Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Mer 12 - 3:52
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione
giovedì 20 Settembre 2007, 15:04

Beep! Domanda sbagliata

Nel caso ve le siate perse, ecco le domande da non fare al senatore Kerry, ex candidato democratico alla Casa Bianca nel 2004, sconfitto da Bush:

“Vari libri dicono che lei avrebbe effettivamente vinto le elezioni del 2004. Il giorno delle elezioni, ci furono molte segnalazioni di elettori neri mandati via dai seggi. Ci fuorno anche segnalazioni di risultati che diminuivano invece di aumentare. Davanti a tutte queste segnalazioni di brogli, come mai lei ha immediatamente concesso l’elezione quella sera stessa? Voleva veramente diventare Presidente?” [Ndr – In America √® uso che il candidato perdente “conceda” l’elezione ritirandosi formalmente prima della fine del conteggio ufficiale, quando i risultati sono sicuri.]

“Lei √® contro l’invasione dell’Iran, dunque perch√® non cacciamo Bush prima che possa invadere l’Iran? Clinton fu cacciato per cosa: un pompino! quindi perch√® non chiede di cacciare Bush?”

“Infine, lei √® stato un membro di Skull and Bones? E’ stato un membro della stessa societ√† segreta di Bush?” [Ndr – Si tratta di una loggia massonica dell’universit√† di Yale di cui Bush √® notoriamente stato membro]

Dunque, se per caso farete in pubblico queste domande, turbati dalla possibilit√† che i democratici e i repubblicani siano sotto sotto ben contenti di spartirsi allegramente il potere sullo stato pi√Ļ ricco ed armato al mondo, questo √® ci√≤ che vi succeder√†:

Auguri.

divider

38 commenti a “Beep! Domanda sbagliata”

  1. Nervo:

    Non c’√® niente che mi mandi ai matti come vedere la libert√† di espressione calpestata. In una nazione che fa della libert√† una delle sue bandiere, poi!

  2. BlindWolf:

    Interessante notare che non abbiamo l’esclusiva sugli inciuci, ma dalla una nazione cos√¨ bipolarista non me l’aspettavo veramente.

  3. Alberto:

    Se si cominciasse ad importarla la democrazia prima di preoccuparsi di esportarla…

  4. sciasbat:

    Come ho già scritto altrove, il primo prevaricatore di libertà è il malmenato, visto che stava rubando il tempo ai successori. Secondo basta vedere il filmato senza fette di salame agli occhi per capire che ha fatto di tutto di per prenderle, visto che prima hanno cercato di allontanarlo in modo pacato, poi è stato lui a dare in escandescenza.

  5. passante:

    I taser sono potenzialmente mortali, soprattutto se la persona che riceve la scossa soffre di qualche tipo di problema fisico (per esempio cardiaci).

    Due agenti potevano sollevarlo di peso e portarlo fuori in un minuto. Quattro agenti lo sollevavano da terra per gambe e braccia e lo portavano fuori dalla stanza in quattro secondi senza rischiare di provocare seri danni fisici (come le comunissime ustioni causate dai teaser, le aritmie e i danni psicologici di una simile violenza).

    Detto questo non credo proprio che una domanda di un minuto e mezzo sia prevaricare la liberta’ altrui…

  6. Attila:

    Primo: 6 sicuro che non sia l’autore del libro che volesse farsi pubblicit√† alle spalle (ben pagate, √® notorio che i democratici sconfitti in USA vengono pagati molto bene dalle UNI statunitensi per fare delle conferenze, Gore docet)?

    Secondo: gli USA √® il I Stato in quanto a creazione di intrighi e scandali… piace molto agli Americani… √® una sorta di ritorno agli anni 60-70… tutti si sentono dei nuovi scopritori di Watergate e tutti scrivono libri a tal proposito… in Italia, purtroppo la realt√† supera di gran lunga la fantasia… cos√¨ ogni mitomane (soprattutto in politica) rischia di inventarsi baggianate che sono meno luride di quello che succede veramente… per cui non ne vale la pena…

    Terzo: anche in Italia l’ordine pubblico √® importante, come il divieto di pubblicizzare opere e/o prodotti in un luogo in cui si tiene una manifestazione (soprattutto luoghi pubblici e al chiuso) senza il consenso della societ√† organizzatrice che ne risponde alla Pubblica Sicurezza. In pi√Ļ non ci si pu√≤ esimere dal rispettare un divieto posto da un pubblico ufficiale nell’esercizio delle sue funzioni, che possono essere sindacate davanti ad un giudice in un secondo momento, senn√≤ √® resistenza a pubblico ufficiale.

    Quarto: ogni taser (soprattutto di quelli professionali, come quelli adottati dalle forze dell’ordine di qualche nazione) ha diversi gradi di intensit√† che possono essere regolati. Visto quanto urlava il soggetto, √® prospettabile che fosse ad un grado piuttosto basso, sopportabile anche da persone cardiopatiche o con problemi circolatori (i gradi pi√Ļ alti possono essere letali solo in certe condizioni e con delle applicazioni di diversi secondi ripetute per alcuni minuti, il resto √® filmografia di serie B)

  7. passate:

    Primo: ma hai guardato in faccia lo studente? E poi che c’entra?
    Secondo: e questo che c’entra con una scossa elettrica data a caso ad un ragazzo?
    Terzo: anche questo c’entra pochino…
    Quarto: il ragazzo poteva avere un peacemaker per quanto ne poteva sapere il poliziotto quindi anche a bassissimi voltaggi poteva creare gravi problemi di salute. Inoltre il suo utilizzo era TOTALMENTE inutile visto che bastavano due poliziotti (quattro se erano proprio poco addestrati come sembra di vedere dal video) per sollevarlo totalmente e portarlo fuori di peso

  8. Thomas Jefferson:

    Alberto: e chi ha parlato di democrazia in questo post?

  9. vb:

    Chiaramente il ragazzo voleva provocare… il punto √® se per una domanda come quella, pur se provocatoria, sia giusto venire seriamente malmenati senza motivo e poi arrestati.

    Certo non so se sia meglio da noi, dove l’avrebbero lasciato parlare liberamente, e poi l’avrebbero fatto segare in silenzio a tutti gli esami successivi.

  10. bruno:

    Quello che √® successo √® indubbiamente disdicevole, ma lo attribuirei pi√Ļ alla caratteristica “mano pesante” della polizia (privata) del college che alla volont√† di Kerry.Non credo che un politico come lui abbia la minima difficolt√† a smontare un ragazzino a partire da domande che gli sono state rivolte (immagino) decine di volte; anzi, nel filmato √® proprio Kerry a cercare di rispondere alla domanda e a voler concludere l’incidente in maniera diplomatica.

  11. Alberto:

    Thomas Jefferson: Io. E perché? Non si può?

  12. Thomas Jefferson:

    vb: I poliziotti hanno fatto un regalo al ragazzino che ha avuto quel che segretamente desiderava, in conseguenza del quale è finito sui giornali e telegiornali di tutto il mondo.
    Perch√© dico questo? Perch√© ho un amico americano esattamente come quello. Una volta ad una manifestazione √® stato trascinato e manganellato via da due poliziotti, √® apparso sulla prima pagina del giornale locale (un successo pi√Ļ modesto, quindi) e si vanta tutt’oggi ad anni di distanza di quella foto.

    Alberto: ora mi √® chiaro. Non capivo cosa c’entrasse. Secondo me √® una questione di petrolio, comunque.

  13. Alberto:

    Thomas Jefferson: Sai com’√®… Quando vedo un tizio che viene portato via e malmenato da poliziotti perch√© ha fatto una domanda impertinente, a me viene in mente la democrazia. Ma magari sono io che faccio associazioni di idee strampalate…

  14. Thomas Jefferson:

    Alberto: credo di s√¨. L’unico nesso che ci vedo √® che Kerry √® democratico (come partito). Secondo me √® il petrolio, te lo ribadisco, ma tu prova con l’olio di colza che va bene lo stesso.

  15. luca:

    Non mi stancher√≤ mai di elogiare le molteplici propriet√† dell’olio di colza!

  16. Thomas Jefferson:

    Thomas Jefferson: Sono sicuro che ci sono ragionamenti profondi dietro ai tuoi riferimenti a petrolio e olio di colza e che sono io che non li colgo. In ogni caso mi preoccupa alquanto che a qualcuno sfugga il nesso tra libert√† di parola e democrazia. Specialmente se √® uno che si firma Thomas Jefferson…

  17. Alberto:

    Thomas Jefferson: Sono sicuro che ci sono ragionamenti profondi dietro ai tuoi riferimenti a petrolio e olio di colza e che sono io che non li colgo. In ogni caso mi preoccupa alquanto che a qualcuno sfugga il nesso tra libertà di parola e democrazia. Specialmente se è uno che si firma Thomas Jefferson…

  18. Thomas Jefferson:

    Alberto: credo di non essere all’altezza per insegnarti la differenza tra libert√† e democrazia. Si tratta di due categorie, tutto sommato, ortogonali. Ci pu√≤ essere libert√† in assenza di democrazia e ci pu√≤ essere democrazia senza libert√†.
    Ad esempio un paese dope ti portano via il 43% di quel che produci in tasse è un paese di cui sono mezzo schiavo. Che sia una democrazia o una monarchia mi è indifferente. Sempre il 43% del mio tempo vuole.
    Se non ti piace come lo dico io, sono certo che Benjamin Franklin sapr√† essere pi√Ļ convincente: Democracy is two wolves and a lamb voting on what to have for lunch. Liberty is a well-armed lamb contesting the vote. Che poi al giorno d’oggi sia di moda la confusione tra i due termini e che si identifichino i due concetti √® altra storia – e non rende i due termini sinonimi.
    I riferimenti all’olio di colza sono buoni quanto il tuo all’esportazione della democrazia. Dici che non c’entrano? Strano…. :-P

  19. Thomas Jefferson:

    Per essere pi√Ļ chiaro. In democrazia, se la maggioranza decide di dare il taser a tutti quelli che non fanno uso frequente di olio di colza, beh, sempre democrazia √®, no?
    Qual √® la lezione? Metti l’olio di colza nel motore!

  20. sciasbat:

    E poi ci sarebbe da capire se l’olio di colza va messo nel motore o nel serbatoio

  21. luca:

    L’olio di colza √® multipiattaforma! lo puoi mettere dove vuoi!

  22. Thomas Jefferson:

    Vedo emergere una maggioranza…

  23. Luciano Mollea:

    Gi√†, e l’olio di colza sar√† la ragione della prossima guerra.
    Pi√Ļ olio di colza per tutti!

  24. RidendoMores:

    MAGARI

    Per chi ama le citazioni: neanche BF si era permesso di togliere il diritto di voto al popolo, semplicemente suggeriva di garantire la libertà di espressione alle minoranze. Magari anche al ragazzo del filmato ;)

    Concetto innovativo ed interessante: Democrazia e Libert√† intese come variabili indipendenti. Magari gli abitanti della ex Birmania si sentono liberi: la loro dittatura militare mica impone tasse cos√¨ esorbitanti come l’Italia.

    E’ assodato che chi viene picchiato, od ammazzato (vedi Baldoni), in pubblico lo fa deliberatamente in quanto narcisista od in cerca di visibilit√† mediatica. Magari cerca solo di propagandare le sue idee od esprimere la sua critica (anche se mica tanto well-armed) o semplicemente cerca di fare il suo mestiere. Magari sono altri che dovrebbero controllare il loro narcisismo.

    PS. Thomas Jefferson non aveva la barba. Magari se l’era tagliata pure lui?

  25. Thomas Jefferson:

    RidendoMores: questa logica ferrea mi ricorda il prof. Alberto.
    Devo però (se mi consenti) fare due piccoli appunti (è solo distrazione la tua):
    Io non ho affermato nulla né circa gli abitanti della Birmania, né circa il fatto che in assenza di tasse si sia automaticamente liberi.
    Ho solo affermato (e ti invito a rileggere con attenzione) che: 1) democrazia e libert√† non sono sinonimi, quindi non vanno confusi (qua si parlava di libert√† e qualcuno ha tirato in ballo la democrazia) 2) la tassazione √® una sottile forma di schiavit√Ļ. Se √® necessaria, deve essere ridotta al minimo.

    Il converso è una tua illazione.

    Ah, nota bene che nessuno ha impedito al ragazzo del filmato di esprimere il suo parere Рche infatti conosci anche tu Рgli è stato impedito di continuare pervicacemente a prevaricare gli altri.

    Infine, credo che non dovresti aver difficoltà a capire che ho affermato che quello del filmato ha avuto quanto desiderava, non che chi si fa picchiare o ammazzare in pubblico è un narcisista. Giusto per curiosità, come mai citi Baldoni e non il povero Quattrocchi?

    Ti confermo che l’olio di colza pare che sia anche molto salutare per i problemi di digestione oltre che come combustibile.

  26. Bruno:

    >nessuno ha impedito al ragazzo del filmato di esprimere il suo parere Рche infatti conosci anche tu Рgli è stato impedito di continuare pervicacemente a prevaricare gli altri.

    Thomas, non trovi che per√≤ sia stata una reazione eccessiva e prevaricatrice, quella di usare un taser su uno che sforava con i tempi dell’intervento? Un po’ come picchiare uno che ti ha sfanculato nel traffico. Per giunta, non dubito che Kerry sappia gestire da solo problemi del genere. Su quel tizio √® stato perpetrato un atto di violenza completamente inutile, credo che sarai d’accordo. A prescindere dai concetti di libert√† e democrazia.

  27. Alberto:

    Thomas Jefferson: Provo a spiegarti io invece il nesso tra libert√† di parola e democrazia anche se probabilmente non sono all’altezza neanch’io. Il nesso √® che la libert√† di parola, come molte altre libert√†, difficilmente sopravvive in sistemi autoritari, ovvero nei quali il governo √® esercitato su base diversa da quella della maggioranza dei cittadini (direttamente o indirettamente che sia), che sia diritto divino, militare o altro. Il voto della maggioranza √® l’unico modo ad oggi sperimentato con successo (in qualunque genere di comunit√†) per risolvere le controversie tra posizioni diverse in modo non violento e per questo la democrazia √® il sistema, tra quelli ad oggi sperimentati, nel quale l’espressione libera del proprio pensiero viene pi√Ļ raramente repressa. Lo studente del filmato avrebbe fatto sicuramente meno danni a Kerry se lo avessero lasciato parlare fino in fondo quindi il problema sta pi√Ļ nell’ignoranza dei poliziotti che in un difetto della democrazia come tale…
    Per carit√†, al di fuori della democrazia e dell’autoritarismo c’√® anche l’anarchia, ma che io sappia non ha mai avuto molto successo…
    Accertato empiricamente che la libert√† difficilmente sopravvive in assenza di democrazia resta da ricordare che, come ci suggerisce la metafora di Franklin che citi, che la democrazia non necessariamente garantisce la libert√†, n√© garantisce s√© stessa da involuzioni autoritarie o comunque violente. Restando alla metafora ci√≤ che garantisce l’agnello non √® per√≤ trasferire i termini della questione dalla scelta a maggioranza, alla legge del pi√Ļ forte, nella quale soccomber√† comunque. Ci√≤ che garantisce l’agnello ed anche i lupi √® il riconoscimento del fatto di costituire una comunit√† la cui forza sta nel concorso di tutti e i cui conflitti finiscono per esserne la debolezza. Per questo uno dei pilastri della societ√† democratica, insieme alla libert√† √® quel sentirsi parte di un tutto, altrimenti definito senso dello Stato, cosa che spiega perch√© non basta votare, ovvero dotarsi di meccanismi democratici, (vedi Iraq ma anche Kossovo) per poter superare i conflitti. Se penso ai sunniti iracheni (ma in parte anche i serbi kossovari) trovo che assomiglino un po’ all’agnello di Franklin, no? Eppure la soluzione armarsi e difendersi non ha dato molti risultati, no?
    Ho l’impressione che quando dici che democrazia e libert√† sono ortogonali confondi la democrazia con l’egualitarismo che √® idea necessaria al consolidamento di un contesto democratico ma non coincide con la democrazia. Non c’√® dubbio che l’egualitarsimo finisce col limitare fatalmente la libert√† individuale. Indipendentemente dal fatto che la pressione fiscale sia al 43% o al 20% tu ti senti giustamente limitato nella tua libert√† dal fatto di dover pagare le tasse ma quella privazione della libert√† ti consente di viaggiare su strade asfaltate, andare in scuole pubbliche, pagare di meno i medicinali che ti sono necessari eccetera eccetera…
    Detto in due parole la democrazia √® uno strumento non violento per risolvere i conflitti e quindi per permettere il governo di un paese, l’egualitarismo √® ci√≤ permette alla democrazia di funzionare, la libert√† √® ci√≤ che la democrazia ci consente di ottenere.
    Sono passati pi√Ļ di 200 anni dalla nascita di Tocqueville che sottoline√≤ per primo, credo, il conflitto tra egualitarismo e libert√† individuale ma questo conflitto non si √® ancora risolto e ho l’impressione che se non si √® risolto √® perch√© √® da un equilibrio tra queste due esigenze che dipende il buon funzionamento di uno Stato moderno. Che ne dici?
    Ciao

  28. sciasbat:

    Alberto, credo che anche Thomas Jefferson non possa fare a meno che convenire che sei stato pi√Ļ chiaro di von Mises, von Hayek e tutti i filosofi da John Locke in su.

  29. bruno:

    Caro Sciasbat, non sono d’accordo. Secondo me Von Hayek era pi√Ļ chiaro di Alberto. Per non parlare di sua nipote Selma.

  30. .mau.:

    tanto non ce la fate a superare il thread Si chiama mercato (ancora su Lidl). Siete dei dilettanti.

  31. Bruno:

    E chi lo dice, .mau.? Basta impegnarsi…

  32. Thomas Jefferson:

    Qua c’√® gente che confonde l’olio di colza con la melassa.

    Sciasbat: ne convengo.

  33. Bruno:

    E anche chi, a corto di argomenti, cerca di buttarla in rissa.

  34. Thomas Jefferson:

    Bruno dici? A volte gli argomenti ci sono ma uno preferisce l’ironia.
    E’ semplicemente che ho esposto il mio punto di vista, non pretendo di aver ragione. Non voglio certo buttarla in rissa, facevo solo un po’ di ironia. Se non ti √® piaciuta pace, a volte capita.
    Visto che mi pare alluda a me però argomento almeno un punto:

    Ho l’impressione che quando dici che democrazia e libertà sono ortogonali confondi la democrazia con l’egualitarismo che è idea necessaria al consolidamento di un contesto democratico ma non coincide con la democrazia. Non c’è dubbio che l’egualitarsimo finisce col limitare fatalmente la libertà individuale.

    Detto in due parole la democrazia è uno strumento non violento per risolvere i conflitti e quindi per permettere il governo di un paese, l’egualitarismo è ciò permette alla democrazia di funzionare, la libertà è ciò che la democrazia ci consente di ottenere.

    Non vedi contrasto tra le due affermazioni?

    Io credo che questo sia in parte wishful thinking, in parte arbitrario. Credo di aver mostrato che la democrazia di per sé non consente di ottenere la libertà e che sono due concetti differenti e ortogonali, anzi la democrazia (specie in alcune forme, ad esempio la democrazia diretta) la libertà la sopprime, quanto e peggio di qualunque altro sistema autoritario. Perché la democrazia in sé non è necessariamente non autoritaria. Ed è esattamente quel che la frase di Franklin mette in evidenza.
    Aggiungo un’altra cosa: l’egualitarismo, non essendo nell’ordine naturale delle cose, con la sua tendenza livellatrice √® di per s√© prepotente (oltre che economicamente dannoso). Molte dittature del ‘900 non sono nate da monarchie, ma sono nate da democrazie.

    Sempre attribuita a BF: “A Democracy will vote away its rights.” Au revoir :-)

  35. Alberto:

    Thomas Jefferson: No. Non vedo il contrasto. Dire che egualitarismo e libert√† spesso si limitano reciprocamente ma l’egualitarismo √® ci√≤ che ci consente di tenere in piedi la democrazia che √® il sistema tra quelli sperimentati che garantisce agli uomini il massimo grado di libert√† non mi pare affatto contraddittorio.
    La democrazia è non autoritaria per definizione nel senso che democrazia ed autoritarismo hanno definizioni mutuamente esclusive. Per autoritarismo si intende solitamente un sistema politico in cui chi governa lo fa indipendentemente da un consenso polare mentre nella democrazia chi governa ne è legittimato da un consenso popolare (comunque esso sia raccolto).
    Forse tu confondi l’autoritarismo con una generica limitazione della libert√† individuale che √® presente, in vario grado, non solo nei sistemi autoritari cos√¨ come in quelli democratici, ma addirittura in qualunque genere di comunit√†. Se io e la mia fidanzata andiamo a vivere insieme limitiamo necessariamente la nostra libert√† individuale, indipendentemente dal fatto che sia io a dettar legge, che sia lei o che tra di noi ci sia un rapporto relativamente egualitario. Se ci√≤ che cerchi √® quindi la libert√† individuale assoluta la troverai forse solo vivendo sotto i ponti, ma chiss√† come mai a pochi piace l’idea…
    Se confrontiamo invece democrazia ed autoritarismo ci accorgiamo che in un sistema autoritario chi governa, non necessitando del diretto consenso popolare, pu√≤ permettersi di reprimere la libert√† individuale per poter controllare meglio il paese e non rischiare di perdere il potere acquisito. Per questo solitamente un sistema autoritario concede ai suoi cittadini un grado di libert√† infinitamente inferiore a qualunque paese democratico, se poi conosci paesi autoritari nei quali uno pu√≤ andare in piazza davanti a 300.000 persone mandando aff****lo chi lo governa facci sapere…
    Per quanto riguarda la presunta prepotenza dell’egualitarismo, in quanto non nella natura delle cose, √® un punto di vista, ma non posso che ricordarti che la maggior parte delle strutture della nostra societ√† non sono “nella natura delle cose” ma, anche qui, l’idea di tornare nelle caverne non piace a nessuno…
    Ciao

  36. Thomas Jefferson:

    Alberto: vedo che non riesci a fare un ragionamento rigoroso che sia uno. Il discorso dei 300000 di nuovo non c’entra niente. Non ho fatto affermazioni n√© in un verso n√© nell’altro in materia. Per cortesia, attieniti a quel che scrivo.

    E ora andiamo alle definizioni. Mi riferisco alla Garzanti perch√© c’√® online, ma credo che altri dizionari non dovrebbero differire molto.
    L’egualitarismo (dalla garzanti: 1 (st.) tendenza politica sorta in Francia con l’illuminismo e ripresa durante la rivoluzione, che mirava a realizzare l’assoluta uguaglianza economica e sociale fra i cittadini attraverso la soppressione della propriet√† e il livellamento delle remunerazioni. 2 aspirazione politica a realizzare l’uguaglianza di fatto tra le classi, tra i gruppi e tra i singoli. ) √® come vedi il forzare un’uguaglianza economica a prescindere dalle attitudini e dalle abilit√†. Come tale √® prepotenza ed √® contro la natura delle cose. Provo a dirlo in altri termini: stai alterando una situazione di disuguaglianza naturale. Fossimo uguali, capiresti chi √® che si sta confondendo. Tu, infatti, confondi egualitarismo ed uguaglianza, tipico dei socialisti.

    Sempre dalla Garzanti: Autoritarismo: l’essere autoritario. E Autoritario: 1 che esercita con fermezza, intransigenza e anche con una certa esagerazione ed ostentazione la propria autorit√†: capo, padre autoritario | stato, governo autoritario, in cui il potere esecutivo riduce o annulla l’autonomia degli altri poteri, negando i diritti delle opposizioni e limitando le libert√† del cittadino
    2 (estens.) dispotico, prepotente: carattere autoritario.

    Come vedi, si pu√≤ applicare tranquillamente anche ad una democrazia diretta (esistono varie forme di democrazia, lo sai, vero?). A volte si parla di “dittatura della maggioranza”.

    Quindi riassumendo: l’egualitarismo non ha nulla a che vedere con la democrazia (al pi√Ļ l’uguaglianza – una testa, un voto). E la democrazia pu√≤ avere caratteri dittatoriali. Hitler non √® stato eletto democraticamente? E Mussolini non ha preso il potere in seguito ad elezioni? E il Terrore in Francia si √® forse scatenato con la monarchia?

    Per tutto il resto, hai ragione :-)
    Passo e chiudo.

  37. Alberto:

    Thomas Jefferson: scusami tanto ogni tanto mi perdo… Ero convinto di aver letto qualcosa scritto da te in cui si diceva “la democrazia la libert√† la sopprime, quanto e peggio di qualunque sistema autoritario” per questo ho replicato ricordandoti che “un sistema autoritario concede ai suoi cittadini un grado di libert√† infinitamente inferiore a qualunque paese democratico” spiegandoti perch√© e citando qualche esempio, come mi hanno insegnato a fare per svolgere un ragionamento rigoroso (a costo di scrivere post molto lunghi). Probabilmente per√≤ la frase iniziale l’aveva scritta qualcun altro ed ho fatto confusione io. Abbi pazienza…
    Per quanto riguarda la confusione tra egualitarismo e uguaglianza tu dici che la Garzanti definisce: “egualitarismo: aspirazione politica a realizzare l’uguaglianza di fatto tra le classe, tra i gruppi e tra i singoli” che per inciso √® esattamente quello che sostengo io, cosa per√≤ che, secondo te, manifesta una confusione dei due concetti tipica del mio essere socialista (ah…). Se poi penso che Tocqueville definiva una delle basi della democrazia “la forte aspirazione degli individui all’uguaglianza” mi viene il terribile dubbio che anche la Garzanti e Tocqueville fossero socialisti… Ma probabilmente √® solo perch√© non so fare un ragionamento rigoroso che sia uno….

    Per quanto riguarda l’autoritarismo, come ti ho detto, intendo per autoritarismo un sistema politico il cui governo non necessita della legittimazione dei cittadini, se poi questo concetto lo vuoi chiamare in un altro modo va benissimo (lo chiamer√≤ sistema di tipo A), ma √® un concetto esattamente opposto rispetto a quello di un sistema il cui governo riceve invece legittimazione dai cittadini. Il secondo tipo di sistema (che chiamer√≤ di tipo B) non esclude che chi viene legittimato dai cittadini a governare abbia aspirazioni autoritarie (ovvero “miri a ridurre o cancellare l’autonomia degli altri poteri, negare i diritti delle opposizioni e limitare la libert√† del cittadino“) ed infatti, guarda caso, sia Hitler che Mussolini eliminarono gli altri partiti politici e cancellarono libere elezioni negando quindi la legittimazione popolare, trasformando di fatto il sistema di tipo B in un sistema di tipo A, appunto perch√© un sistema di tipo B non si conciliava con le loro aspirazioni autoritarie. Come accennavo in un precedente post, la democrazia, da sola, non garantisce s√© stessa da involuzioni autoritarie e violente, per questo la democrazia deve dotarsi di leggi e meccanismi autoprotettivi che per√≤, anch’essi, limiteranno la libert√† individuale, ahim√©… Che dire… E’ un brutto mondo…

    Ciao

  38. Thomas Jefferson:

    Avevo chiesto al proprietario del sito di rimuovere il mio ultimo commento perché mi sono reso conto dopo di essermi espresso male e temevo di ingenerare una polemica. Funziona il sistema di segnalazione sul blog?

    Provo a spiegarmi meglio:
    Alberto: non voglio insistere, ma mi sembra che continui a confondere egualitarismo e uguaglianza. Hai notato che si parla di “uguaglianza di fatto”? √® una cosa diversa dall’uguaglianza (una testa, un voto) come la intendeva Tocqueville o Jefferson: “All Men are Created Equal”. Quest’ultimo concetto di uguaglianza lo condivido; indica pari dignit√†, uguaglianza di fronte alla legge e il fatto che non esistono caste o classi per nascita. Uguaglianza di fatto, invece, √® il livellamento delle condizioni economiche. Quella √® prepotenza, tant’√® che non √® realizzabile se non c’√® un apparato coercitivo dietro.

    E ora, veramente, lascio perdere questo thread. Ho risposto solo perché il mio commento precedente non è stato rimosso in tempo e mi sentivo quindi in dovere di spiegarmi meglio e con meno enfasi. Mi scuso con tutti per la lunghezza di questo ennesimo commento.

 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2021 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike