Sky
Vittorio vb Bertola
Fasendse vëdde an sla Ragnà dal 1995

Vën 30 - 15:42
Cerea, përson-a sconòssua!
Italiano English Piemonteis
chi i son
chi i son
guida al sit
guida al sit
neuve ant ël sit
neuve ant ël sit
licensa
licensa
contatame
contatame
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vej blog
vej blog
përsonal
papé
papé
fotografie
fotografie
video
video
musica
musica
atività
net governance
net governance
consej comunal
consej comunal
software
software
agiut
howto
howto
internet faq
internet faq
usenet e faq
usenet e faq
autre ròbe
ël piemonteis
ël piemonteis
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
vej programa
vej programa
travaj
consulense
consulense
conferense
conferense
treuvo travaj
treuvo travaj
angel dj'afé
angel dj'afé
sit e software
sit e software
menagé
login
login
tò vb
tò vb
registrassion
registrassion
mercoledì 21 Luglio 2021, 20:06

L’obbligo di green pass spiegato razionalmente

Spuntano dalle fottute pareti: non solo i no vax, ma quelli che “io non sono no vax ma” (di solito gli stessi che non sono razzisti perch√© hanno anche un amico marocchino). Alla fine conviene non perdere tempo a discutere con loro, tanto non vogliono ascoltare. Per gli altri, per√≤, vorrei che fosse chiaro qual √® il motivo razionale per cui √® corretto riservare ristoranti o trasporti pubblici ai titolari del green pass, almeno in determinate condizioni.

Il pass, infatti, non garantisce affatto che la persona non sia infetta o non possa infettare; i vaccinati possono comunque infettarsi e persino ammalarsi. Nemmeno il pass ottenuto col test negativo lo garantisce, perché anche il test, specie quello rapido, ha una percentuale di errore non piccola.

Statisticamente, se in un ristorante ci sono cento persone tutte col green pass, ce ne sono probabilmente una decina che in realt√† potrebbero essere infette, anche se ci√≤ non significa che lo siano davvero. Se una di esse per√≤ lo √®, possono avvenire dei contagi. Quanti, dipende anche dagli altri: se tutti gli altri sono vaccinati, quando l’infetto “prova” a contagiarli, la probabilit√† che possano infettarsi √® dell’80-90% inferiore al caso in cui le altre persone nella stanza sono non vaccinati entrati con un test negativo, e quindi sono tutte soggette al contagio senza protezioni.

In altre parole, supponendo per farvi capire il meccanismo che sia il vaccino che il test negativo abbiano una efficacia del 90%, succede questo:

  • in una stanza in cui nessuno √® vaccinato e nessuno ha il green pass, la probabilit√† che avvenga un contagio dipende dal tipo di interazione e da quanti infetti ci sono in giro, cio√© da quanto sta circolando il virus nella societ√†; supponiamo per esempio che valga 0,1;
  • nella stessa stanza in cui nessuno √® vaccinato ma tutti hanno il green pass da test negativo, la probabilit√† che avvenga un contagio si riduce del 90%, diventando 0,01, ossia dieci volte inferiore;
  • nella stessa stanza ma in cui tutti sono vaccinati e hanno il green pass da vaccinazione, la probabilit√† che avvenga un contagio si riduce due volte del 90%, diventando 0,001, ossia cento volte inferiore.

Come vedete, n√© il green pass, n√© il test negativo, n√© il vaccino azzerano i contagi e sono una garanzia di “sicurezza totale”: chi lo dice non ha capito. Tuttavia, questi strumenti, statisticamente, riducono di molto il numero dei contagi; la riduzione non dipende solo dal pass ma anche da come lo si √® ottenuto (quindi il test negativo, dal punto di vista epidemiologico, non √® equivalente alla vaccinazione).

A questo punto, ecco perch√© √® corretto, in un momento in cui il virus ha una circolazione media, limitare a chi √® vaccinato l’accesso a situazioni pericolose, quelle in cui i contagi sono pi√Ļ probabili; ossia, a situazioni in cui si sta per un certo tempo insieme in un ambiente chiuso, peggio ancora se con distanze molto ridotte (come sui mezzi di trasporto) o senza mascherine (come nei ristoranti).

In assenza dei vaccini, raggiunto un certo livello di circolazione dei virus queste attivit√† vanno chiuse, perch√© provocano statisticamente un certo numero di contagi. Il green pass, per√≤, garantisce un “bonus”; a parit√† di condizioni, pu√≤ ridurre di dieci volte (caso del test negativo) o di cento volte (caso della vaccinazione) il numero di contagi che si verificano, e quindi permettere di tenere aperte, solo per chi ha il pass, queste attivit√† che altrimenti andrebbero chiuse per contenere l’epidemia. Il fatto che le si tenga aperte anche a chi ha un test negativo, e non solo a chi √® vaccinato, dal punto di vista epidemiologico √® gi√† una grossa concessione ai non vaccinati.

Certo, se nonostante questo la circolazione del virus dovesse salire ancora – grazie ad esempio al fatto che la variante delta √® almeno il triplo pi√Ļ contagiosa del virus originario, quindi a parit√† di condizioni genera il triplo di contagi – il bonus viene consumato, e diventa inevitabile chiudere di nuovo quelle attivit√† a tutti, anche ai vaccinati.

Del resto, se il bonus da vaccinazione si compensa con la maggior contagiosit√† della variante di quest’anno, logica vorrebbe che ci ritrovassimo con gli stessi lockdown dell’anno scorso pur essendo tutti vaccinati; ma se non fossimo vaccinati, ci toccherebbe probabilmente un altro lockdown completo stile marzo 2020 o persino peggio. (Per questo, confrontare le restrizioni di oggi con quelle di un anno fa non ha senso; la contagiosit√† di base del virus, il famoso R0, √® molto cambiata, purtroppo in peggio.)

Insomma, la vaccinazione non √® perfetta, non √® un lasciapassare, non rende invulnerabili, non permette da sola di tornare alla normalit√†, ma d√† un aiuto che permette di ridurre un po’ le restrizioni a parit√† di condizioni generali. Per questo motivo, l’obbligo di green pass nelle attivit√† che generano contatti al chiuso √® non solo ragionevole ma doveroso; non √® una punizione nei confronti di nessuno, ma un semplice calcolo scientifico.

divider

Un commento a “L’obbligo di green pass spiegato razionalmente”

  1. GS:

    Sono andato a farmi vaccinare, per smettere di strisciare lungo i muri evitando gli esseri umani come lebbrosi, ed esser finalmente tranquillo. E ora apprendo che i contagi sono comunque in ripresa :/

    Per giunta il vaccino mi ha risvegliato dolori di natura ignota che mi avevano tormentato per anni, e da circa due anni iniziavano a lasciarmi in pace. Non so quando o se passeranno di nuovo e son qui nei miei dolori, con la prospettiva di dover ripetere il vaccino e riattivarli in continuazione :/

Lascia un commento, grazie!

Se sei un utente registrato, i dati vengono estratti automaticamente dal tuo account: usa il pannello per modificarli una volta per tutte. In caso contrario, puoi registrarti per non doverli inserire ogni volta!

ATTENZIONE: I commenti non sono moderati, ma vengono filtrati in automatico contro lo spam. Se il vostro commento non appare immediatamente, è probabile che sia stato erroneamente considerato spam, ad esempio perchè contiene un numero eccessivo di link - in questo caso, contattatemi in privato per risolvere il problema. In alcuni casi, invece, sarò io a rimuovere commenti inappropriati, pubblicitari o non collegati all'argomento.

 
Creative Commons License
Cost sit a l'è (C) 1995-2021 ëd Vittorio Bertola - Informassion sla privacy e sij cookies
Certidun drit riservà për la licensa Creative Commons Atribussion - Nen comersial - Condivide parej
Attribution Noncommercial Sharealike