Sky
Vittorio vb Bertola
Fasendse vëdde an sla Ragnà dal 1995

Dum 14 - 10:59
Cerea, përson-a sconòssua!
Italiano English Piemonteis
chi i son
chi i son
guida al sit
guida al sit
neuve ant ël sit
neuve ant ël sit
licensa
licensa
contatame
contatame
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vej blog
vej blog
përsonal
papé
papé
fotografie
fotografie
video
video
musica
musica
atività
net governance
net governance
consej comunal
consej comunal
software
software
agiut
howto
howto
internet faq
internet faq
usenet e faq
usenet e faq
autre ròbe
ël piemonteis
ël piemonteis
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
vej programa
vej programa
travaj
consulense
consulense
conferense
conferense
treuvo travaj
treuvo travaj
angel dj'afé
angel dj'afé
sit e software
sit e software
menagé
login
login
tò vb
tò vb
registrassion
registrassion

Archivio per il giorno 4 Gennaio 2007


giovedì 4 Gennaio 2007, 10:27

Eppur si muove

Probabilmente √® una questione tecnica che interessa direttamente pochi di voi, ma da questa settimana √® in vigore un cambiamento storico: con solo una quindicina d’anni di ritardo, l’ITU – l’agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di standardizzazione delle telecomunicazioni – ha deciso di rendere gratuitamente disponibili in PDF i propri standard attualmente in uso.

Nell’era di Internet, gli standard dell’ITU effettivamente fondamentali sono ormai pochi; comunque, che vogliate costruire un modem 56k (raccomandazione V.90), implementare un sistema di sicurezza per la posta elettronica (X.509) o imparare le reti a pacchetto dell’era pre-Internet (X.25) – o magari accedere a questi documenti per studiarli -, ora potete almeno leggere lo standard gratuitamente.

Il segno del cambiamento, difatti, √® soprattutto simbolico. L’ITU, difatti, √® stata sin dalla met√† dell’Ottocento il luogo dove si realizzavano gli standard delle telecomunicazioni, mediante lunghe negoziazioni tra rappresentanti dei governi e delle telecom monopoliste nazionali. Tutto questo √® andato improvvisamente in crisi negli anni Novanta, quando il modello di rete a pacchetto definito dall’ITU, l’OSI, fu sorprendentemente trascurato dal mondo a favore del TCP/IP di Internet. Ci sono vari motivi per cui ci√≤ √® avvenuto, ma uno dei maggiori √® proprio che gli standard TCP/IP, memorizzati nelle cosiddette RFC, sono sempre stati sviluppati in modo aperto a tutti e resi disponibili elettronicamente senza costi, mentre per partecipare alla definizione degli standard dell’ITU bisogna esserne membri – non tutti lo possono essere, e costa parecchio – e anche solo per leggerli, fino a ieri, bisognava pagare botte di 15-20 euro l’uno.

L’ITU sta lottando da anni per non scomparire, ingoiata dalla decentralizzazione e dalla privatizzazione della governance delle telecomunicazioni; questa mossa √® un segno che infine, pur con la lentezza delle grandi burocrazie, qualcosa sta cominciando a capire.

divider
 
Creative Commons License
Cost sit a l'è (C) 1995-2024 ëd Vittorio Bertola - Informassion sla privacy e sij cookies
Certidun drit riservà për la licensa Creative Commons Atribussion - Nen comersial - Condivide parej
Attribution Noncommercial Sharealike