Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Mer 1 - 1:21
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione

Archivio per il giorno 8 Aprile 2021


giovedì 8 Aprile 2021, 09:37

Il gioco della sedia

Tutti si sono scandalizzati per la provocazione di Erdogan nell’incontro diplomatico tra lui e le istituzioni europee, e per la mancata risposta da parte del presidente del Consiglio Europeo Michel. “Erdogan √® arrogante, maleducato e sessista e l’Europa avrebbe dovuto reagire”, √® il commento generale.

In diplomazia, per√≤, le cose non sono mai cos√¨ semplici, e cos√¨ dirette nel significato. Naturalmente Erdogan non ha fatto questo perch√© √® maschilista e voleva umiliare una donna, ma perch√© ha visto una opportunit√†: quella di spaccare e indebolire l’Europa, sottolineando che nel rapporto √® lui il pi√Ļ forte.

Intanto, in Europa vivono almeno dieci milioni di turchi, sette solo in Germania: una cifra enorme. Una parte di loro √® scappata dalla Turchia anche per motivi politici, ma una parte significativa, probabilmente preponderante, √® qui per lavorare ma √® orgogliosissima di essere turca, e in genere anche molto contenta di Erdogan. Gi√† solo per questo, l’Europa non pu√≤ permettersi di rompere i rapporti con lui, o rischia seri problemi interni e persino il terrorismo. Per Erdogan, rispondere in questo modo a una missione in cui l’Europa si presenta da lui col ditino alzato proprio per contestargli i diritti umani √® un modo per ribadire che nel rapporto tra Europa e Turchia √® la Turchia che comanda.

Simmetricamente, proprio perch√© eravamo stati noi a chiedere l’incontro, era diplomaticamente impossibile per i due leader europei contestare apertamente la situazione. Questo avrebbe creato un incidente diplomatico che avrebbe vanificato l’intero viaggio, e che gli avrebbe pure fatto fare la figura dei polli col resto del mondo. Si sono messi in una situazione in cui potevano solo subire.

Ma quel che Erdogan sapeva – e che sanno tutti – √® che l’Europa non √® affatto unita. Se notate, mentre la scontentezza di Von der Leyen √® emersa subito (e lei si √® subito fatta supportare dal suo partito, l’EPP), Michel ha impiegato 36 ore a rispondere. L’ha fatto solo perch√© stava venendo preso a pesci in faccia da tutta la pubblica opinione, ma la sua posizione iniziale, ribadita per tutte le 36 ore dal suo staff, era che l’incidente era deplorevole ma alla fine era giusto cos√¨, perch√© lui non √® alla pari di Von der Leyen, ma pi√Ļ alto in grado; cosa che, se notate, ai media √® stata detta e fatta dire sin da subito.

Del resto, l’idea che in un incontro diplomatico si facciano “sorprese”, e la parte ospite non abbia idea di come funzioner√† l’incontro, √® ridicola: generalmente tutto, compresa la disposizione delle sedie, viene discusso e concordato prima nel dettaglio. Pu√≤ darsi che Erdogan abbia fatto un agguato, ma pu√≤ anche darsi che il suo staff e quello di Michel abbiano concordato questa sistemazione, e che lui ci abbia visto una opportunit√† per ribadire che lui, nonostante a livello mediatico nessuno lo caghi e la maggior parte degli europei manco sappia che esiste, conta pi√Ļ di Von der Leyen, non pensando che la cosa sarebbe finita sui giornali in questo modo.

E infatti, ancora nel suo messaggio Michel non dice che i turchi hanno sbagliato, ma che hanno interpretato il protocollo in maniera troppo stretta (sottinteso: lui invece avrebbe graziosamente concesso alla sua sottoposta di sedergli vicino). Al contrario, lo staff di Von der Leyen dice che lei è esattamente pari grado di Michel e che il protocollo è stato sbagliato: una cosa molto diversa. I due staff, come racconta Politico, sono andati avanti per tutto il giorno a ripetere con fermezza in pubblico cose opposte.

E’ questa la genialit√† diplomatica di Erdogan: ha messo il dito nella piaga vera, cio√® nel fatto che “in Europa non si sa chi comanda”. Ed √® vero, perch√© le tre istituzioni fondamentali – Commissione, Parlamento e Consiglio – finiscono spesso a litigare sulle reciproche competenze invece che a lavorare insieme per l’Europa. E’ vero perch√© le procedure per arrivare a una decisione senza scontentare nessuno sono talmente lunghe e complesse che quasi tutto richiede anni, e non di rado non arriva mai in porto (qualcuno ha visto la nuova legge sui cookies in discussione dal 2016?).

Noi europei siamo talmente rincoglioniti che questo lo facciamo passare come un valore: siamo tutti fratelli e decidiamo solo se siamo tutti d’accordo e se qualcuno non √® d’accordo passiamo tanto tempo a parlare per non rompere la nostra amicizia. La realt√† √® che questo √® il meno peggio che possiamo fare, in un continente in cui la maggior parte delle persone si sente ancora orgogliosamente irlandese, olandese, italiana, polacca o portoghese invece che europea, e nessuna capitale europea vuole pi√Ļ cedere un briciolo di potere a Bruxelles, anzi. Ma quello che tendiamo a dimenticare √® che la nostra elevata democrazia e la complicazione burocratica delle nostre procedure hanno un costo crescente, come dimostra anche l’impietoso confronto con il resto del mondo occidentale sulle vaccinazioni.

Sarebbe eccessivo biasimare Michel e von der Leyen for questa situazione, che loro hanno soltanto ereditato. Ma forse, tra tanti orizzonti 2027 e piani strategici, sarebbe opportuno porsi davvero il problema di come ripensare la struttura dell’Unione Europea in modo che sia chiaro a tutti chi comanda.

divider
 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2021 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike