Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Gio 1 - 4:15
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione
sabato 31 Marzo 2007, 08:12

Paura

Volo Lisbona-Madrid; atterriamo all’aeroporto di Barajas. Mentre la folla si accalca per uscire, un signore prende una borsa dalla cappelliera, la posa sul sedile, poi prende la sua, che era bloccata dietro, e se ne va.

Esco, e quando arriviamo alla porta il signore davanti a me si ferma, e, con un distinguibile accento italiano, spiega agitatissimo alla hostess che qualcuno ha lasciato una borsa sul sedile e poi se ne è andato, e che quindi bisogna controllare perchè potrebbe essere un attentato.

Ovviamente, dieci persone dopo arriva la borsa con il suo legittimo proprietario, che era semplicemente pi√Ļ indietro nella fila. Comunque, se voi voleste davvero fare un attentato, dopo essere riusciti a far passare una borsa con una bomba attraverso i vari controlli, invece di farla esplodere in volo la terreste l√¨ fino all’atterraggio, per poi usarla contro gli ultimi venti passeggeri?

E’ deprimente come molta gente, quando si parli di sicurezza, dimostri di aver ceduto supinamente al lavaggio del cervello che ci √® stato propinato negli ultimi cinque anni.

E’ altrettanto indicativo che la morte, che √® un evento naturale tendenzialmente imprevedibile che prima o poi tocca a tutti, faccia cos√¨ paura: viviamo in una societ√† talmente attaccata alle cose materiali che la realt√† fisica ci sembra imprescindibile.

divider

3 commenti a “Paura”

  1. elena:

    beh, non ti stupire, ormai chiunque da presunto innocente √® passato a presunto terrorista (posizione scomoda eh), anche di fronte alle istituzioni, sia pubbliche sia private, altrimenti non avrebbe senso tutta questa fame di dati, di giustificazioni e di intercettazioni. Altro che NSA, ci bastano gli scandali di casa nostra. In nome della “sicurezza” (che vorr√† dire poi, “sicurezza”?)non solo si permettono, ma si chiedono ulteriori limitazioni della libert√† personale (non hai idea di come mi sento libera ogni volta che all’estero posso accedere a un Internet Point senza dover presentare documenti! So’ soddisfazioni!).

    La paura della morte √® sempre esistita, fa parte dell’animo umano, dal momento che proprio non riusciamo ad immaginare che ci sta “dopo”. E’ questa paura che ha permesso, e tutt’ora permette, alle religioni (ciascuno pensi alla sua, se ce l’ha) di influenzare cos√¨ pesantemente le nostre vite, pubbliche e private. Tutto per sentirci dire che “dopo”, comunque, ci sar√† “qualcosa”. Mi fermo qui per non essere blasfema (u√®, vb, che mi fai scrivere di sabato mattina! so’ pensieri spessi, questi, eh :P)

  2. Felter Roberto:

    E pensare che io invece farei proprio cosi:
    Prendo una bomba, me la metto in borsa e faccio il mio bel viaggio aereo, alla fine la lascio li se penso che non mi serva pi√Ļ. Non per fare un attentato, solo per una questione di sicurezza.
    Infatti se è già di per se molto improbabile capitare su un aereo su cui è presente una bomba, è statisticamente impossibile capitare su un aereo con sopra DUE bombe.
    Per cui se una la porto io, sono sicuro che non ne esista sopra un’altra.
    Contorto eh? dopotutto te la sei cercata! ( di domenica mattina questi discorsi…)

  3. BlindWolf:

    “Sebbene a New York non siano mai deragliate metropolitane con a bordo passeggeri nudi che tenevano una gallina tra le chiappe, √® sconsigliabile imbarcarsi in metropolitana a New York tutti nudi tenendo una gallina tra le chiappe.”
    (by Luttazzi)

 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2020 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike