Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Mer 30 - 12:11
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione

Archivio per il giorno 4 Febbraio 2011


venerdì 4 Febbraio 2011, 14:18

Raphael Rossi, il Comune e i cittadini

Sicuramente conoscete la vicenda di Raphael Rossi, consigliere di amministrazione dell’Amiat che ha bloccato una delibera di acquisto da quattro milioni di euro rendendosi conto che non serviva a nulla, e a cui i dirigenti Amiat dell’epoca avrebbero offerto una tangente per chiudere un occhio, tangente che lui ha rifiutato chiamando i carabinieri. In queste settimane si √® svolta l’udienza preliminare e ieri √® arrivata la prima decisione: tutti gli imputati sono stati rinviati a giudizio (uno ha direttamente patteggiato).

Lo scandalo nello scandalo √® per√≤ avvenuto quando, subito prima di Natale, il Comune di Torino ha deciso di non costituirsi parte civile nel processo. In un processo penale, la costituzione di parte civile serve a dichiararsi parte lesa: nel processo (a differenza del processo civile) √® lo Stato ad essere controparte degli imputati, ma chi ha subito danno dal reato pu√≤ diventare parte civile ed eventualmente ricevere poi un risarcimento. Un gran numero di costituzioni di parte civile, di fatto, dimostra anche l’interesse pubblico nel processo stesso.

Il Comune ha dichiarato che per loro era sufficiente la costituzione della stessa Amiat, ma la sostanza √® ben diversa: non costituirsi parte civile √® un modo per prendere politicamente le distanze dalla coraggiosa denuncia di Raphael. Non vi sembri strano: persone che partecipano attivamente ai circoli ecologisti della nostra citt√†, ambienti progressisti e di sinistra, hanno riportato che quando si tocca l’argomento scattano gli imbarazzi, e anzi molti dicono esplicitamente che “cos√¨ non si fa”, che va bene bloccare la delibera ma denunciare no, che non si portano in pubblico i panni sporchi dell’amministrazione cittadina, “che poi se no vincono la Lega e i qualunquisti”.

(Queste frasi mi hanno ricordato di quando noi andammo a contestare Schifani alla festa del PD e alla fine alcuni dirigenti PD si avvicinarono a noi in privato e ci dissero: “va bene contestare per richiamare le telecamere, ma cos√¨ non si fa, dopo un po’ dovete smettere e lasciarci fare il comizio”. Loro non capivano che uno potesse contestare perch√© veramente indignato dal fatto e non per ottenere un passaggio televisivo; e si riferivano per√≤ a regole non scritte del teatrino politico che evidentemente noi non conosciamo.)

Comunque, dopo essermi indignato, io ho pensato un’altra cosa: ma il Comune mica √® Chiamparino. Il Comune siamo noi, tutti i torinesi; e la corruzione nelle aziende di servizi danneggia tutti noi. Se l’Amiat butta via quattro milioni di euro in modo clientelare, poi la TARSU dovr√† aumentare, oppure aumenter√† il gi√† enorme buco di bilancio del Comune. Ognuno di noi soffre dalla corruzione un danno economico diretto e ben preciso!

E cos√¨, ho tentato l’impossibile: ho tentato di costituirmi personalmente parte civile nel processo. Subito dopo le vacanze sono andato in tribunale, a cercare di parlare con il PM Pellicano: una scena surreale. Sono salito su negli uffici, ho percorso i corridoi fino a trovare la stanza giusta, numero 61401. Lui non c’era, c’era la segretaria; le ho spiegato brevemente cosa volevo fare. Lei mi ha guardato con gli occhi sbarrati e ha detto: “ma scusi, ma allora se √® parte lesa lei lo √® chiunque, lo sarei anch’io!”. Brava signora, vedo che ha capito.

Alla fine, comunque, non ci sono riuscito. Il PM ha avuto problemi personali, le udienze sono state rinviate – ma (con mia sorpresa, credevo che i processi fossero pubblici – si vede che non sono pratico di processi?) si sono svolte a porte chiuse. Ho chiesto ovviamente a Raphael, anche per assicurarmi che l’iniziativa fosse a lui gradita e non controproducente per l’accusa; lui √® stato gentilissimo e ha gradito l’idea, ma mi ha detto che la vedeva difficile. Ho interpellato un’amica avvocato e competente in materia, che mi ha confermato che era praticamente impossibile che un giudice accogliesse la mia richiesta; √® gi√† difficile che vengano accettate le costituzioni di parte civile delle associazioni (so che ci stava provando Legambiente ma non so come sia finita), quella di un singolo cittadino √® fantascienza.

Eppure non capisco perch√©: il Comune non √® un sindaco-amministratore delegato, un assessore-manager che parla di “risultato economico” del “gruppo Citt√† di Torino” (caro Passoni parlo di te) o un gruppetto di dirigenti che rispondono solo a se stessi. Il Comune siamo tutti noi, e non √® assolutamente solo uno slogan.

P.S. In molti mi hanno chiesto perch√© non portiamo Raphael Rossi nel Movimento, perch√© non lo candidiamo. Con Raphael c’√® collaborazione, solidariet√† massima per la sua vicenda, grande stima; ma lui √® tesserato di un partito (Rifondazione) e ha altre idee politiche (sul suo vecchio profilo Facebook c’era scritto “idee politiche: Cuban Communist Party”). Non c’√® niente di male nell’essere comunisti, ma noi non vogliamo portare nelle istituzioni quell’ideologia – n√© alcuna ideologia; ci√≤ non toglie che, sulle questioni in cui la pensiamo allo stesso modo, agiremo insieme senza problemi.

divider
 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2020 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike