Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Gio 2 - 18:36
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione
martedì 4 Gennaio 2011, 19:25

Primo dell’anno

Il primo dell’anno, di pomeriggio, siamo andati a Courmayeur, a trovare un’amica di Elena. Arrivati l√†, ci si √® presentata una scena da incubo: gi√† l’ultimo tratto della statale era bloccato dalle auto in attesa di riuscire a svoltare a destra ed entrare in paese. Le frecce dirigevano verso parcheggi sotterranei a pagamento completamente pieni e bloccati da auto in attesa che si liberasse un posto. Tutte le vie, nonostante l’abbondanza di segnali di divieto di sosta con rimozione forzata, erano semibloccate dalle auto parcheggiate in ogni modo, e ridotte a budelli dove continuamente ci si trovava di fronte il muso di un SUV targato Milano, Varese o gi√Ļ di l√¨ che cercava di procedere in direzione opposta. Ho impiegato mezz’ora, girando a caso, per trovare un parcheggio che fosse non dico regolare, ma tale da non intralciare il passaggio di nessuno; di meglio proprio non c’era.

La scena mi ha dato una sensazione di assurdit√†; √® assurdo che sia impossibile muoversi con i mezzi pubblici, per una regione ricca e fatta di una valle grande e poche valli piccole che vi afferiscono (con una ferrovia e dieci corriere la copri tutta…); ed √® assurdo che un villaggio montano si trasformi in una riedizione innevata delle vie del centro di Milano, completamente bloccate in ogni direzione da una fila interminabile di automobili spuzzettanti. La compagnia comunque √® stata piacevole, la via pedonale piena di sciatori e maniaci dello shopping, il banchetto delle ostriche in mezzo alla piazzetta davvero fighetto, il panorama dei monti maestoso e cos√¨ via; ma quella, checch√© ne pensino i milanesi, non √® montagna.

(Del resto, anche da noi, semi-isolati vicino al bosco a 1600 metri d’altezza, la notte di Capodanno qualche intelligentone ha pensato di andare avanti fino all’una e mezza a sparare botti; e a cinquanta metri dalle case c’√® una riserva naturale popolata di stambecchi. E’ come se le persone fossero rincoglionite in se stesse, incapaci di accorgersi che esiste un mondo meraviglioso attorno a loro; nel buio della propria testa, intente ai propri giochini e a nient’altro.)

Comunque, non era questo che volevo dire; ma che, tornando indietro nella sera ormai scura, abbiamo preso la statale e ammirato la successione di paesini, castelli e vallate. A un certo punto, solo per un attimo, alto nel cielo un fascio luminoso; una stella cometa in ritardo di una settimana. E’ stato quell’attimo, lo ammetto, che mi ha reso felice.

divider

10 commenti a “Primo dell’anno”

  1. Polemico74:

    Potevi andarci a piedi o in bici cosi’ non avresti contribuito al traffico

  2. Henri:

    Sono i milanesi come te che rovinano la Vallee, vi comprate la casa, vi credete di qua e poi vi lamentate che i SUV dei vostri amici non vi piacciono. Tornatevene ai vostri musei del 900, lasciateci le montagne!

  3. Travie McCoy Feat Bruno Mars:

    Siete delle brutte persone, per la prima volta scrive che è stato felice invece che lamentarsi che il mondo è cattivo e lo trattate così :-(

  4. Henri:

    I milanesi sono solo capaci di venire dalle nostre parti con le loro fotomodelle a vantarsi e lamentarsi

  5. Amministratore Valdostano:

    I milanesi come lei, caro VB, sono i benvenuti, soprattutto in quanto costituiscono una fetta importante del bilancio turistico della Vall√©e, ma predisporre dei bus pomeridiani per portarvi a Courmayeur dopo i bagordi seconde o terze case mi sembra un po’ troppo. Forse per lei, che vive la Vall√©e come un posto dove andare un paio di volte l’anno a mangiare la fonduta, un progetto del genere pu√≤ sembrare interessante. Le assicuro per√≤ che il piccolo gettito fiscale che ci arriva dallo Stato basta appena per allestire linee per i valdostani che lavorano, e che risiedono per la maggior parte nel fondovalle.
    Chi ha creduto di rilevare una casa per vacanze (magari condonata) in mezzo ai boschi deve purtroppo fare la fatica di guidare la propria macchina per raggiungere le ostriche di Courmayeur, e magari di camminare da un parcheggio lontano dal centro alle vie dello shopping.

  6. paolo:

    Eh si questi milanesi juventini so’ terribbili

  7. Rudy:

    Riassumendo, ti sei fatto un bel po’ di coda e manovre in un traffico allucinante dei soliti noti, per poi parcheggiare in divieto di sosta.

    Era intuibile. A mio parere sono posti da evitare a tutti i costi, almeno in determinati giorni facilmente individuabili. Posti dove le brutture quotidiane delle città si ripropongono amplificate dallo stridore del contrasto con la bellezza del paesaggio.

    Se proprio dovevate andare a trovare l’amica, sareste dovuti tornare un altro giorno.

  8. daniela:

    Non per rompere l’incanto ma probabilmente ci√≤ che hai visto era una stella cadente pi√Ļ che una cometa ;)
    Le comete rimangono visibili nel cielo per molti giorni, non spariscono in un attimo.

  9. vb:

    Certo che era una stella cadente: la mia era una metafora, visto il periodo…

  10. diego:

    Oggi per caso, saltellando da sito in sito sono finito prima nel tuo blog (mi permetti di darti del tu ? in fondo, in un certo senso e’ da molto che sento parlare di te, dai tempi di prometeo e di IACJap o su usenet) e poi in questo post.

    Da valdostano posso solo dire che courmayeur va evitata quando arrivano i “milanesi” (termine con cui vengono chiamati tutti quei turisti che arrivano con il macchinone e la puzza sotto il naso) e quando nevica, visto che spesso e volentieri non puliscono un gran che bene le strade nel paese, per non parlare dei molti “milanesi” che non sono minimamente attrezzati con catene o ruote da neve.

    Purtroppo far funzionare un trasporto pubblico efficiente economico e competitivo pare non interessare. Per anni la popolazione si e’ abituata a usare l’auto potendo pagare la benzina senza tasse e anche ora che la paghiamo a prezzo pieno (anzi piu’ che in altre regioni) pare non interessare a nessuno potenziare e migliorare il trasporto pubblico.

    Men che meno a trenitalia che ci regala un servizio da terzo mondo (la prossima volta prova a venire in valle d’aosta da torino con il treno e avrai modo di capire perche’ molti turisti arrivano in macchina da noi)

 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2020 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike