Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Lun 28 - 18:17
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione
giovedì 10 Agosto 2006, 22:36

Chi ci terrorizza

Intendiamoci, sono assolutamente sicuro che questi tentati attentati con l’idraulico liquido esplosivo esistano veramente. Però c’è qualcosa che proprio non quadra.

Mettetevi nei panni del capo di un governo o di un servizio segreto: avete appena sventato degli attentati, state rastrellando i presunti terroristi nelle loro case, e insomma stavolta è finita bene. Dovete decidere cosa dire al pubblico; e non sarebbe naturale minimizzare, tenere le cose sotto silenzio, evitare una ondata di panico?

Certo che lo è, tanto è vero che, a bassa voce, si dice apertamente che di episodi simili ce ne sono stati oltre una decina, quasi sempre passati sotto silenzio. A meno che l’ondata di panico, abilmente rilanciata da tutti i mass-media, non sia un effetto collaterale ampiamente desiderato, forse lo scopo dell’intera operazione mediatica.

Del resto, eravamo nel mezzo di una crisi internazionale difficile. In cui Israele dopo vent’anni aveva invaso il Libano, bombardando bambini e funerali, e (giusto o sbagliato che sia) il suo governo era considerato dalla maggior parte dell’opinione pubblica, almeno in Europa, più o meno alla stregua di Bin Laden. In cui la popolarità di Bush era la più bassa di un Presidente americano da sempre. In cui l’unico serio alleato degli angloamericani, l’Italia, aveva cambiato governo e fatto enorme fatica a decidere di prolungare di sei mesi la missione in Afghanistan, figurarsi quella in Iraq. In cui alle Nazioni Unite si stava riproponendo la spaccatura tra USA/UK da una parte e Francia dall’altra, rendendo impossibile approvare risoluzioni favorevoli al “blocco del bene”. In cui diventava sempre più difficile, insomma, continuare in quel clima di guerra espansionistica premeditata all’estero, e di restrizione delle libertà civili in casa, che ha caratterizzato il mondo occidentale dopo l’11 settembre, a tutto vantaggio di chi vi detiene il potere.

E allora, guarda caso, salta fuori proprio l’unica notizia che può ribaltare la situazione: un altro mega-attentato. Sventato, eh: perchè siamo stati tanto bravi che nessuno ha visto niente, se non le immagini in TV di bivacchi all’aeroporto e pakistani arrestati. Ma un mega-attentato terribile, zilioni e zilioni di cattivissimi islamici carichi di esplosivo invisibile, alla faccia di tutte le misure di sicurezza, tutti attorno a noi pronti ad ucciderci perchè ci odiano. E’ proprio quel che serve per zittire il dissenso, distrarre l’audience e riportare l’ordine.

Quindi, manda il Libano in sesta pagina, e vai con la lotta al terrorismo; perchè se le nostre severissime, costosissime, durissime misure di sicurezza e guerre preventive si dimostrano platealmente incapaci sia di fiaccare la voglia degli estremisti di farci saltare in aria, sia di impedirglielo a forza, la soluzione è farne ancora di più. Elementare, Watson.

Ma io, alla lotta al terrorismo, non credo più. Non perchè non creda all’esistenza o alla pericolosità del terrorismo, ma perchè se il prezzo da pagare è farci dominare dalla paura, smettere di vivere, legittimare i nostri stessi atti di guerra, e cedere tutti i poteri a chi ci governa, penso che sia un prezzo troppo, troppo alto. E quindi, non credendo alla lotta al terrorismo, perdonatemi se divento anche sospettoso, quasi paranoico, di fronte ai suoi presunti “episodi”, e soprattutto a come vengono presentati dai media.

Del resto, la fine della civiltà occidentale (e sottolineo il termine civiltà), chiusa a morsa tra il panico verso nemici invisibili e la sorveglianza globale, è l’obiettivo dei terroristi, termine che indica coloro che volontariamente ci terrorizzano. Certo che, guardando solo ai fatti e a quel che ci propinano oggi i telegiornali, viene da chiedersi chi siano.

divider

4 commenti a “Chi ci terrorizza”

  1. Arara:

    Dice il Corriere Della Sera che per preparare gli esplosivi liquidi abbiano usato delle bibite energetiche stile Gatorade.
    Giusto domani avevo programmato di comprare 3 casse di Red Bull, passare un attimo in “laboratorio” e poi dirigermi verso Malpensa (ripeto : “Mal-pensa”), giusto per seminare un po’ di panico.

  2. .mau.:

    Ti ricordo che la missione in Iraq sarebbe terminata comunque quest’anno, l’aveva detto persino Silvio.

  3. ricambi originali:

    D’altra parte anche sui giornali italiani, c’e’ chi e’ in prima linea a creare panico con terroristi con know how estremamente sofisticato, tipo Bonini su repubblica oggi.
    io ne ho scritto qui: http://ricambioriginali.blogspot.com/2006/08/cialtroni-e-wikipedia.html

  4. BlindWolf:

    x Arara: prodotti quali “Gatorade” (e Isostad, Powerade, Energade…) e “Red Bull” (e Lipovitan, Burn, Spanish Fly…) sono molto differenti: i primi sono concentrazioni isotoniche di sali per far passare la sete bevendo meno liquidi, i secondi contengono sostanze stimolanti o energizzanti (caffeina, taurina, vitamine C e del gruppo B).

    Per quanto riguarda la mia idea sul terrorismo: un attentato in stile 11 settembre mi sembra improbabile.
    Immaginate cosa è passato nella testa dei passeggeri dei quattro famigerati aerei: “E’ un normale dirottamento, atterreranno da qualche parte, faranno delle richieste… se non facciamo sciocchezze (leggasi: ribellarsi ai dirottatori) dovremmo rischiare di meno”. Tutto il mondo ha visto cosa è accaduto.
    Se si ripetesse una situazione del genere questa volta i passeggeri penserebbero: “Se li lasciassimo fare moriremmo tutti, ci sarebbero vittime e distruzione anche a terra, il mondo piomberebbe ulteriormente nel caos, gli estremisti ne uscirebbero maggiormante rafforzati”. Sapendo, questa volta, di non aver nulla da perdere, si lancerebbero contro 4 uomini armati di taglierino.

    In questo caso l’attentato probabilmente sarebbe stato fatto “di nascosto” come con gli autobus di Londra o i treni di Madrid. Ma gli imbarchi aerei non dovrebbero essere particolarmente sorvegliati? Specialmente contro gli esplosivi? Specialmente dopo l’attentato di 4 anni e 11 mesi esatti fa?

 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2020 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike