Sky
Vittorio vb Bertola
Wandering on the Web since 1995

Thu 4 - 14:33
Hello, unidentified human being!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
about me
about me
site help
site help
site news
site news
license
license
contact me
contact me
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
old blogs
old blogs
personal
documents
documents
photos
photos
videos
videos
music
music
activities
net governance
net governance
town council
town council
software
software
help
howto
howto
internet faq
internet faq
usenet & faqs
usenet & faqs
stuff
piemonteis
piemonteis
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
ancient software
ancient software
biz
consultancy
consultancy
talks
talks
job placement
job placement
business angel
business angel
sites & software
sites & software
admin
login
login
your vb
your vb
register
register

Archivio per il giorno 4 Dicembre 2010


sabato 4 Dicembre 2010, 12:22

Internet e Costituzione

Ho seguito in diretta, luned√¨ a Roma, la sessione in cui Stefano Rodot√† ha lanciato la proposta di un articolo 21 bis della Costituzione, dedicato a difendere e promuovere il diritto dei cittadini di accedere a Internet: “Tutti hanno eguale diritto di accedere alla Rete Internet, in condizione di parit√†, con modalit√† tecnologicamente adeguate e che rimuovano ogni ostacolo di ordine economico e sociale.”.

La proposta è attivamente supportata dalla rivista Wired Italia, con tanto di raccolta firme, il che ha fatto storcere il naso a molti perché tale rivista non è nuova a lanciare progetti altisonanti (il precedente era il premio Nobel per la Pace a Internet) con lo scopo probabile di farsi pubblicità; credo sia questa, sotto sotto, la vera ragione di alcuni dei pareri negativi circolati in rete. Altri, invece, dicono semplicemente che la tecnologia non è argomento costituzionale.

Io credo che sia importante capire che ci√≤ che si vuole difendere non √® uno specifico sistema di telecomunicazione – altrimenti ci si dovrebbe chiedere perch√© la Costituzione non parli del telefono – ma il modello di interazione sociale, primo nella storia delle comunicazioni, che √® sotteso al concetto originario di Internet: l’idea di una rete orizzontale, neutrale, basata sulla condivisione alla pari, aperta a tutti per scambiarsi idee, contenuti, proposte di azione. Il mezzo di comunicazione √® irrilevante, tanto √® vero che Internet √® stata concepita per funzionare su qualsiasi mezzo, piccioni viaggiatori inclusi.

Per questo credo che la proposta di Rodot√† sia importante e meritoria, ma manchi di un elemento necessario: quello che chiarirebbe appunto che ci√≤ che si vuole difendere non √® una tecnologia ma una pratica democratica di condivisione e organizzazione dal basso, che permette la realizzazione delle persone e dei loro diritti in modo mai visto prima, e che provvede a una redistribuzione del potere dall’alto verso il basso (e qui permettetemi di linkare il mio paper scientifico che un giornale britannico, il Journal of Information, Communication and Ethics in Society, ha pubblicato da poco dopo due anni di peer review, e che parla appunto del rapporto tra Internet e potere).

In particolare secondo me sarebbe molto importante citare due dei vari diritti esercitabili tramite Internet, quello alla condivisione di idee e contenuti e quello ad associarsi dal basso; per il resto ovviamente si può fare riferimento ai diritti inviolabili già sanciti dalla Costituzione e dalla Carta di Nizza.

In assenza di questo, il rischio √® che ci venga dato accesso a una rete Internet che non √® altro che un grosso ripetitore di trasmissioni televisive e giornali di regime, disabilitando le possibilit√† di comunicazione e di azione dal basso. Questo √® un rischio ancora maggiore di quello legato alla difficolt√† dell’accesso; ed √® a questo che una azione costituzionale secondo me dovrebbe essere orientata.

divider
 
Creative Commons License
This site (C) 1995-2021 by Vittorio Bertola - Privacy and cookies information
Some rights reserved according to the Creative Commons Attribution - Non Commercial - Sharealike license
Attribution Noncommercial Sharealike