Sky
Vittorio vb Bertola
Fasendse vëdde an sla Ragnà dal 1995

Giò 28 - 6:32
Cerea, përson-a sconòssua!
Italiano English Piemonteis
chi i son
chi i son
guida al sit
guida al sit
neuve ant ël sit
neuve ant ël sit
licensa
licensa
contatame
contatame
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vej blog
vej blog
përsonal
papé
papé
fotografie
fotografie
video
video
musica
musica
atività
net governance
net governance
consej comunal
consej comunal
software
software
agiut
howto
howto
internet faq
internet faq
usenet e faq
usenet e faq
autre ròbe
ël piemonteis
ël piemonteis
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
vej programa
vej programa
travaj
consulense
consulense
conferense
conferense
treuvo travaj
treuvo travaj
angel dj'afé
angel dj'afé
sit e software
sit e software
menagé
login
login
tò vb
tò vb
registrassion
registrassion
sabato 21 Aprile 2018, 18:17

L’amaca e l’ostracismo dei buoni

Oggi Michele Serra è ampiamente deriso e insultato in rete per aver scritto un pezzo piuttosto banale che si limita a riproporre un luogo comune del pensiero conservatore universale, cioè che i poveri sono mediamente più ignoranti e più delinquenti dei ricchi (luogo comune che peraltro, se depurato da qualsiasi classificazione morale in termini di buoni e cattivi, riflette una oggettiva statistica sociale che però deriva dalle stesse condizioni ambientali che esamina). Probabilmente Serra se lo merita, anche se mi stupisce lo stupore di chi si stupisce perché un esponente della sinistra novecentesca si ritrova nel 2018 dal lato dei ricchi.

Ma questo nasconde effettivamente un problema più generale, che è ben riassunto da questo pezzo di un giornalista conservatore americano, assunto e subito licenziato da una rivista teoricamente “aperta a opinioni diverse” perché troppo conservatore, aggrappandosi a una battuta sulla pena di morte che era chiaramente una battuta ma che è poi stata ripresa, distorta e ingigantita apposta dai progressisti sui social media e sui giornali amici, senza nemmeno permettergli di spiegare davvero le sue idee.

Il problema più generale è che anche se sono state le politiche economiche di destra, molto più di quelle di sinistra, a garantire il successo globale dell’Occidente (e persino quello dell’Oriente, quando le ha infine abbracciate), l’egemonia culturale è però oggi in mano ai liberal, specie a quelli conditi in salsa di populismo, anticapitalismo e pauperismo; ed è molto difficile esprimere idee diverse sui media popolari e sui social, tanto più se scritte in modi letterari colti che facilmente si prestano al fraintendimento degli ignoranti e alla manipolazione dei furbi, senza essere sommersi di insulti e ostracizzati.

divider

2 commenti a “L’amaca e l’ostracismo dei buoni”

  1. Piero:

    La distinzione sociale tra ricchi e poveri andrebbe sostituita con quella tra padroni e servi, tra chi comanda condizionando la vita del servo, con ciò che ne consegue in termini di ricchezza, salute, libertà, ecc., e chi ubbidisce subendo la volontà del padrone. Il professore è un padrone, può essere un “povero” che comanda sul “ricco”. Lo studente può essere un ricco “figlio di papa’” che deve ubbidire ai programmi decisi dal professore, ma ha deciso di ribellarsi, di disubbidire.

    Ma se il padrone comanda, é perché qualcuno o qualcosa al di sopra di lui lo ha legittimato a comandare, altrimenti non avrebbe alcun potere. Occorre quindi chiedersi chi è quel qualcuno o qualcosa che conferisce al padrone, alla egemonia culturale, il potere di comandare e perché lo si accetta.

  2. mike:

    Il problema di Michele Serra, e danche direi di Massimo Gramellini è che prima di scrivere un elzeviro non si documentano.

    Un’insegnate di scuola media, fra l’altro laureata in lettere antiche ha scritto un pezzo molto interessante, in cui fra l’altro fa notare che una ricerca Istat del 2014 ha trovato che i fenomeni di bullismo sono più freuqnti nei licei del nord, e che naturalmente andare ad un professionale od ad un ITI. Ho come l’impressione che chi va allo scientifico al Darwin in media abbia genitori più poveri di quello che fa l’itsistuto tecnico all’Agnelli.

    https://ilnuovomondodigalatea.wordpress.com/2018/04/22/michele-serra-e-i-bulli-che-vanno-al-professionale/

 
Creative Commons License
Cost sit a l'è (C) 1995-2020 ëd Vittorio Bertola - Informassion sla privacy e sij cookies
Certidun drit riservà për la licensa Creative Commons Atribussion - Nen comersial - Condivide parej
Attribution Noncommercial Sharealike