Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Sab 1 - 14:21
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione
mercoledì 6 Aprile 2022, 18:39

In difesa delle Nazioni Unite

Ho a che fare con pezzi di Nazioni Unite ogni giorno da oltre vent’anni e ne conosco perfettamente tutti i limiti: l’inefficienza burosaurica, la logica spesso disconnessa dalla realt√†, il peso sproporzionato di Paesi arretrati e dittatoriali, e anche la loro sostanziale impossibilit√† di intervenire su un certo numero di situazioni specifiche (oggi si parla di Russia, ma parliamo anche di Palestina) che deriva dall’essere figli dell’ordine stabilito con le armi alla fine della seconda guerra mondiale.

Con tutto questo, le Nazioni Unite sono l’unica parvenza di istituzione globale che abbiamo, e oltre a guardarne i limiti dobbiamo guardarne anche i meriti: magari non potranno fare niente in Ucraina, ma in tanti altri conflitti in questi decenni l’intervento dei caschi blu √® stato decisivo per riportare e mantenere la pace. Parliamo poi del lavoro oscuro ma importante sui profughi, sull’alimentazione, sulla malattia, sulla cultura; criticare la FAO, l’UNESCO o l’UNHCR √® uno sport facile, molto praticato e talvolta anche pi√Ļ che giustificato, ma davvero il mondo sarebbe migliore senza di esse?

Scrivo questo perch√© in questi giorni leggo cose assurde. C’√® gente che scrive che bisognerebbe chiudere le Nazioni Unite, o che l’Occidente dovrebbe abbandonarle per farsi il proprio club chiuso, sancendo ufficialmente la divisione del pianeta in blocchi contrapposti. Sono davvero follie: il progresso non pu√≤ che essere verso un pianeta unito e sempre pi√Ļ integrato fino al punto da rendere le guerre inconcepibili come oggi lo sarebbe una guerra tra Lombardo-Veneto e Regno di Napoli. La direzione opposta √® quella del regresso, del ritorno alla preistoria e alla violenza permanente.

Questo √® a maggior ragione vero perch√© le vere sfide di fronte all’umanit√† di oggi non sono affatto i gasdotti o i confini tra Russia e Ucraina. Le sfide importanti per l’umanit√†, quelle che determineranno il suo futuro e la sua sopravvivenza o distruzione, sono il riscaldamento globale, le migrazioni e l’autosufficienza alimentare ed energetica su scala planetaria. Sono sfide che possono essere vinte esclusivamente con la cooperazione tra tutti i popoli del mondo, nessuno escluso. Spaccare il mondo in due blocchi che non si parlano sarebbe il primo passo verso la distruzione dell’umanit√†, persino senza dover scatenare una guerra nucleare. Come concorderemo obiettivi collettivi di riduzione delle emissioni se saremo impegnati a farci la guerra tra di noi?

Demolire l’ordine uscito dalla seconda guerra mondiale pu√≤ sembrare una buona idea soltanto a chi non l’ha vissuta, a chi non capisce che un nuovo ordine mondiale potrebbe emergere solo dopo una nuova guerra mondiale con milioni di vittime e con la devastazione delle vite di miliardi di persone. Attaccare l’ordine mondiale √® un crimine ancora di un ordine di grandezza superiore che attaccare un Paese; equivale ad attaccarli tutti. Per questo, chi cerca di demolire le Nazioni Unite, chiunque sia, √® un pazzo criminale e come tale deve essere trattato.

divider

2 commenti a “In difesa delle Nazioni Unite”

  1. Marco:

    Ottimo punto di vista, chiaro, sintetico e preciso.

  2. mfp:

    E’ gi√† successo. Una nuova incarnazione di “nazioni unite” e’ nata dopo ogni guerra; prima di questa attuale c’era la Societ√† delle Nazioni. E prima della precedente guerra mondiale ce ne era un’altra. E tutte hanno fallito, visto che sono scoppiate guerre mondiali. E quella attuale sta fallendo allo stesso modo. Alcuni osservatori danno per certa una nuova guerra globale; io sono piu’ conservativo, non vedo certezza alcuna nel futuro.

    La necessit√† di un consiglio di sicurezza globale e’ indubbia. E’ tutto il resto che e’ incerto: come deve essere fatto? E quali competenze dovrebbe avere?
    Perch√® “sicurezza” significa evitare le guerre; contenere il dilagare quando non si e’ riusciti ad evitare l’inizio di una contesa armata; e via dicendo.
    Pero’ da qui a istituire un dipartimento per quelle che hai citato e altro (es: UNWTO, World Tourism Organization), ve ne passa di acqua sotto ai ponti. Personalmente non voglio e rifuggo l’idea di un governo mondiale, se non, per l’appunto, un consiglio di sicurezza che impedisca (anche attivamente, para bellum) le guerre.
    E che il consiglio di sicurezza funzioni: da quando sono nate le UN hanno fallito ripetutamente per via del sistema di veti incrociati ed altro ancora. In Congo hanno mandato al massacro caschi blu mentre entit√† commerciali francesi e inglesi alimentavano il dittatore locale per mettere le mani sulle risorse minerarie: cioe’, anche quando le UN riuscivano a mobilitare, c’era qualcuno che non metteva il veto ma remava contro per interessi propri. E’ pieno di fallimenti da raccontare. Se non funzionano, e’ bene che siano eliminate e contestualmente rifondate.

Lascia un commento, grazie!

Se sei un utente registrato, i dati vengono estratti automaticamente dal tuo account: usa il pannello per modificarli una volta per tutte. In caso contrario, puoi registrarti per non doverli inserire ogni volta!

ATTENZIONE: I commenti non sono moderati, ma vengono filtrati in automatico contro lo spam. Se il vostro commento non appare immediatamente, è probabile che sia stato erroneamente considerato spam, ad esempio perchè contiene un numero eccessivo di link - in questo caso, contattatemi in privato per risolvere il problema. In alcuni casi, invece, sarò io a rimuovere commenti inappropriati, pubblicitari o non collegati all'argomento.

 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2022 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike