Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Gio 2 - 7:20
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione

Archivio per il giorno 2 Marzo 2007


venerdì 2 Marzo 2007, 16:29

3msc

Entrare alla Fnac di via Roma. Fare un giro per la parte informatica, guardare i cellulari (devo cambiarlo da soli due anni), osservare un ragazzino che si pianta su Them Bones a livello facile, e poi decidere di passare a qualcosa di serio. La cultura. I libri.

E così, avvicinarsi alla scala che scende verso la sezione dei libri, e venire colpiti, d’improvviso, dalla vista della parete tutta tappezzata di innumerevoli, infinite copie di un libro solo: Federico Moccia, Scusa ma ti chiamo amore.

Vomitare. Voltarsi. Tornare indietro, e promettere a se stessi di leggere soltanto più fumetti giapponesi.

P.S. Oggi a pranzo, lì attorno, ho incontrato per caso Pippo Pancaro. Ma invece di raccontarlo a voi, l’ho raccontato su Toronews.

P.P.S. Mentre uscivo dalla Fnac, al banco dello sviluppo foto, ho pure dovuto osservare la scena di un trentenne fighettissimo, gellato e firmato, che litigava con l’addetto pretendendo che gli ristampasse le foto perchè “i colori mi sembrano un po’ sbiaditi, e poi questa qui c’ha un po’ di sfocatura, non è che l’avete ingrandita?” (invano l’addetto provava a spiegargli la differenza tra zoom ottico e zoom digitale nelle macchine fotografiche moderne, tra cui quella da cinquanta euro che lui aveva acquistato al Carrefour). Ora, caro trentenne fighettissimo, vorrei ricordarti un concetto basilare: tuo nonno, alle ore tredici di un venerdì feriale, stava certamente a farsi un mazzo come una casa in una miniera di sale. Che tu rompa il cazzo all’universo perchè le foto di te e di quella coatta della tua attuale fidanzata (almeno fin quando non vi metterete le corna a vicenda dichiarandovi insoddisfatti dalla mancata somiglianza fisica tra il vostro partner e l’ultimo calciatore/velina di successo) c’hanno il rosa shocking intenso del giubbottino firmato trendy 2007 che sembra il rosa shocking mediano del giubbottino firmato trendy 2006 e che oggi non è assolutamente più trendy, vuol soltanto dire che gli italiani hanno troppi soldi in tasca e troppo poca voglia di lavorare.

(Rant antisociale in stile Sciasbat)

divider
venerdì 2 Marzo 2007, 11:03

Virtual flash mob

Ieri pomeriggio, Kataweb ospitava una “videochat” con il presidente del CONI Petrucci; uno di quegli eventi in cui i lettori possono mandare domande da casa, e l’intervistato risponde online. Di solito si fanno per sembrare moderni, ma la partecipazione è piuttosto ridotta, tanto che la redazione prepara finte domande per riempire il tempo.

Naturalmente, quelli di Kataweb non avevano fatto i conti con la potenza della rete: pronti via, thread su Toronews, e Petrucci finisce letteralmente sommerso di domande sul regalo del Delle Alpi alla gobba. “Sommerso” vuol dire che ieri, nel forum su cui si postavano le domande, circa il 97% erano sul Delle Alpi. Al che Petrucci, con la faccia scocciata (pensa te ‘sto popolo, che si permette di far domande scomode invece che limitarsi ad applaudire), ha dovuto dichiarare che “Non ci sarà nessun finanziamento del Credito Sportivo, che io sappia non ci sarà nessun uso privato dei soldi dei contribuenti.” (non che qualcuno ci creda, eh).

D’accordo, talvolta questo potere è usato a fini meno nobili, come ad esempio portare in un giorno solo Angiolino Ogbonna da fuori classifica a primo in uno dei più prestigiosi premi italiani per giovani calciatori, dopo averlo fatto vincere l’anno scorso a Ricky Vailatti. Insomma, ogni volta che leggete un sondaggio sportivo della Gazzetta (talvolta anche di Repubblica), sappiate che dietro ai risultati potremmo esserci noi :-P

Però, è bello sapere che Internet non porta con sè soltanto occasioni per farci sorvegliare, ma anche occasioni per riprendere in mano il controllo della nostra società, far sapere ciò che i potenti non vogliono far circolare, organizzare manifestazioni anche significative (ultimamente Chiamparino si ritrova domande sul Delle Alpi persino all’inaugurazione delle biblioteche di quartiere, e par proprio nervosetto). Basta organizzarsi e mettere in piedi gli spazi opportuni, autogestiti, per incontrarsi.

Forse è proprio per questo che Internet – specie quella dei forum, dei newsgroup, dei blog – dà spesso tanto fastidio a chi comanda.

divider
 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2020 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike