Sky
Vittorio vb Bertola
Wandering on the Web since 1995

Tue 23 - 19:20
Hello, unidentified human being!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
about me
about me
site help
site help
site news
site news
license
license
contact me
contact me
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
old blogs
old blogs
personal
documents
documents
photos
photos
videos
videos
music
music
activities
net governance
net governance
town council
town council
software
software
help
howto
howto
internet faq
internet faq
usenet & faqs
usenet & faqs
stuff
piemonteis
piemonteis
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
ancient software
ancient software
biz
consultancy
consultancy
talks
talks
job placement
job placement
business angel
business angel
sites & software
sites & software
admin
login
login
your vb
your vb
register
register
venerdì 13 Aprile 2012, 11:58

Benvenuti a Torino

Sono passati quasi due mesi da quando ho avuto l’opportunit√†, grazie a un sopralluogo ufficiale, di visitare dall’interno la baraccopoli di Lungo Stura Lazio; una questione su cui continuamente vengono detti fiumi di parole, ma che quasi nessuno conosce veramente.

Sulle sponde della Stura, col passare del tempo, si sono accampati i pi√Ļ disperati della citt√†; in parte sono rom, prevalentemente fuggiti dalla Romania ma anche nostrani, in parte sono immigrati, generalmente romeni anch’essi ma non solo. Centinaia di persone, compresi i bambini, vivono (non per scelta) in condizioni igieniche da terzo mondo che tutti fanno finta di non vedere, o di vedere soltanto per dire “non dovrebbe essere cos√¨”.

Il problema √® appunto quale possa essere l’alternativa. Torino infatti √® una citt√† che da molti anni si occupa anche dei nomadi, spendendo centinaia di migliaia di euro ogni anno, dai tirocini agli abbonamenti GTT passando appunto per la pulizia dei campi. Certo, in una commissione consiliare l’unico rom partecipante, la combattiva signora Vuletic dell’associazione Idea Rom, si √® lamentata molto chiaramente proprio di questo: vengono spesi moltissimi soldi per i rom, ma ben pochi arrivano ai rom. La maggior parte si ferma nelle mani di intermediari vari, soprattutto associazioni senz’altro benemerite, ma anche ben agganciate politicamente. I lavori sovvenzionati con questi fondi non vengono dunque fatti svolgere ai rom, che potrebbero cos√¨ cominciare ad integrarsi e a vivere del proprio lavoro; e questo gi√† cambierebbe un po’ le cose.

Anche in Lungo Stura Lazio √® andata cos√¨: inizialmente ci si √® limitati ai divieti, poi, di fronte al degrado, sono stati dati circa 100.000 euro a un’associazione per fare un po’ di pulizia, dato che Amiat si rifiuta di farla poich√© nessuno la paga; non vuole nemmeno mettere un numero adeguato di cassonetti sul Lungo Stura, per cui anche quegli utenti del campo che vogliono smaltire correttamente l’immondizia non possono farlo. Il problema √® che l’associazione in questione √® Terra del Fuoco, creatura del capogruppo e segretario provinciale di SEL Michele Curto, per cui la spesa ha subito scatenato la polemica politica.

D’altra parte, se si lascia tutto cos√¨ la citt√† si lamenta, se si spendono soldi per fare qualcosa la citt√† si lamenta; molti parlano di sgomberi senza rendersi conto che anche lo sgombero costa e che si limita a spostare il problema pochi metri pi√Ļ in l√†, anche perch√©, non trattandosi di extracomunitari, non si potrebbe comunque espellerli. Ma non si pu√≤ nemmeno scaricare il problema su chi abita l√¨ vicino e che si trova davanti a ogni genere di problema di convivenza, a partire dal fumo nero e tossico che spesso sale dai roghi accesi nel campo.

fumo_stura_lazio_544.jpg

Dunque, che fare? La verit√† √® che non lo sa nessuno. Nel frattempo, molti ci marciano sopra, economicamente e politicamente, pro o contro cambia poco; mentre i pi√Ļ poveri dei poveri, come sempre √® stato, si arrabattano da soli come possono dentro le loro baracche, cercando un modo – legale o illegale che sia – di potersi permettere condizioni migliori di vita.

[tags]nomadi, rom, torino, lungo stura lazio, baracche, povertà[/tags]

divider

9 commenti a “Benvenuti a Torino”

  1. Cloud:

    Ciao Vittorio ho sentito dire che il comune di Torino gli paga ai rom la corrente elettrica, l’acqua e il gas e vero o forse non sono informato bene so che sei stato vicino allo stadio delle alpi dove ci sono anche li i rom dove non solo
    ci sono i rom anche le prostitute giovani ragazze schiave il comune ne e al corrente o non lo sono so Vittorio che gli hai già detto che uno schifo li vicino allo stadio delle alpi ma il signor Fassino ne al corrente che li ci sono le povere prostitute ragazze giovani che avranno 18 o meno di 18 anni fammi sapere Vittorio.

  2. Anonimo codardo:

    O.T. Immagino che la citazione dei Fucktotum sia involontaria ;)

  3. Anonimo codardo:

    O.T. Mantellini punta il dito contro l’uso un po’, diciamo, comodo del robots.txt nella P.A. e si scoprono cose interessanti come questo [1], che non viene minimamente indicizzato dai motori.

    [2] http://www.comune.torino.it/robots.txt
    [1] http://www.comune.torino.it/operazionetrasparenza/
    [0] http://www.mantellini.it/?p=19330

  4. vb:

    Ne parlò tempo fa già Vittorio Pasteris, io ho fatto mesi fa una interpellanza e puoi divertirti ad ascoltare la risposta della giunta Fassino:

    http://www.youtube.com/watch?v=4sT99lBPyF0

    Naturalmente, nonostante le promesse, nulla è stato fatto e il robots.txt è ancora lì.

  5. Polemico74:

    caro Cloud, la cosa piu’ schifosa in quella zona e’ lo stadio delle merde

  6. cloud:

    In che senso polemico 74

  7. Anonimo codardo:

    In riferimento a questo [0]. Ma perch√© si continua a costruire nei parchi pubblici ? La domanda √® retorica (risposta: per gli ovvi oneri di urbanizzazione, creazione plusvalore, etc etc). Se si decide che un’area √® un parco non si dovrebbe costruire punto e basta. Perch√© di eccezione in eccezione prima o poi sparir√† tutto. √ą successa la stessa cosa con il tratto di Italia ’61 che da su Via Ventimiglia: tra bocciofile e chioschi di parco √® rimasto solo qualche albero.

    [0] http://multimedia.lastampa.it/multimedia/torino/lstp/136385/

  8. Cloud:

    Hai ragione anonimo codardo hai proprio ragione hanno costruito dappertutto non si è rimasto nulla di verde dove hanno costruito si poteva coltivare qualcosa come il grano qualsiasi cosa si poteva coltivare.

  9. Redsox:

    Vittorio ti ho visto da Formigli, sei stato grandissimo!

 
Creative Commons License
This site (C) 1995-2024 by Vittorio Bertola - Privacy and cookies information
Some rights reserved according to the Creative Commons Attribution - Non Commercial - Sharealike license
Attribution Noncommercial Sharealike