Sky
Vittorio vb Bertola
Fasendse vëdde an sla Ragnà dal 1995

Lùn 4 - 22:37
Cerea, përson-a sconòssua!
Italiano English Piemonteis
chi i son
chi i son
guida al sit
guida al sit
neuve ant ël sit
neuve ant ël sit
licensa
licensa
contatame
contatame
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vej blog
vej blog
përsonal
papé
papé
fotografie
fotografie
video
video
musica
musica
atività
net governance
net governance
consej comunal
consej comunal
software
software
agiut
howto
howto
internet faq
internet faq
usenet e faq
usenet e faq
autre ròbe
ël piemonteis
ël piemonteis
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
vej programa
vej programa
travaj
consulense
consulense
conferense
conferense
treuvo travaj
treuvo travaj
angel dj'afé
angel dj'afé
sit e software
sit e software
menagé
login
login
tò vb
tò vb
registrassion
registrassion

Archivio per il giorno 25 Novembre 2011


venerdì 25 Novembre 2011, 17:11

Governati dai fantasmi

Stamattina ero in metropolitana e davanti a me un signore leggeva La Stampa. Il titolo in prima pagina era “Merkel-Sarkozy, fiducia in Monti”.

E mi è venuto da pensare; su cinque parole, tre erano nomi propri. Ma chi sono veramente Merkel, Sarkozy, Monti… esistono veramente? In fondo nessuno di noi li conosce di persona: per noi, non sono che fantasmi, immagini incorporee rese familiari dalla scatola delle illusioni, artefatte due volte – la prima perché tutti i politici recitano, senza mostrare mai chi sono veramente; e la seconda perché la loro recita è trasmessa e riprodotta a colori infinite volte su uno schermo di per sé vuoto.

E allora ha senso che centinaia di milioni di persone in Europa ogni giorno si interessino di cosa ha detto Merkel e dove è andato Monti? Saranno veramente queste le cose importanti? Noi diamo spesso per scontato che debbano esistere alcune persone più significative delle altre, che la nostra felicità dipenda dalla società e dall’economia, e che queste siano sotto il controllo di quei pochi. Ma la società e l’economia siamo tutti noi, la facciamo ogni momento con un gesto o con una scelta. Se la nostra felicità dipendesse davvero dall’euro e dalle banche, non si spiegherebbe come mai alcuni dei paesi più felici del mondo siano anche tra i più poveri.

Le catene che ci legano ai fantasmi di cui parlano i giornali sono anch’esse immaginarie; sono nella nostra testa. Siamo noi stessi a renderci schiavi di questi fantasmi, invece di capire che le persone più importanti sono quelle che abbiamo più vicino, ma anche gli sconosciuti che incontriamo ogni giorno; e che sono ben poche le cose materiali di cui c’è veramente bisogno.

Non è facile restare fuori dall’ossessione di apparire; la nostra società facilmente ci convince che essere famosi è tutto. E’ difficile acquisire un po’ di visibilità e non esserne travolti, non farla diventare una droga, evitare che i due minuti su una tivù locale te ne facciano desiderare dieci e che i dieci ti facciano desiderare un’ospitata a Ballarò. Pur con le migliori intenzioni succede anche nel Movimento, ci mancherebbe. Ma temo che sia molto difficile, per non dire impossibile, che a passare troppo spesso dentro la scatola magica non se ne venga svuotati, e non ci si ritrovi fantasmi.

Eppure, la nostra società sarà molto migliore quando tutti avranno capito di non aver bisogno di dipendere da alcuni lontani sconosciuti; ma solo da se stessi e da ciò che li circonda davvero.

[tags]televisione, società, politica, visibilità[/tags]

divider
 
Creative Commons License
Cost sit a l'è (C) 1995-2024 ëd Vittorio Bertola - Informassion sla privacy e sij cookies
Certidun drit riservà për la licensa Creative Commons Atribussion - Nen comersial - Condivide parej
Attribution Noncommercial Sharealike