Sky
Vittorio vb Bertola
Fasendse vëdde an sla Ragnà dal 1995

Vën 2 - 7:02
Cerea, përson-a sconòssua!
Italiano English Piemonteis
chi i son
chi i son
guida al sit
guida al sit
neuve ant ël sit
neuve ant ël sit
licensa
licensa
contatame
contatame
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vej blog
vej blog
përsonal
papé
papé
fotografie
fotografie
video
video
musica
musica
atività
net governance
net governance
consej comunal
consej comunal
software
software
agiut
howto
howto
internet faq
internet faq
usenet e faq
usenet e faq
autre ròbe
ël piemonteis
ël piemonteis
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
vej programa
vej programa
travaj
consulense
consulense
conferense
conferense
treuvo travaj
treuvo travaj
angel dj'afé
angel dj'afé
sit e software
sit e software
menagé
login
login
tò vb
tò vb
registrassion
registrassion

Archivio per il giorno 4 Marzo 2013


lunedì 4 Marzo 2013, 16:04

La televisione che uccide?

Il video che vedete qui sopra, ripreso da Repubblica, ha fatto il giro del Web: durante un sopralluogo ufficiale, due consiglieri comunali, Viale (radicale del PD) e Liardo (PDL), vengono praticamente alle mani. Io c’ero in mezzo e devo dire che l’intera scena √® stata pi√Ļ ridicola che altro, ma adesso vorrei invece raccontarvi qual √® la questione che suscita tanto accanimento, e che √® stata purtroppo un po’ oscurata dalla rissa.

La stradina del video √® quella che separa dalle case e dai loro abitanti il teleporto di via Centallo, una struttura costruita per fare fronte alle esigenze di comunicazione delle Olimpiadi, e che √® in funzione da allora. In pratica, si tratta di un’area con una dozzina di enormi parabole, di diversi metri di diametro, che trasmettono e ricevono segnali televisivi e Internet dai satelliti in orbita geostazionaria attorno alla Terra.

Per poter raggiungere i satelliti, situati nello spazio a decine di migliaia di chilometri, il flusso elettromagnetico emesso deve essere piuttosto intenso; d’altra parte, non servirebbe a nessuno sprecare energia per mandare il segnale sulle case adiacenti anzich√© sul satellite, per cui si tratta di onde fortemente concentrate nella direzione del satellite stesso, ovvero dirette verso il cielo. Secondo i progetti di questi apparati, nonch√© secondo le misurazioni dell’ARPA, che ha lasciato le proprie apparecchiature di misura in funzione per anni, il campo elettromagnetico generato da queste onde sulle case vicine √® trascurabile, ampiamente dentro i limiti di legge, e non pu√≤ avere alcun effetto nocivo.

Tuttavia, secondo gli abitanti di queste case, la realt√† √® completamente diversa. Essi lamentano disturbi di ogni genere, tra cui impossibilit√† di dormire, bruciature sulla pelle, stordimento, dolori. Raccontano che uno di loro √® stato visitato e diagnosticato come se fosse sotto l’effetto di droghe, pur non avendo mai preso niente. Dicono che di notte le antenne vengono girate e rivolte verso le case (secondo i gestori, questo pu√≤ avvenire solo poche volte l’anno, a segnali spenti, per fare manutenzione). E’ evidente a chiunque parli con loro che non stanno bene; l’ASL, in un rapporto preliminare, ha parlato di “psicopatologia” e auspicato lo spostamento degli impianti (si attende lo studio definitivo).

Il teleporto √® della societ√† Skylogic, del gruppo Eutelsat, che l’ha costruito su un terreno gi√† utilizzato da Telecom Italia. In questo impianto lavorano alcune decine di ingegneri e tecnici specializzati, che in caso di trasferimento dell’impianto potrebbero perdere il lavoro; spostare un impianto del genere richiede tempo e denaro, e a quel punto tanto varrebbe accorpare queste funzioni in impianti analoghi in altre parti d’Italia.

Il problema di fondo √® che l’inquinamento elettromagnetico √® ignoto e sfuggente, e non cos√¨ noto, almeno negli effetti a lungo termine, come si vorrebbe. Ormai √® acclarato che “troppe onde fanno male”, ma non c’√® accordo su quante, quali, per quanto tempo; anche i limiti di legge sono fissati in maniera piuttosto aleatoria.

Per questo, mentre nel caso scandaloso del colle della Maddalena il danno alla salute √® riconosciuto da tutti, e tutti i limiti di legge sono superati da vent’anni, in questo caso √® difficile arrivare a un’analisi comune, e dopo il titolo ci vuole il punto interrogativo.

Per i fisici dell’ARPA e gli ingegneri delle telecomunicazioni, qualsiasi sintomo mostrato dagli abitanti √® psicosomatico, o al massimo √® il risultato di una incredibile sensibilit√† personale ai campi elettromagnetici; per loro, non c’√® alcuna ragione per cui l’impianto si debba spostare. Per gli abitanti, i limiti di legge non sono abbastanza cautelativi; le misurazioni dell’ARPA non sono credibili, non sono fatte nel modo, nel momento o nel posto giusto; e loro stanno venendo ammazzati lentamente per via dei grandi interessi economici che ruotano dietro alla televisione e alle telecomunicazioni, e che controllano anche la politica.

Alla fine, √® comunque chiaro che un problema di igiene pubblica esiste; nel momento in cui decine di persone non riescono pi√Ļ a vivere in salute in casa propria, fa davvero differenza che sia un effetto fisico o un disturbo psicosomatico? Purtroppo, l’errore √® stato fatto nel 2006 quando si √® scelto di mettere le parabole l√¨, davanti alle case; ora tutti pensano che sarebbe meglio se quelle parabole fossero da un’altra parte, ma √® difficile capire come si possa imporre legalmente lo spostamento o la chiusura di un impianto industriale che, secondo le autorit√† preposte alla salute ambientale, rispetta tutte le norme in materia. E allora, nessuno sa pi√Ļ bene come uscirne.

[tags]telecomunicazioni, teleporto, inquinamento elettromagnetico, elettrosmog, televisione, torino, via centallo[/tags]

divider
 
Creative Commons License
Cost sit a l'è (C) 1995-2023 ëd Vittorio Bertola - Informassion sla privacy e sij cookies
Certidun drit riservà për la licensa Creative Commons Atribussion - Nen comersial - Condivide parej
Attribution Noncommercial Sharealike