Sky
Vittorio vb Bertola
Wandering on the Web since 1995

Sun 5 - 15:32
Hello, unidentified human being!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
about me
about me
site help
site help
site news
site news
license
license
contact me
contact me
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
old blogs
old blogs
personal
documents
documents
photos
photos
videos
videos
music
music
activities
net governance
net governance
town council
town council
software
software
help
howto
howto
internet faq
internet faq
usenet & faqs
usenet & faqs
stuff
piemonteis
piemonteis
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
ancient software
ancient software
biz
consultancy
consultancy
talks
talks
job placement
job placement
business angel
business angel
sites & software
sites & software
admin
login
login
your vb
your vb
register
register
giovedì 6 Febbraio 2014, 19:44

Tanti saluti dalla FCA

Luned√¨, il consiglio comunale di Torino ha dimostrato tutta la sua inutilit√† prodigandosi in un lungo dibattito a posteriori sulla partenza della Fiat, che diventa FCA e sposta la sede legale e fiscale all’estero; dibattito inutile perch√© molto pochi in quell’aula hanno qualche competenza a proposito della gestione di un’azienda, e perch√© √® una pia illusione che la politica cittadina possa avere un vero potere contrattuale verso una azienda di quelle dimensioni.

Tuttavia, come ho detto nel mio intervento, c’√® una cosa che i cittadini possono e devono chiedere ai loro politici: quella di preservare la dignit√†. E invece, il discorso in aula di¬†Fassino, come quello sui giornali, √® stato imbarazzante; sembrava il responsabile delle relazioni pubbliche della Fiat, al punto di arrivare a scaricare lui sulla politica nazionale la responsabilit√† di non aver creato un ambiente propizio al mantenimento a Torino della sede, come se non fosse lui da una vita uno di quei politici nazionali che la portano sulle spalle.

Io sono stato l’unico, in quell’aula, a constatare un elemento importante: che nel rapporto simbiotico di favori reciproci tra l’azienda e la politica torinese, durato per decenni, i primi a prostrarsi e a promettere favori erano i politici. In cambio, loro hanno avuto la compiacenza del giornale e del sistema economico della citt√†, che gli ha molto facilitato il mantenimento del potere; e talvolta (e anche qui sono stato l’unico a ricordarlo) hanno avuto anche altro, come si svel√≤ ai tempi di Mani Pulite.

Nessun sindaco pu√≤ impedire alla Fiat di spostare la sede all’estero; ma un sindaco degno di questo nome, invece di dire sempre di s√¨, di avallare i continui tagli all’occupazione e ai diritti, e poi di difendere ancora l’azienda una volta giunti alla sua partenza, si sarebbe dato da fare per creare condizioni adatte a farla rimanere in positivo, come succede altrove per altre case automobilistiche; puntando sulla qualificazione dei lavoratori e dei prodotti, e non sui tagli, e spingendo per affrontare a livello nazionale i problemi di fondo dell’economia italiana.

Forse non sarebbe cambiato niente, se non una cosa: la dignit√† dell’amministrazione comunale e di tutta la citt√†.

divider

Un commento a “Tanti saluti dalla FCA”

  1. Orlando:

    Cito da La Stampa del 31/10/2010 (“Come, tu leggi La Stampa? ma se ne dici sempre peste e corna” “E altrimenti come potrei dirne peste e corna?”)
    “(Chiamparino)Stoccata alla Fiom: ‘Parlano senza aver mai lavorato ‘” La vicenda √® nota, per cui mi limito alle mie considerazioni.
    La dichiarazione, √® ovvio, aveva solo fini patrimoniali: un Chiamparino qualsiasi non pu√≤ permettersi di mettersi di traverso alla Fiat. Ha bisogno di articoli favorevoli sui giornali. Fuck the FIOM ! Da allora, ho notato per Torino una certa quantit√† di macchine (rigorosamente FIAT) che hanno la dicitura “IO GUIDO”. Tra l’altro, vorrei sapere chi sarebbe “IO” visto che sono sempre parcheggiate. Quando hai un minuto di tempo magari potresti vedere quanto rendono alle casse del comune e se non sia il caso di raddoppiarne il numero, o anche triplicarlo.
    E’ dai tempi di Motorola che il Comune paga perch√© le imprese vengano a Torino: ed √® dai tempi di Motorola che le imprese vengono, incassano e spariscono. Non subito, ovvio: il tempo materiale di accumulare una ragionevole scusa per farlo.
    Per citare un disoccupato che al Centro dell’Impiego un mese fa ha cominciato a sbraitare (e meno male che si √® fermato l√¨), “A Torino non c’√® lavoro per nessuno”. In realt√†, come i recenti scandali ci hanno mostrato, per qualcuno c’√®. Ma non √® questo il punto.
    Dal 1994, anno in cui Castellani ha preso piede a Torino (una delle firme in calce alla sua lista √® mia, e mi pento di non essere analfabeta) stiamo precipitando. Non cadendo: precipitando. Ti confesso che io aspetto solo un’occasione per mollare tutto ed andarmene. Fossi pi√Ļ giovane, andrei all’estero. Alla mia et√†, dovr√≤ accontentarmi di qualsiasi posto che sia meglio di Torino. Fortunatamente, la lista si allunga di giorno in giorno.

 
Creative Commons License
This site (C) 1995-2023 by Vittorio Bertola - Privacy and cookies information
Some rights reserved according to the Creative Commons Attribution - Non Commercial - Sharealike license
Attribution Noncommercial Sharealike