Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Gio 27 - 7:00
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione

Archivio per il giorno 8 Novembre 2011


martedì 8 Novembre 2011, 19:50

La qualità dei politici torinesi

Lo schifo della nostra politica è tutto attorno a noi: dall’onorevole della Lega che esulta per l’alluvione al campo nomadi, fino a Gabriella Carlucci che si scopre cattolica (dopo aver passato gli anni ad esaltare la presunta potenza sessuale di Berlusconi) e passa all’UDC, ma che un mese fa stava negoziando l’approvazione di una legge ad personam che le permettesse di continuare all’infinito a fare sia il sindaco che il deputato. Ma io vi porto una domanda che a ben pensarci vi agghiaccerà: se questi sono i politici di alto livello, come saranno quelli di basso?

L’abbiamo visto in questi giorni alla Circoscrizione 5 – non una qualsiasi, in quanto presieduta addirittura dalla segretaria provinciale del PD, Paola Bragantini, la quale ha in giunta come coordinatore di commissione (in pratica, assessore all’Ambiente) tal Gaetano Zuppardo dei Moderati.

La storia comincia un paio di giorni fa, quando sul gruppo Facebook del Movimento 5 Stelle della Circoscrizione 5 Alberto Unia, uno dei più assidui attivisti di tutta la città, riporta un annuncio di lavoro nel caso interessi a qualcuno. Il signor Zuppardo lo legge e per prima cosa segnala il proprio figlio, poi, senza alcun apparente motivo o forse non soddisfatto della risposta, comincia ad arrabbiarsi.

c5-rissa-p1.png

La discussione va avanti per un po’ di pagine, con tanto di fake che risponde insultando Zuppardo, poi gli animi si calmano, lo stesso Zuppardo chiede scusa e finisce lì. Peccato che poi ieri pomeriggio, al consiglio di circoscrizione, non appena Unia è entrato in sala, il signor Zuppardo abbia pensato bene di cercare di aggredirlo fisicamente, per farsi giustizia di non si sa bene cosa (nessuno l’ha capito… qui il videoracconto di Unia). Alla fine, grazie ad altri consiglieri e al successivo intervento di vigili e carabinieri, la situazione si è calmata – ma è finita lo stesso sul giornale.

Detto che né tutti i Moderati né tutti i consiglieri sono così (anzi), stiamo comunque parlando di una persona che ha in carico la responsabilità politica dell’ambiente, dei rifiuti e del verde pubblico per circa 125.000 torinesi; e che si esprime a parole nel modo che avete letto, e nei fatti come è stato raccontato. Francamente, mettersi a chiederne le dimissioni mi sembra fin esagerato; mi aspetterei che fosse la sua maggioranza a chiedersi (e a spiegare ai cittadini) in quali mani mette la gestione della nostra città.

divider
 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2019 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike