Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Mar 23 - 16:01
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione
martedì 6 Settembre 2016, 17:27

Caro Beppe, permetti un consiglio?

Caro Beppe,

come sai, nonostante le tue rassicurazioni e le tue pubbliche affermazioni di stima, io ho ormai un piede e mezzo fuori dal Movimento 5 Stelle, e non per scelta mia. Eppure, nonostante tutto, io al Movimento ci tengo ancora, e mi rattrista vederlo affondare nel caos e nel fango, perché è tuttora l’unica speranza di cambiamento che è rimasta agli italiani.

E allora, scusami se mi permetto: nulla è perduto, ma c’è bisogno di un cambiamento deciso di rotta per affrontare i problemi che sono emersi. Per questo, costruttivamente, mi permetto di darti un consiglio e un elenco di alcune cose da fare subito per salvare il Movimento.

1. Crea un contrappeso al potere dei leader politici. Le persone che fanno carriera politica nel Movimento, quelle che inevitabilmente acquisiscono visibilità, seguito personale e potere, non possono essere le stesse che ne decidono le regole, che giudicano sulle espulsioni, che scelgono cosa rendere trasparente e cosa nascondere al pubblico. Scegliti un tot di persone di tua fiducia, che abbiano la mentalità e l’integrità del Movimento delle origini e che non siano elette né candidate, e affida a loro il compito di discutere con te il modo di difendere i principi del Movimento, e di far rispettare le sue regole.

2. Rimetti al centro del Movimento la democrazia dal basso. La vera proposta rivoluzionaria del M5S era quella di attivare tutti i cittadini tramite la rete. E’ difficile, è utopico? Forse, ma è l’unico modo di cambiare davvero la politica. Negli ultimi anni le votazioni online sono diventate una farsa, annunciate e poi ritirate o modificate a metà, oppure studiate per ratificare decisioni già prese. Avvia un progetto serio su come usare la rete per dare veramente ai cittadini la possibilità di controllare i propri eletti, anche in Parlamento.

3. Rendi elettivi e temporanei i ruoli di leadership politica. Un direttorio sempre fisso dà per forza di cose luogo a correnti, a invidie, a lotte per il potere. Fai in modo che i suoi membri ruotino e che siano eletti ogni anno dalla base, e allo stesso modo obbliga a mettere ai voti sul portale le candidature principali, invece che farle decidere in una stanza chiusa da gruppetti di eletti e attivisti.

4. Imponi il rispetto rigido dei principi etici. Non vogliamo più sentire storie di parenti e fidanzati piazzati qua e là, e nemmeno vedere gente con vent’anni di dubbie frequentazioni riciclata in un attimo come assessore nel Movimento 5 Stelle (vedi Muraro). E non vogliamo più essere presi in giro raccontandoci balle, come è appena successo a Roma.

5. Crea un meccanismo di selezione e formazione della classe dirigente. Se quando vinciamo le elezioni l’inesperienza è un problema, la soluzione non è affidarsi ai riciclati, ma mobilitare le competenze migliori e assicurarsi di metterle nei posti giusti, specialmente quando si parla di cariche non elettive ma nominate; possibilmente muovendosi per tempo e garantendo la totale trasparenza dei meccanismi di scelta.

6. Ripristina il taglio degli stipendi. Le ultime ondate di eletti a cinque stelle paiono essersi dimenticate dell’idea che si possa fare politica anche senza guadagnare centomila euro l’anno, e ci sono ormai molti casi di eletti dallo stipendio di giada che non si tagliano più un bel niente. Con buon senso, magari con differenze tra i ruoli tecnici e quelli politici, ma assicurati di togliere i soldi dalla politica a cinque stelle, ma sul serio però.

7. Fissa una regola chiara e sensata sugli indagati. Siamo stati troppo giustizialisti in passato? Forse sì, ma ancora peggio, il vertice del M5S ha sfruttato gli avvisi di garanzia come una clava per colpire gli avversari interni ed esterni, per cui una indagine su Pizzarotti era “più indagine” di una indagine su un amico del direttorio. Questo deve finire: dimostriamo maturità, anche a costo di spiegare a qualche elettore esagitato che un avviso di garanzia non è una condanna; purché questo principio valga per noi come per i nostri avversari.

8. Smetti di criminalizzare il dissenso. Spiega tu a tutti che anche le persone che esprimono critiche (purché motivate e costruttive) danno un contributo al Movimento, e che il ruolo degli attivisti non è adulare gli eletti e farsi un selfie con loro, ma fargli fiato sul collo come e più che ai partiti. Smetti di cacciare (o far cacciare da mail semi-anonime) le persone che pensano e che osano sollevare le questioni di principio, e comincia a cacciare quelle che dicono sempre di sì e poi appena ti giri si approfittano della propria posizione. Spiega che se sui giornali escono racconti di comportamenti poco edificanti da parte di alcuni nostri eletti, la colpa non è dei giornalisti o di chi nel Movimento contesta questi comportamenti, ma di chi nel Movimento si è comportato in modo poco edificante.

Secondo me, se vuoi provare a salvare il Movimento, questo è ciò che devi fare. Altrimenti, il Movimento vincerà pure le prossime elezioni politiche, ma perderà l’anima; e alla fine in Italia cambierà poco o niente.

divider

Un commento a “Caro Beppe, permetti un consiglio?”

  1. .mau.:

    I punti 5 e 7 dell’ottalogo non sarebbero nemmeno dovuti essere scritti, mi paiono il minimo sindacale. (Il 4 è ormai irricevibile, diciamocelo). Del 6, onestamente, non me ne può fregare di meno. L’8 è il risultato della TRASPARENZA. Il dissenso ci sarà sempre, le epurazioni sono il risultato pratico della gestione pentastellata. Il 3 non era quello nato dopo il 2013? :-P L’1 può tranquillamente essere letto come “istituzionalizza lo staff”, mi sa che devi ripensarlo in maniera diversa. Infine il 2 è la cosa che non mi farà mai votare un M5S per quanto puro esso sia, ma questo lo sai già da mo’. Non hanno senso le votazioni online su roba che il 90% della gente non conosce.

    (per Beppe Grillo: non penso che lei legga questo post, anche se magari ha letto il testo. Comunque è troppo facile cavalcare il malcontento, meno facile far funzionare le cose. Ecco il suo errore di base.)

 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2019 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike