Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Mar 23 - 15:33
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione
giovedì 13 Marzo 2014, 14:18

Fatto: gli scrutatori saranno estratti

Alle volte basta avere il coraggio di puntare il riflettore sugli altarini della politica per costringere le cose a cambiare. Un esempio sta nella nomina degli scrutatori, un privilegio che la legge da qualche anno affida direttamente alla spartizione dei partiti, che spesso lo usano per premiare con qualche euro militanti ed amici e per garantirsi la simpatia di chi conta le schede.

Sin da quando siamo entrati in Comune abbiamo denunciato questo sistema; sia nel 2012 che nel 2013 ci siamo rifiutati di nominare per “amicizia” la nostra quota della spartizione e, almeno noi, abbiamo proceduto con un bando pubblico e un sorteggio. Quest’anno mi sono rotto le scatole e così il 30 gennaio ho presentato una mozione che chiedeva una cosa molto semplice: preso l’albo degli scrutatori – a cui, per legge, bisogna iscriversi entro il mese di novembre di ogni anno – si chiede di estrarre a sorte gli scrutatori, invece che farli nominare ai gruppi consiliari, e di dare la precedenza ai disoccupati e alle persone a basso reddito.

Dopo due o tre settimane in cui regolarmente chiedevo di inserire la mozione all’ordine del giorno, la prima discussione in commissione, il 27 febbraio, è stata surreale (qui lo streaming): concettualmente erano tutti d’accordo, però erano contrari perché:
– i sorteggi facilmente sono truccati
– se estraiamo poi ci sono troppe rinunce
– già i partiti scelgono da soli di nominare i bisognosi
– il comune non sa veramente chi sono i poveri, i politici sì
– mancano i dati, dobbiamo rimandare la discussione fino a quando non ci sono le statistiche
Рfar lavorare i poveri ̬ una elemosina non dignitosa per loro
– è una legge nazionale, cambiatela lì che avete tanti parlamentari
– non si può sorteggiare perchè nella legge c’è scritto “nomina”
– non si riesce a incrociare in excel l’elenco degli scrutatori con l’elenco dei disoccupati

Alla fine tutti insieme mi hanno chiesto di ritirare la mozione, io invece ho chiesto di portarla al voto in aula e allora centrodestra e centrosinistra all’unisono si sono alzati e hanno fatto mancare il numero legale per bloccarla; presenti solo noi (favorevoli), SEL e Scanderebech (astenuti).

La questione è quindi stata demandata alla conferenza dei capigruppo, organo più politico, che avrebbe dovuto ascoltare la commissione elettorale comunale; formalmente, difatti, la scelta degli scrutatori non è fatta dal consiglio comunale ma da questa commissione nominata a inizio mandato, contenente un assessore, due consiglieri di centrosinistra e uno di centrodestra. Prima seduta, il 3 marzo, i componenti della commissione (assessore a parte) non si sono presentati; idem il 7 marzo.

A quel punto abbiamo chiesto all’assessore di dirci perlomeno se la proposta era realizzabile; e così, martedì scorso, ci è finalmente stato risposto che dal punto di vista tecnico e normativo si poteva fare, utilizzando come criterio oggettivo di precedenza l’iscrizione alle liste dei centri per l’impiego (ex collocamento). Abbiamo scartato l’idea di aggiungere le persone che autocertificassero il proprio basso reddito, perché si prestava troppo facilmente a manipolazioni e falsificazioni.

Smarcati alcuni altri argomentoni come “i poveri non sono bravi a contare e metteremmo a rischio la democrazia”, e arrivati al momento in cui tutti erano obbligati a prendere posizione, il centrosinistra ha sostenuto la nostra proposta, mentre l’ex PDL ha lasciato la sala in disaccordo e Lega e centristi hanno chiesto il sorteggio puro e semplice. Dunque si è deciso di andare avanti con la nostra proposta, fatto salvo che adesso bisogna verificare che la commissione elettorale comunale non faccia le bizze rifiutandosi di ratificarla; se non ci saranno problemi, a breve potrebbe comparire un avviso sul sito del Comune che invita chi è iscritto a entrambi gli elenchi (scrutatori e disoccupati) a segnalarsi per ottenere la precedenza.

Ovviamente bisognerà controllare l’effettiva realizzazione della proposta; qualche consigliere di opposizione non ha fatto mistero di temere manipolazioni del sorteggio a favore dei partiti di centrosinistra, e in più vi è il problema delle numerose e frequenti rinunce, a fronte delle quali – se fatte all’ultimo – i presidenti di seggio possono nominare chi vogliono. Tuttavia, almeno siamo riusciti a introdurre il principio per cui la spartizione deve finire; un altro risultato portato a casa per i cittadini.

divider

6 commenti a “Fatto: gli scrutatori saranno estratti”

  1. Roby(della IX)-Torino-:

    GRANDEEEEEEEEEEEEEEEEEEE ! ..Non è affatto una vittoria irrilevante..parola di chi c’era nelle ultime 3 votazioni (regionale, comunali, politiche)..

  2. BigFab:

    Complimenti per il risultato, dovuto a convinzione nelle proprie idee e ferrea volontà.
    Ma le seguenti frasi:

    “far lavorare i poveri è una elemosina non dignitosa per loro”

    “i poveri non sono bravi a contare e metteremmo a rischio la democrazia”

    fanno semplicemente vomitare. Pur essendo allenati da decenni, non sono neanche capaci di mentire con intelligenza e buon gusto, viene voglia di tirare pomodori marci sulle giacche di questi eleganti signori!!!
    Ti faccio ancora i complimenti, a te come alla tua collega, nonché a tutti i m5s che fanno seriamente il proprio lavoro di cittadini nelle istituzioni, per riuscire a resistere davanti a queste facce di merda senza prenderli per il bavero della giacca.

  3. Orlando:

    Per difendere i loro clienti (dal latino clientes) i partiti non sanno più cosa inventare. E per i Presidenti di Seggio la situazione è ben peggiore: c’è gente che si tiene la carica come fosse un vitalizio. E per favore, non dirmi che li nomina il presidente della corte d’appello. Come mai ci sono SEMPRE gli stessi con tutti i laureati che fanno domanda? nel seggio di febbraio il Presidente era una signora semi-analfabeta: e non scherzo! però lavora per il Tribunale (a fare che, se non sa leggere né scrivere?) Meno male che c’era il segretario, perché sennò…

  4. mosk:

    Mi sembra un’ottima cosa. Che la nomina degli scrutatori fosse appaltata ai partiti era una cosa senza senso.

  5. Alessandra:

    Finalmente!! Io proporrei anche di segnalare ai Centri per l’Impiego chi, a seguito di chiamata e non munito di valida giustificazione, non accetta l’incarico. Che il rifiuto sia motivo di perdita di punteggio nella graduatoria.

  6. Luigi Capozzi:

    Sono stanco di vedere nel mio seggio , marito, moglie e figli…….. Ciao Vittorio ….. #vinciamonoi

 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2019 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike