Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Lun 18 - 5:06
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione

Archivio per il giorno 14 Febbraio 2007


mercoledì 14 Febbraio 2007, 17:11

Resoconto da Ginevra

Ieri a Ginevra si è tenuta una delle periodiche consultazioni delle Nazioni Unite sul futuro dell’Internet Governance Forum; si trattava di trarre delle conclusioni da Atene in termini di organizzazione e tematiche, per capire cosa fare a Rio.

La discussione è stata interessante anche se un po’ pomposa, come sempre in queste occasioni; bisogna sempre distillare i messaggi. E di messaggi ce ne sono stati, alcuni chiari, alcuni più sottili. La grande contrapposizione, si sa, è tra chi vuole mantenere l’IGF come un forum di pura discussione, che non prenda alcuna determinazione formale, e che non si occupi di nulla di controverso e men che meno del legame tra ICANN e governo americano – la cosiddetta “versione evirata” andata in onda ad Atene – e chi vuole aggiungere ad esso la capacità di discutere delle questioni scomode e di rilasciare risultati formali.

Nel primo schieramento troviamo i paesi sviluppati, capeggiati dagli Stati Uniti, appoggiati dal settore privato e dai tecnici della rete, e seguiti dall’Unione Europea, che ha trovato il modo di fare la solita dichiarazione priva di sostanziale contenuto; nell’altro troviamo i paesi in via di sviluppo, capeggiati dal Brasile che ospiterà il prossimo forum, e gran parte della società civile.

Le schermaglie procedurali sono state varie; la chicca è stata la proposta brasiliana di sostituire l'”advisory group” che ha organizzato Atene, e che è pieno di rappresentanti di ICANN e degli americani, con un nuovo “bureau” che farebbe le stesse cose, ma che essendo un’altra cosa potrebbe essere rinominato da zero. Astuto.

Alla fine, non si è concluso molto; tanto i governi sanno che la decisione finale su questi punti tocca all’ufficio del nuovo Segretario Generale delle Nazioni Unite, e per loro è molto più facile andare a far lobbying direttamente a New York che esporsi in un forum pieno di gentaglia come me.

E’ stato un buon momento per la nostra campagna sulla Carta dei Diritti della Rete: abbiamo presentato il nuovo sito web, e il governo italiano ha ribadito in pubblico l’impegno ad organizzare una conferenza internazionale in materia, a Roma a giugno. C’è però moltissimo da lavorare, e speriamo che le promesse vengano mantenute.

Certo però che è frustrante dover andare a Ginevra in giornata in auto a spese proprie, rinunciando quindi alle cene prima e dopo, che sono tradizionalmente l’occasione per fare un po’ di pressione e stabilire contatti utili. Pare che l’Italia abbia tante buone intenzioni, ma soldi per supportare queste attività, pochi.

divider
 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2019 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike