Sky
Vittorio vb Bertola
Fasendse vëdde an sla Ragnà dal 1995

Mèr 19 - 15:34
Cerea, përson-a sconòssua!
Italiano English Piemonteis
chi i son
chi i son
guida al sit
guida al sit
neuve ant ël sit
neuve ant ël sit
licensa
licensa
contatame
contatame
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vej blog
vej blog
përsonal
papé
papé
fotografie
fotografie
video
video
musica
musica
atività
net governance
net governance
consej comunal
consej comunal
software
software
agiut
howto
howto
internet faq
internet faq
usenet e faq
usenet e faq
autre ròbe
ël piemonteis
ël piemonteis
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
vej programa
vej programa
travaj
consulense
consulense
conferense
conferense
treuvo travaj
treuvo travaj
angel dj'afé
angel dj'afé
sit e software
sit e software
menagé
login
login
tò vb
tò vb
registrassion
registrassion
mercoledì 18 Gennaio 2012, 17:51

Ancora sugli attraversamenti pedonali

Lo confesso: per molte settimane, man mano che l’incidente di corso Peschiera si allontanava nel tempo, ho pensato che anche questa volta lo Stato avrebbe “gettato la spugna con gran dignità”, come diceva De André. Infatti non vi era traccia dei colpevoli, né avevano alcun esito gli appelli a chi sapeva e li stava probabilmente proteggendo; dopo aver frettolosamente rimosso le strisce in quel punto, si erano soltanto più sentite polemiche strumentali tra politici sull’efficacia del tipo di ringhiere adottato.

Lunedì il consiglio comunale ha finalmente approvato all’unanimità la nostra mozione presentata il 17 ottobre, che chiedeva di censire e mettere in sicurezza tutti gli attraversamenti pedonali non semaforizzati sui grandi viali; dopo aver giaciuto per due mesi in attesa di discussione in commissione, giaceva in attesa di votazione in aula dal 12 dicembre; una volta la maggioranza non era pronta e ne chiedeva il rinvio, l’altra volta eravamo troppo presi dagli aumenti delle tariffe e non c’era il tempo di discuterne. Una mozione del consiglio comunale non cambia di per sé la realtà – è molto più importante la volontà concreta dei dirigenti comunali, che hanno il vero potere di fare le cose – ma è almeno un segno di interesse e una richiesta di impegno all’amministrazione, con in più l’obbligo di ritrovarsi dopo quattro mesi per verificare cosa è stato fatto. Io avevo invitato tutti i consiglieri a firmarla, se lo volevano, e comunque a votarla all’unanimità; e così è stato, senza distinzioni.

A margine della discussione, quando è venuto fuori che io avevo scritto la mozione due mesi prima dell’incidente, qualcuno ha platealmente suggerito che io portassi sfiga. In realtà, stavolta la coincidenza è stata positiva; il giorno dopo è stata annunciata la cattura dei responsabili, che non erano rom o immigrati (sui social network già qualcuno lo diceva) ma due tossici sardo-aostani, in corsa per procurarsi la dose, fuori di testa e senza un euro ma comunque con la macchina nuova. I vigili urbani hanno fatto veramente un gran lavoro, gestendo direttamente tutte le indagini grazie al proprio nucleo scientifico; sono partiti dall’elenco di tutte le Clio di quel modello (prodotto da poco più di un anno: sono 7600) e piano piano le hanno ridotte a 12 in base ai pezzi ritrovati e altre deduzioni; poi hanno mandato i vigili delle varie città a controllarle, e ad Aosta hanno trovato quella giusta.

So che l’assessore Lubatti, dopo l’incidente, aveva già iniziato a fare di suo quanto chiede la mozione, e che mi pare banale buon senso: censire tutti gli attraversamenti e per ognuno valutare cosa fare, se mettere un semaforo, dissuasori di vario genere, o transenne per bloccare il passaggio… o magari studiare qualche soluzione innovativa, come questa (la producono a Villarbasse). Intanto, stamattina aspettavo il bus a Porta Susa e ho visto ancora una volta un’auto aggirare le macchine già ferme alle strisce, proiettarsi in velocità sul passaggio zebrato e poi inchiodare evitando di un soffio il pedone che stava attraversando.

Alla fine quel che conta di più è il comportamento di chi guida; però un po’ d’attenzione organizzata, per eliminare i punti neri e per punire più regolarmente la guida pericolosa, potrà fare molto.

divider

6 commenti a “Ancora sugli attraversamenti pedonali”

  1. Antonio Fucile:

    Grazie di cuore per l’indicazione della soluzione innovativa per gli attraversamenti pedonali. Spero che tantissime amministrazioni adottino idee simili.

    p.s.: anche stavolta il sindaco Fassino è riuscito a distinguersi in “positivo”, affermando che la cattura dei presunti (e rei confessi) colpevoli è il mantenimento di un suo impegno personale. NO COMMENT.

  2. vb:

    Se è per questo, un consigliere comunale ha avuto il coraggio di dire che la mia mozione per mettere in sicurezza tutti gli attraversamenti pedonali sarebbe un “copia e incolla” di una sua mozione precedente che chiedeva di istituire una rotonda in corso Peschiera angolo corso Trapani…

  3. Antonio Fucile:

    Pessimo anche costui, ma le dichiarazioni speculative di Fassino sono particolarmente rivoltanti, secondo me, in quanto provenienti da un politico navigatissimo e che per di più ricopre un ruolo istituzionale molto prestigioso (più di quello di consigliere comunale… senza offesa).

  4. Berto:

    Gentile Bertola,
    parliamo di Porta Susa. Mi saprebbe Lei spiegare per quale motivo, essendo presente sotto la piazza un sottopassaggio che permette, da ambo i lati della stessa, di accedere alla stazione della metropolitana, non si è adottata, a suo tempo, la semplicissima misura di portare le fermate dei mezzi pubblici sui lati, in corrispondenza delle scale mobili di accesso alla Linea 1 della metro? Dopodichè sarebbe stato sufficiente chiudere i varchi che attualmente consentono ai pedoni di attraversare la piazza, A CASACCIO, in superficie, lasciando ovviamente passaggi pedonali sui lati nord e sud della piazza stessa, ben regolati da semafori.
    Mi do una risposta: come al solito il problema era costituito dai binari tranviari al centro della piazza. Sono stati spostati molte volte durante i lavori, in su e in giù, in qua e in là, ma evidentemente per qualche esigenza tecnica devono stare al centro, li dove sono attualmente; così abbiamo una piazza caotica e disordinata, con quattro o cinque precarie pensiline dove chi non sia profondamente esperto del trasporto pubblico torinese non riesce mai a capire dove diamine debba mettersi ad aspettare l’autobus (qui ne ferma uno, di fianco un altro. vattelapesca…).

    La saluto.

  5. Cloud:

    Chi porta sfiga sono chi ha vinto le elezioni no te Vittorio hai ragione di Porta Susa anche lì bisogna stare attenti che non ti prendono sotto fare qualcosa anche lì?

  6. Cloud:

    Un’altra cosa Vittorio fare qualcosa anche in Via Stradella dove anche lì ci sono le strisce pedonali che scatta il verde sia per i pedoni che per le macchine una volta stavo attraversando e una macchina stava arrivando a una velocità folle e mi stava prendendo sotto fate qualcosa anche lì.

 
Creative Commons License
Cost sit a l'è (C) 1995-2022 ëd Vittorio Bertola - Informassion sla privacy e sij cookies
Certidun drit riservà për la licensa Creative Commons Atribussion - Nen comersial - Condivide parej
Attribution Noncommercial Sharealike