Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Mer 20 - 9:21
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione
domenica 3 Marzo 2013, 10:42

Per i nostri portavoce

In queste ore in cui voi, i nuovi parlamentari a cinque stelle, vi apprestate a calare su Roma, vorrei condividere con voi e con tutto il Movimento alcune riflessioni personali.

A me è capitato più volte di frequentare in qualche occasione ambienti romani – i ministeri, il Parlamento, gli studi televisivi. Mi è capitato in diverse epoche e con diversi ruoli, dal rappresentante degli studenti all’attivista per i diritti digitali, ma mai con posizioni di potere come quella del parlamentare. Eppure, persino a me è regolarmente successo di trovare ogni volta qualche personaggio d’apparato, un perfetto sconosciuto, pronto a sdilinquirsi in lodi sperticate a prescindere; posso solo immaginare cosa succederà a voi.

Perciò, quando leggo resoconti che aprono il cuore come questo, in me scatta il campanello d’allarme. Se parlate con un semplice impiegato che vi dice sottovoce quanto sia contento del rinnovamento, posso ben credere che sia sincero. Se però ve lo dice un conduttore televisivo o un dirigente di un ministero, ovvero qualcuno che non potrebbe essere lì se non avesse avuto il beneplacito di almeno un partito, drizzate le orecchie, perché molti si stanno semplicemente “riposizionando” per non perdere il posto qualora il Movimento andasse in futuro a governare.

Questo fenomeno purtroppo si intreccia ora con la formazione del nuovo governo. Sappiamo benissimo che molti dei nostri parlamentari (e non solo loro, è successo pure a me) stanno venendo contattati, direttamente o indirettamente, da piddini e montiani, con la preghiera di “far ragionare Grillo perché accetti l’alleanza”. Molto di questo tentativo si basa appunto sulle lusinghe organizzate: gli stessi giornali che hanno buttato merda fino a venerdì, ora verranno a intervistarvi parlando di voi come giovani geni della politica, destinati sicuramente a fare il presidente di commissione o magari della Camera, o persino il ministro, se si fa l’accordo.

Avrete notato come tutti i media di centrosinistra improvvisamente abbiano ricominciato a battere sulla democrazia interna del Movimento, sul fatto che devono decidere i parlamentari e non Grillo; persino uno come Bracconi, che da anni vomita attacchi e maldicenze su di noi, oggi si dedica a questo. Che agli italiani della democrazia interna al Movimento non freghi niente è dimostrato dai risultati elettorali (a proposito, quand’è che Favia si dimette?), ma il messaggio è per voi: “scaricare Grillo è giusto, voi adesso siete più importanti e più intelligenti di lui, fate voi l’alleanza, prendete voi in mano il Movimento, farete giustizia e in più avrete ciò che meritate: potere, visibilità, adulazione”.

Inutile dirvi che poi il vostro potere e la vostra visibilità durerebbero una mezza stagione, come appunto quelli di Favia, perché in politica il potere ce l’ha chi porta voti (o in alternativa soldi) e no, mi spiace, i voti al M5S non li avete portati voi. Ma il potere dà alla testa, il potere corrompe e porta le persone a non poterne più fare a meno, le trasforma in mostri pronti ad accoltellarsi per un’ospitata a Ballarò.

Per questo non mi sono molto piaciute alcune delle interviste che avete rilasciato, tipo questa o questa. Non mi è piaciuto dover leggere affermazioni come “il premier non sarebbe Grillo ma lo sceglieremo tra noi parlamentari” e “da Napolitano ci andremo noi”. Spero che siano solo leggerezze dettate dall’entusiasmo.

Infatti, noi vi abbiamo eletti per fare le leggi, anzi, per coordinare un lavoro di rete nella stesura di nuove proposte di legge e nell’analisi delle proposte degli altri, in qualità di portavoce. Non vi abbiamo eletti per discutere dell’organizzazione nazionale del Movimento e nemmeno di ministeri e di alleanze, che sono state escluse fin dal principio nelle regole che avete firmato solo tre mesi fa per candidarvi.

E’ chiaro, ve lo dico per esperienza, che non potrete consultare sempre tutti su tutto e dovrete assumervi la responsabilità di prendere posizione da soli in varie occasioni, ma uno dei vostri immediati compiti è quello di trovare un modo di discutere con il resto del Movimento, con tutti i cittadini, le posizioni da prendere; guai se cominciassero ad esserci “circoli VIP” nel Movimento, se voi pensaste di essere più importanti dell’attivista che monta il gazebo al mercato, di valere più di uno.

E’ chiaro che la responsabilità politica, civile e penale di un voto è del singolo che lo fa, dunque è giusto che siate voi a tirare le somme dell’opinione della rete sulle materie di competenza del Parlamento; ma guai se pensaste di essere voi a dover decidere la linea politica del Movimento, che spetta invece a tutta la rete e all’unico portavoce che la tiene insieme, Beppe Grillo; su queste cose sarà lui a consultare i cittadini, non voi.

Invece di pensare a queste cose, pensate a dividervi il lavoro e a pubblicare i recapiti a cui i cittadini possono inviare segnalazioni e proposte, e gli indirizzi per discuterle con voi. Noi vi abbiamo votato per essere coinvolti sui problemi dell’Italia: non ci deludete.

divider

7 commenti a “Per i nostri portavoce”

  1. david:

    come giustamente scrivi, il lavoro di voi eletti è quello di coordinare il lavoro per la stesura di proposte, che vengono da tutti noi cittadini.
    è da tempo che se ne parla ma, potrei sbagliarmi io e non averlo trovato, non mi sembra sia presente una struttura adeguata sul sito (di torino).

    la mia proposta è la seguente.
    cercando un po’, ho trovato questo software che potrebbe rilevarsi interessante: tikiwiki.
    è open source, permette una semplice creazione di wiki (dove potrebbero essere raccolte e votate le proposte di tutti), blog, forum, sondaggi, gallerie di foto, upload di documenti, mappe, calendario eventi, ecc…

    non sono un informatico e non so se è possibile, ma sarebbe utile cominciare dal piccolo (dal sito di torino, che tra l’altro è l’unico sito che spesso mi blocca il browser) organizzando le proposte e le idee, ristrutturando il sito integrando blog/wiki/forum/eventi/ecc…

    nel caso non fosse possibile, o ci volesse troppo tempo, si potrebbe cominciare aprendo una pagina su un sito che ospita gratuitamente wiki.
    come hanno già fatto altri gruppi (m5scalabria su wikispace, per esempio, http://m5scalabria.wikispaces.com).

    spero di poter presto contribuire ed esprimermi anch’io, votando e dando suggerimenti. ;)

  2. Fabio:

    “decidere la linea politica del Movimento, che spetta invece a tutta la rete e all’unico portavoce che la tiene insieme, Beppe Grillo”. Se permetti credo che questa frase faccia più danni delle due interviste che hai segnalato.

  3. rccs:

    Davide, son 2 anni che Bertola e gli altri dovevano fare il sito per le proposte e le discussioni del sito (dal tempo della riunione segreta a casa di Casaleggio).
    Tu credi che la faranno mai?

  4. Orlando:

    Intervengo a polemica ormai esaurita, almeno così mi sembra.
    Per tutta la durata della Campagna Elettorale ci hanno accusati di essere solo Comunisti travestiti, pronti a appoggiare Bersani (Berlusconi); oppure (ex) fascisti che lavorerebbero per Berlusconi (Repubblica). Questo ha costretto Grillo a ripetere alla nausea che lui non si sarebbe accordato né con il PD né tantomeno con il PDL. Adesso i nostri sedicenti elettori, che evidentemente durante i comizi questo passaggio non lo hanno sentito (forse perché erano ad applaudire Bersani ai comizi PD) ci chiedono di essere politici, di essere tattici, di accettare qualche poltrona. In pratica, ci chiedono di essere come quei partiti che vogliamo mandare a casa. Così, alle prossime elezioni, la nostra credibilità si sarà esaurita, ed a casa verremo mandati noi. Lo slogan che va per la maggiore per denigrarci è che “tanto, sono (siamo) tutti uguali”. Sta a noi dimostrare che non è vero: uguali a loro, ci sono solo loro.

  5. GAB:

    «Che agli italiani della democrazia interna al Movimento non freghi niente è dimostrato dai risultati elettorali» e quindi va bene avere il solito partito personale in cui le persone vengono comandate a bacchetta dal Leader… che tristessa!!!

  6. BigFab:

    Un consiglio, che ti chiedo venga girato da Beppe a tutti gli eletti (se non è già stato fatto): stiano zitti! Parlino il meno possibile, anzi meglio tacere del tutto e lavorino, quando sarà operativo il Parlamento. Ogni mezza parola detta (talvolta anche male, confusamente o con degli errori) viene sbattuta in prima pagina, dando adito a commenti fuorvianti e controproducenti.
    E’ vero che non si può impedire alle persone di esprimersi liberamente, e ci mancherebbe altro, ma non è proprio obbligatorio doversi esprimere su tutto, sia per scritto che tramite intervista.
    Grazie, ciao.

  7. polemico74:

    Mi ero perso questa chicca di articolo, sei di un’ignoranza abissale. Un leccapiedi del tuo capo della peggior specie.
    Pensare che 65 anni fa ci sia stata gente che è morta per permettere a un ignorante come te di vomitare sulla democrazia e la costituzione mi fa venire i brividi. Anche se non mi dovrebbe stupire da chi ha rubato la piazza del 25 aprile ai partigiani per gridare solo insulti.
    Vergognati

 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2019 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike