Sky
Vittorio vb Bertola
Wandering on the Web since 1995

Sat 24 - 10:35
Hello, unidentified human being!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
about me
about me
site help
site help
site news
site news
license
license
contact me
contact me
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
old blogs
old blogs
personal
documents
documents
photos
photos
videos
videos
music
music
activities
net governance
net governance
town council
town council
software
software
help
howto
howto
internet faq
internet faq
usenet & faqs
usenet & faqs
stuff
piemonteis
piemonteis
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
ancient software
ancient software
biz
consultancy
consultancy
talks
talks
job placement
job placement
business angel
business angel
sites & software
sites & software
admin
login
login
your vb
your vb
register
register
sabato 11 febbraio 2017, 10:35

Il ventennio grillista

Qualche giorno fa su Radio Popolare intervistavano Emiliano Fittipaldi, il giornalista dell’Espresso autore dello scoop sulle polizze della Raggi. Popolare vive ancora negli anni ’90, se non nei ’70, e quindi gli hanno chiesto: ma i continui attacchi di Di Maio e di tutto il M5S ai giornalisti e ai magistrati non sono un modo di fare berlusconiano? Lui li ha gelati rispondendo: a me ricordano piuttosto il periodo che portò al ventennio fascista.

Questo piccolo scambio ha suscitato in me una riflessione. E’ dalla nascita del Movimento 5 Stelle che si dice che al suo interno ci sono modi di fare squadristi, ma dall’interno noi abbiamo sempre, credo a ragione, derubricato la cosa a folklore marginale di pochi idioti; il Movimento delle origini, infatti, brulicava di partecipazione, di riflessioni sulla democrazia, di assemblee, di decisioni collettive. Era una cosa a metà tra il Partito Pirata e i girotondi antiberlusconiani, pieno di persone che venivano dai partiti e dai movimenti di sinistra, dall’ambientalismo, dalla cittadinanza attiva; e questo corpo diffuso bilanciava ampiamente il ruolo e il tono forte dei due capi politici, e il seguito personale carismatico di Beppe Grillo nella pancia del Paese.

Il problema è che, progressivamente, la partecipazione e la democrazia si sono spente; degli originari attivisti di 7-10 anni fa per cui “ognuno vale uno”, adesso una parte sono VIP televisivi o comunque politici in carriera, concentrati sulla gestione del consenso collettivo e personale, mentre quasi tutti gli altri hanno smesso o sono stati allontanati. Nessuna decisione è più presa dal basso; le discussioni avvengono tra eletti, in stanze chiuse, e vengono poi trasformate in propaganda con cui indottrinare la base e l’elettorato, o al massimo in qualche plebiscito online dall’esito già scritto.

Nel frattempo, la situazione politica italiana non fa che deteriorarsi. La somma di una crisi economica nazionale senza sbocchi e di un dibattito politico e mediatico sempre più rabbioso, divisivo e slegato dai fatti ricorda davvero il periodo di cent’anni fa che precedette il fascismo, peggiorato ulteriormente dalla novità della pressione socioculturale dovuta a flussi migratori ingestiti e probabilmente ingestibili. Nessun italiano di oggi ha vissuto quel periodo, e l’Italia, a differenza di altre nazioni, non ha mai maturato alcun anticorpo contro di esso.

Il M5S probabilmente dall’anno prossimo governerà l’Italia, o sarà perlomeno il maggior partito in una situazione di stallo totale che ridurrà ulteriormente la fiducia nella democrazia. Per questo è giusto chiedersi se sia davvero possibile un Ventennio a cinque stelle; non è detto che il M5S al potere porti per forza a un nuovo regime autoritario, ma i segnali preoccupanti esistono.

Preoccupante, difatti, non è soltanto lo squadrismo diffuso della base, di cui sotto vi darò un piccolo esempio; è preoccupante la reazione dei vertici e degli eletti a tutti i livelli, ovvero la futura classe dirigente del Paese, che non si dissociano mai da questi comportamenti, ma stanno zitti o peggio aizzano la folla contro chi dissente, contro i giornali, contro i giudici (solo quelli che indagano il M5S però), cioè contro gli elementi fondamentali di qualsiasi democrazia occidentale.

Sono quelli che se Feltri fa un titolo sessista e disgustoso contro la Raggi si scandalizzano a morte, salvo poi applaudire il capo e i colleghi, o perlomeno esibirsi nei distinguo, quando essi fanno la stessa cosa. Sono quelli che davanti a qualsiasi cattivo comportamento di qualcuno del M5S rispondono dicendo che è tutto un complotto dei giornali, o di “traditori” che vogliono “apparire sui giornali” o “tenersi la poltrona”. E non si capisce se ci credono veramente, nel qual caso sono talmente dissociati dalla realtà da essere pericolosi, o se sono solo furbetti, nel qual caso sono disonesti e pronti a tutto per mantenere il consenso e quindi altrettanto pericolosi.

Per questo a me spaventano i discorsi un po’ da bar, pieni di luoghi comuni, della nuova dirigenza grillina. Non è tanto un problema di grammatica e stile letterario, ma di scarsità di cultura politica, che porta queste persone a fare tutto un discorso sulla censura dei poteri forti o sulla resistenza al nazifascismo, e poi ad andare nelle riunioni interne a imporre la linea unica del capo o a cercare di cacciare chi la pensa diversamente da loro, essendo pure convinti che queste cose stiano bene insieme.

Oltre a quella della propria effettiva capacità amministrativa, questa è per me la principale questione sul tavolo del Movimento 5 Stelle. Siamo tutti convinti che il vecchio sistema politico sia corrotto e incapace, non c’è bisogno di ripeterlo; ma è comunque meglio una democrazia corrotta che una nuova dittatura. Per questo, se il M5S vuole governare il Paese, è il momento che i suoi eletti e i suoi sostenitori cambino registro – se ne sono capaci.

E ora, per farvi capire di cosa parlo, incollo un po’ dei commenti e dei messaggi che ho ricevuto da simpatizzanti e attivisti a cinque stelle dopo il mio post sulle polizze della Raggi: buona lettura.

 

divider

3 commenti a “Il ventennio grillista”

  1. MailMaster C.:

    Vittorio, ti seguo dai tempi in cui postavi le statistiche usenet dal PoliTO, immagino che nemmeno nei tuoi trascorsi ICANN tu abbia avuto così tante, precise e grammaticalmente corrette attestazioni di “stima”, ricordo un post agli inizi della tua scelta politica, in cui descrivevi la realtà di alcuni amici tuoi che se ne sono andati dall’Italia per seguire carriere promettenti e non lottare con le pastoie burocratiche italiane (e il sottotitolo del blog è esemplificativo!) mentre tu con orgoglio dichiaravi la tua voglia e il tuo impegno a restare e cambiare l’Italia. E io mi chiedevo già allora: “ma chi te lo fa fare?”.
    Oggi ottieni questo. Sono convinto che non è l’unica ricompensa che hai avuto, ma certo dice molto.
    Per quel poco che posso fare, ti assicuro il mio supporto morale. Continuo ad ammirarti e ti auguro il massimo dalla tua nuova realtà lavorativa.

    Mandi

  2. Mirko:

    La prova lampante che la stolidità e l’impotenza sessuale dei leoni da tastiera dilagano nel paese e siamo quasi pronti per un nuovo Ventennio. Cervelli marci.

  3. Severino:

    Buongiorno Vittorio. La seguo dagli albori dell’informatica e ho una notevole stima in lei, in cui vedo un’ intelligenza, una lucidita’, un altruismo e soprattutto una umilta’ che pochissimi possiedono. Purtroppo l’Italia (non so negli altri paesi) oltre a menti raffinate possiede anche l’esatto opposto. I primi se ne vanno, i secondi rimangono e purtroppo costituiscono la base media. Non voglio dire che siano tutti cosi’ ma ad ogni modo in “Itaglia” l’ignoranza ed il lassismo la fanno ancora da padrone, la qual cosa, unita ad un ormone “latino” difficile da controllare, produce meschinita’, spregiudicatezza, avidita’, egoismo e “furbizia” quando non peggio. Oppure semplicemente quell’ “ignoranza mannara”, come chiamo io quell’analfabetismo sociale (e culturale) arrogante e superbo, che porta le persone al disprezzo reciproco e alla maleducazione ostentata.

    Tutto questo incipit per porgerle il mio dispiacere ma anche la mia comprensione nel saperla fuori dalla politica cittadina. Purtroppo in Italia la politica e’ solo piu’ un guazzabuglio di arrivismo ed avidita’ egoistica che scoraggia quelli come lei che invece credono ancora nel prossimo, con uno slancio idealistico oramai raro.

    Il M5S ha deluso un po’ anche me in quanto noto sempre piu’ l’incoerenza di fondo e lo strisciante squadrismo che mi inorridiscono.
    Un movimento come questo sarebbe dovuto essere anche, o soprattutto, di rinascita social-culturale, un movimento che avrebbe dovuto coniugare l’ideologia al pragmatismo, superare il partitismo e le vecchie etichette destra-sinistra, il tutto in un ambito di ritrovata partecipazione democratica dal basso ed invece lo vedo sempre piu’ affogare nel pantano dell’ideologia e del populismo spiccioli, quelli che se non controllati subito rischiano di condurre nei meandri piu’ bui della democrazia.

    Detto cio’ capisco che le sue energie (tante) si siano oramai esaurite in una delusione non piu’ sostenibile, purtuttavia spero di ritrovarla presto in qualche lista civica di cui, l’assicuro, saro’ strenuo sostenitore!

    Severino A.

Lascia un commento, grazie!

Se sei un utente registrato, i dati vengono estratti automaticamente dal tuo account: usa il pannello per modificarli una volta per tutte. In caso contrario, puoi registrarti per non doverli inserire ogni volta!

ATTENZIONE: I commenti non sono moderati, ma vengono filtrati in automatico contro lo spam. Se il vostro commento non appare immediatamente, è probabile che sia stato erroneamente considerato spam, ad esempio perchè contiene un numero eccessivo di link - in questo caso, contattatemi in privato per risolvere il problema. In alcuni casi, invece, sarò io a rimuovere commenti inappropriati, pubblicitari o non collegati all'argomento.

 
Creative Commons License
This site (C) 1995-2017 by Vittorio Bertola - Privacy and cookies information
Some rights reserved according to the Creative Commons Attribution - Non Commercial - Sharealike license
Attribution Noncommercial Sharealike