Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Sab 28 - 11:53
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione

Archivio per il giorno 4 Giugno 2009


giovedì 4 Giugno 2009, 18:18

Non votiamo Gramellini

Stamattina ero alla registrazione dell’ultima tribuna elettorale (vi prometto prossimamente un altro dietro le quinte) e alcuni candidati si dicevano l’un l’altro: hai visto Gramellini? Già, perché stamattina il Buongiorno è sceso in campo in modo piuttosto pesante: proponendo sulla prima pagina della Stampa l’astensionismo generalizzato alle elezioni provinciali.

E allora è forse il caso di dire alcune cose: la prima è che la Provincia si occupa di questioni vitali come la tutela dell’ambiente, la raccolta dei rifiuti, la pianificazione dei trasporti pubblici, le strade intercomunali, la formazione dei giovani, l’edilizia scolastica e altre ancora. Allora, sono onestamente stufo di andare a dibattiti di vario genere, cercando di parlare di energie rinnovabili, di progetti di sviluppo, di mobilità alternativa, di crisi e lavoro, e trovarmi invece continuamente di fronte alle domande sull’abolizione delle province, dovendo parlare sempre e solo di quello.

Certamente sono state create ultimamente molte province ridicole, da quelle sarde alla Batprovincia (Barletta-Andria-Trani), nate solo per creare “occupazione” di tipo clientelare e per sollecitare a fini elettorali gli orgogli di campanile. Eppure le competenze della Provincia sono quanto di più importante c’è per la nostra qualità della vita quotidiana, almeno al livello del Comune e sicuramente più della Regione.

E’ probabile che nel medio-lungo termine le province si possano abolire e questi compiti possano essere redistribuiti ad altri enti, anche se i Comuni sono chiaramente troppo piccoli per occuparsi da soli di viabilità extraurbana o di raccolta rifiuti, e qualche forma di aggregazione finirà per volerci comunque. Ma è altrettanto vero che queste attività non spariranno, che qualcuno se ne dovrà pur occupare; e che fino a che l’istituzione esiste, è importante che sia governata bene, nell’interesse dei cittadini, senza sprechi e senza mafie.

E’ ridicolo poi l’argomento secondo cui “se tanta gente si asterrà allora le aboliranno”. Ma veramente? I politici italiani? I vari partiti sarebbero solo contenti se nessuno andasse più a votare, perché avrebbero campo libero; perché basterebbero relativamente pochi voti manipolati per clientele o per organizzazione sul territorio a decidere le elezioni.

Anzi, credo che alcuni dei nostri poteri forti abbiano proprio questo in mente: rendere la gente talmente schifata dalla politica da spingerla a non votare più, anzi a criticare le stesse istituzioni democratiche e a chiederne a gran voce l’abolizione, magari per acclamare l’“uomo forte” del momento, che elimini tutti i maledetti politici… e la democrazia insieme a loro.

Fa specie che caschi in questa logica distorta e autolesionista pure Gramellini; e davvero rincuora vedere come nei commenti moltissimi lettori, forse la maggioranza, gli diano apertamente torto. Perché se le istituzioni sono gestite male la soluzione non è eliminarle, ma cambiare chi le gestisce; attivarsi dal basso e riportarle al loro stato originario, nelle mani e al servizio dei cittadini.

P.S. L’ultimo dibattito televisivo, con la mia presenza e quella di Claudia Porchietto, è invece stasera alle 21 su Telecity 7 Gold.

divider
 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2020 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike