Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Lun 20 - 18:51
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione
martedì 25 Aprile 2006, 16:01

Liberazione

Vi avverto, questo è un post serio e sconsigliato ai deboli di cuore. Difficile. Doloroso, anche.

E’ che oggi (o dopodomani, a seconda di quel che si crede, e di come si conta) √® il secondo anniversario di un evento che ha cambiato tante vite. Un suicidio, per la precisione. Una liberazione, forse.

Alla fine, nessuno √® veramente in grado di sapere cosa spinge un’altra persona a togliersi la vita; nel caso specifico, la mia conoscenza era alquanto superficiale, e anche le notizie indirette che ho avuto dopo non sono molto indicative. Eppure, uccidersi √® sempre una liberazione, dai propri fantasmi, dalle proprie paure, dalle proprie insicurezze, da un corpo che si odia o da una vita che non si accetta, e soprattutto da una immagine di s√® troppo misera rispetto a un modello troppo perfetto. E io resto sicuro che una persona intelligente ed autoironica non possa non aver colto l’ultima, beffarda ironia racchiusa nella data; nella scelta di una definitiva, dolce festa della Liberazione.

La mia esperienza in merito – ed √® bello ora, dopo due anni, poterne parlare con serenit√† – avvenne subito dopo, e ne fu in un certo senso, ma solo superficialmente, una conseguenza diretta. E’ in base a quello – una specie di giro all’inferno e ritorno, o se preferite una divina commedia – che mi rendo conto di quanto alterata possa essere la percezione della realt√† in certi momenti della propria vita; per motivi neurologici, ma anche per via di tutte quelle ipotesi che sviluppiamo per anni nel nostro mondo interiore, e che diventano talmente scontate da non essere nemmeno pi√Ļ visibili coscientemente, tanto da stringere il cervello e il cuore in una morsa invisibile da cui non si pu√≤ scappare.

Io sono stato fortunato; per me, quella terribile primavera di due anni fa √® stata l’inizio di un lungo e lento percorso di crescita, che credo mi abbia cambiato molto, arrivando piano piano ad attaccare alla base le ipotesi che mi impedivano di essere in pace con me stesso. E se la strada √® ancora lunga, da qualche tempo il mio animo mi dice che finir√† bene.

Allo stesso tempo, guardandosi dietro, √® impressionante vedere come quegli avvenimenti abbiano cambiato tante vite, e lasciato tracce indelebili. Per me, tutto ci√≤ ha significato perdere persone a cui tenevo molto o anche pi√Ļ che a me stesso, rovinare amicizie, lasciare di botto circoli sociali che avevo frequentato per anni, insomma cambiare radicalmente la mia vita; ha significato due anni veramente pesanti e difficili. Altre delle persone coinvolte sono state colpite altrettanto se non di pi√Ļ; alcune serbano ancora oggi rimpianti o rancori incrollabili, verso i vivi e verso i morti; e credo li serberanno per tutta la vita.

In un certo senso, √® come nel biliardo, quando una sola palla colpisce con violenza inaudita un gruppo ordinato ed intonso di altre bocce, e le scaglia in direzioni casuali, allontanandole l’una dall’altra; alcune finiscono in buca, altre in un angolo, altre restano l√¨, rimanendo sole; e alla fine, l’intero tavolo nel suo insieme appare completamente sconvolto.

Chi mi conosce ricorda che, in quel periodo, di suicidio e di etica del suicidio parlavo spesso, e in abbondanza. Quel che posso dire, a posteriori, √® che pur non condividendola mi risulta molto pi√Ļ facile capire quella condanna totale del suicidio, morale e sociale, che fa la Chiesa cattolica cos√¨ come molte nazioni del mondo, in virt√Ļ del fatto che la distruzione della propria persona non √® soltanto, nell’ambito dell’armonia dell’universo mondo, uno spreco in s√®, ma √® anche la radice di ulteriore dolore. Questo per√≤ nulla toglie all’immensa sofferenza che prepara, giustifica e porta a un atto del genere, di fronte alla quale la morte √® davvero una liberazione.

E perci√≤, tutto sommato, credo che non si possa fare altro che accettare l’infinito Mistero della vita e della morte, e sperare che il dolore dei vivi e dei morti possa un giorno infine placarsi.

così vanno le cose, così devono andare

divider

6 commenti a “Liberazione”

  1. Piero:

    Il suicidio nasce da una condizione di disagio fisico o spirituale/sentimentale che si prolunga nel tempo fino a diventare non pi√Ļ sopportabile. Come dici tu, il suicidio diventa, in questo caso, una liberazione da questo disagio. E’ una via di fuga. Si scappa dalla vita scegliendo la morte.

    Il suicidio può essere condannato, compreso, giustificato, tollerato, biasimato, a seconda dei vari punti di vista e a seconda della sensibilità e misericordia di ognuno di noi.

    Il suicidio di una persona non fa altro che denunciare il fallimento di tutto il contesto sociale in cui quella persona ha vissuto. Significa che c’√® qualcosa che non funziona in quell’ambiente, in quella societ√† in cui il suicida √® cresciuto e ha vissuto.

    Il disagio o la sofferenza che pu√≤ portare qualcuno a suicidrsi √® spesso conseguenza di false promesse, di false verit√† che l’ambiente in cui √® cresciuto lo ha abituato, ingannandolo.

    Tutto sta nello smascherare e riconoscere quelle false verit√†, illusioni di questo mondo, per rifiutarle e accogliere la Verit√† che sta dentro di noi e che troviamo gi√† scritta da 2000 anni nel Vangelo e che possiammo sintetizzare in una semplice e umile parola: Amore, inteso come carit√†: dono gratuito e incondizionato della propia vita al prossimo, per amore di Ges√Ļ.

  2. vb:

    Devo dire che, dopo questa esperienza e dopo il percorso che ne √® seguito, ho finalmente capito il concetto di “amore universale”, che prima mi sembrava solo una vuota ed ipocrita espressione. Quant’√® diverso dall'”amore” che viene sbandierato dalla nostra societ√†, e che invece √® spesso solo gelosia, possessivit√†, ossessione… Ora mi √® davvero possibile comprendere veramente il messaggio pi√Ļ profondo, del cristianesimo e di tante altre religioni e filosofie; da qui a metterlo in atto, naturalmente, ci vuole ancora un altro po’ di miglioramento spirituale.

  3. franco:

    il suicidio √® figlio dei fallimenti della vita, intesa come percorso non obligato, e a lungo andare, col passare del tempo riconoscere di non essere riuscito a “svoltare” nei momenti giusti pu√≤ portare a questo gesto estremo quello che frena me personalmente e la paura ed il rimorso delle persone che mi stanno vicino anche se non sono mai riusciti a cogliere in me queste debolezze.

  4. emy:

    si, forse la censura che la Chiesa Cattolica effettua pu√≤ essere giusta se non altro per evitare la superficialit√† con cui questa estrema liberazione potrebbe essere attuata, di contro per√≤ vi sono situazioni in cui essa √® l’ unica uscita e non giustificarla, non dare una sorta di alibi morale per questa azione pu√≤ portare alla conclusione peggiore, vivere una vita autodistruttiva perch√® non si ha coraggio di farla finita e non credo nemmeno sia giusto, vorrei chiedere di pubblicare l’ etica del suicidio, ne ho riflettuto molto anch’ io certo, non sono un tecnico dell’ argomento, ma conosco la sofferenza pi√Ļ vera e forse so che la prigione del vivere pu√≤ essere peggiore di qualunque soluzione moralmente estrema per la propria autodistruttivit√†.
    è tutto qui, forse la verità stà nel mezzo, senza esagerare, forse serve solo non giudicare, non condannare, forse basta capire anche per risolvere il problema alla radice.
    grazie per parlare di ciò.

  5. rossella:

    considero il suicidio l’espressione massima di libert√† dell’individuo…

  6. hiroshige:

    pienamente d’accordo con il commento di rossella

 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2019 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike