Sky
Vittorio vb Bertola
Fasendse vëdde an sla Ragnà dal 1995

Lùn 25 - 19:08
Cerea, përson-a sconòssua!
Italiano English Piemonteis
chi i son
chi i son
guida al sit
guida al sit
neuve ant ël sit
neuve ant ël sit
licensa
licensa
contatame
contatame
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vej blog
vej blog
përsonal
papé
papé
fotografie
fotografie
video
video
musica
musica
atività
net governance
net governance
consej comunal
consej comunal
software
software
agiut
howto
howto
internet faq
internet faq
usenet e faq
usenet e faq
autre ròbe
ël piemonteis
ël piemonteis
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
vej programa
vej programa
travaj
consulense
consulense
conferense
conferense
treuvo travaj
treuvo travaj
angel dj'afé
angel dj'afé
sit e software
sit e software
menagé
login
login
tò vb
tò vb
registrassion
registrassion

Archivio per il giorno 30 Dicembre 2011


venerdì 30 Dicembre 2011, 11:29

L’instabilità di Fassino

L’annuncio a sorpresa di Fassino, sul fatto che Torino non riuscirà a rispettare per l’anno che si sta chiudendo il patto di stabilità, avrebbe anche potuto essere una buona notizia; ma non lo è.

Il patto di stabilità, infatti, è quel meccanismo per cui ogni ente locale viene obbligato a rimanere sotto determinati tetti di spesa; è nato per porre fine alle gestioni allegre, quelle per cui un Comune spendeva e spandeva tanto alla fine lo Stato comunque avrebbe ripianato il buco. Progressivamente, però, è diventato uno strumento per strozzare i Comuni in modi sempre più assurdi, senza distinguere in cosa vengono spesi i soldi (Torino, per esempio, si fa carico di spese che toccherebbero allo Stato, come parte del personale del Tribunale o come molte scuole materne, che però vengono conteggiate dentro il tetto da rispettare), dando esenzioni come favori (Roma ne è esente perché è la capitale…) e generando situazioni assurde come quelle per cui il Comune ha i soldi in cassa ma non può spenderli nemmeno per pagare i fornitori, che aspettano da anni, perché se no sfora il tetto.

Il patto di stabilità è ormai lo strumento con cui lo Stato obbliga i Comuni a lasciare a casa i precari, svendere il patrimonio, chiudere i servizi e privatizzare le ex municipalizzate, in quell’ottica biecamente finanziaria della gestione dello Stato che pone al primo posto il pagare le banche e all’ultimo il servire i cittadini. Chiamarsi fuori dal patto di stabilità potrebbe dunque essere un modo per porre il problema politico di un’economia pubblica che non regge più e che richiede cambiamenti radicali, come noi stessi avevamo gridato in Sala Rossa poche settimane fa parlando di privatizzazioni.

Il problema, però, è che quella di Fassino non è una scelta e non va affatto in questa direzione. Fino al 30 dicembre, tutta la maggioranza ha operato tagli, svendite e aumenti – gli ultimi tre giorni fa – perché bisognava stare dentro i limiti del patto di stabilità, sacro e inviolabile. Improvvisamente, il 30 dicembre senza consultare nessuno Fassino va sui giornali a dire che “il patto di stabilità è stupido”, con i giornali cittadini (veramente imbarazzanti) che incensano questa sua improvvisa scelta di libertà. Non vi puzza?

Noi siamo stati tenuti all’oscuro di tutto, eppure, leggendo con attenzione, si può capire come probabilmente stanno le cose: Torino è costretta a non rispettare il patto di stabilità perché Fassino non è riuscito a trovare nemmeno una banca che concedesse alla Città il “prestito ponte”, ovvero un anticipo sulla svendita ai privati di Amiat, GTT e TRM che avverrà entro marzo. Dunque mancano all’appello del bilancio 2011 alcune decine di milioni di euro, e senza quelli i conti non tornano e il tetto viene sforato.

Se le cose stanno così, non solo l’operazione di privatizzazione delle municipalizzate è già diventata un fallimento, ma la preoccupazione sulla solvibilità della Città, a cui non fa più credito nessuno, è inevitabile.

Gli effetti immediati saranno significativi ma non cambieranno molto le cose, dato che già prima non si assumeva più nessuno (tranne staffisti e dirigenti dagli stipendi d’oro…) e che non ci si può più indebitare; perderemo comunque alcune decine di milioni di euro di fondi statali, con tagli conseguenti ai servizi (inoltre verrà tagliato il nostro stipendio del 30%: buon anno anche a me). Possiamo comunque sperare che Fassino abbia chiamato i ministri torinesi e si sia messo d’accordo in qualche modo.

Più pesanti gli effetti politici, perché gli alleati di Fassino – IDV, SEL e Moderati – hanno perso la faccia; il sindaco ha deciso e comunicato la cosa ai giornali senza nemmeno avvertirli, dimostrando che sostanzialmente non contano un bel niente. Penso in particolare a SEL, che ha votato privatizzazioni e aumenti delle tariffe spiegando di farlo per evitare che la Città sforasse il patto di stabilità e gli altri vincoli finanziari di legge, e che poi si è vista passare sulla testa un dietrofront, con il sindaco che dice che il patto di stabilità è inutile: ma allora potevano deciderlo tre mesi fa ed evitare le svendite.

E’ comunque scandaloso che una cosa del genere venga comunicata alla stampa prima che al Consiglio Comunale, se necessario convocando una riunione urgente almeno della commissione competente. Evidentemente il sindaco confonde il proprio ruolo con quello di un amministratore delegato…

divider
 
Creative Commons License
Cost sit a l'è (C) 1995-2020 ëd Vittorio Bertola - Informassion sla privacy e sij cookies
Certidun drit riservà për la licensa Creative Commons Atribussion - Nen comersial - Condivide parej
Attribution Noncommercial Sharealike