mica davvero suonato Crocodile Rock, che anzi non era ancora stata composta; e come mai non si parla degli arrangiamenti, delle evoluzioni stilistiche, delle note sul retro della prima edizione in vinile del quarto album (sapete, i fan sono così). E oltretutto, visto il soggetto ci si aspetterebbe anche un film pieno di manzi e di lingue al verde, ma – a parte Crudelio Demon, l’inevitabile manager cattivo di tutti i film sulle band – non si vede nemmeno granché da quel punto di vista (o forse non lo si vede nell’edizione Air Canada).

Insomma, Rocketman è soprattutto un film coraggioso, che invece di fare una puntata lunga di Techetechetè sulla musica di Elton John prova a fare qualcosa di originale e di artistico, e ci riesce anche piuttosto bene. Già solo per questo, per me è un grande sì.

divider

Lascia un commento, grazie!

Se sei un utente registrato, i dati vengono estratti automaticamente dal tuo account: usa il pannello per modificarli una volta per tutte. In caso contrario, puoi registrarti per non doverli inserire ogni volta!

ATTENZIONE: I commenti non sono moderati, ma vengono filtrati in automatico contro lo spam. Se il vostro commento non appare immediatamente, è probabile che sia stato erroneamente considerato spam, ad esempio perchè contiene un numero eccessivo di link - in questo caso, contattatemi in privato per risolvere il problema. In alcuni casi, invece, sarò io a rimuovere commenti inappropriati, pubblicitari o non collegati all'argomento.

 
Creative Commons License
This site (C) 1995-2019 by Vittorio Bertola - Privacy and cookies information
Some rights reserved according to the Creative Commons Attribution - Non Commercial - Sharealike license
Attribution Noncommercial Sharealike